La fallacia di Dio e il Barbiere

Pagina 1 di 14 1, 2, 3 ... 7 ... 14  Seguente

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

La fallacia di Dio e il Barbiere

Messaggio Da SpaceGodzilla il Lun 12 Ott - 15:34

Sicuramente è una storia che conoscete, ma ho notato che non se ne è ancora parlato a riguardo in questo forum! Comunque si la trovo abbastanza divertente, visto che viene postata e ripostata da certi credenti per giustificare la pigrizia di Yhwh, perciò mi piacerebbe sapere la vostra smentita su tale storiella. mgreen

Racconto:
Un uomo va dal barbiere e si legge la Bibbia. Il cliente viene notato che ha una certa devozione e il barbiere gli dice: "Io non credo che Dio (Nds: Yhwh) esista, altrimenti avrebbe già eliminato tutte le sofferenze che ci sono". L'uomo, uscito dal negozio, allora trova un capellone, lo porta dal barbiere e gli dice: "I barbieri non esistono, altrimenti non ci sarebbero capelloni! Il punto è che se c'è sofferenza è perché l'uomo non si avvicina a Dio!"

La mia smentita:
Ovviamente per i fedeli, come già detto prima, è una specie di manna che distribuiscono e condividono non appena si mette in discussione la limitatezza di Dio nelle sue azioni riguardo al male: difatti ci si appella al fatto che debba essere l'uomo ad avvicinarsi a Dio per eliminare le sofferenza, altrimenti Yhwh non ha nessuna colpa al riguardo, come il barbiere di fronte ai capelloni. Eppure il motivo per cui questo paragone si sputtana è evidentissimo, ovvero che il barbiere non ha nessuna responsabilità nelle scelte del "look" degli uomini in quanto egli si offre per chi è interessato a darsi una sistemata (ricordando che pure un capellone potrebbe farsi qualche ritocco dal barbiere rimanendo un capellone, altro punto cruciale). Dio invece? Sappiamo benissimo che egli è un Creatore che pretende di essere non solo Onnipotente e Onnisciente, ma perfino un essere d'Amore con lo scopo di riunificare l'Umanità sotto il suo nome, in quanto responsabile della sua origine e in quanto professa di amare gli uomini: come può allora un Dio pretendere di essere Amore e di amare il genere umani se lo lascia vagare nell'ignoranza, per di più sottoponendo sé stesso ad una serie di regole che potrebbe infrangere e ricorreggere tramite la sua Onnipotenza (Perfino Shinji Ikari riesce a compiere la sua volontà fregandosene delle regole)? Perfino l'autorizzazione al Libero Arbitrio è qualcosa di poco amorevole, se non stupido e infruttuoso, nei confronti dell'uomo: conoscendo il risultato, gli sarebbe bastato pure uno schiocco di dita per "illuminare" l'essere umano e farlo tornare indietro dai suoi errori. Oppure, semplicemente, avrebbe potuto creare l'Universo senza alcuna concezione di Dubbio e Imperfezione...
Altro aspetto è che anche avvicinandosi a Dio la sofferenza è continuata a permanere, come ci insegna la Storia e come ci insegnano i casi umani odierni: quello che più conta quindi è di far funzionare il cervello e imparare ad avere dei principi morali e etici che chiunque, con un minimo di Logica, può avere.

A voi la parola
avatar
SpaceGodzilla
-------------
-------------

Maschile Numero di messaggi : 271
Età : 19
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 09.07.15

Tornare in alto Andare in basso

Re: La fallacia di Dio e il Barbiere

Messaggio Da Rasputin il Lun 12 Ott - 15:50

Si tratta di un semplice non sequitur, sono su iPhone e sarebbe un po' complicato linkare ma se vuoi puoi fare una ricerca

_________________
I always have ammo in my back pocket weherever I go (Hickok45)

Vivo solo una volta, ma come vivo io, una volta basta.

Ma cosa credi, che uno si sveglia una mattina e decide di lavorare in un carcere? Quella è gente perversa! (Vanessa Lutz)

avatar
Rasputin
..............
..............

Maschile Numero di messaggi : 49861
Età : 56
Località : Augusta vindelicorum
Occupazione/Hobby : Antinazista non praticante
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 28.10.09

Tornare in alto Andare in basso

Re: La fallacia di Dio e il Barbiere

Messaggio Da SpaceGodzilla il Lun 12 Ott - 15:55

Rasputin ha scritto:Si tratta di un semplice non sequitur, sono su iPhone e sarebbe un po' complicato linkare ma se vuoi puoi fare una ricerca
Oki Doki
avatar
SpaceGodzilla
-------------
-------------

Maschile Numero di messaggi : 271
Età : 19
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 09.07.15

Tornare in alto Andare in basso

Re: La fallacia di Dio e il Barbiere

Messaggio Da Minsky il Lun 12 Ott - 17:23

Se entro in un salone di barbiere trovo uno o più barbieri, se entro in una chiesa (sinagoga / moschea / salcazzo) trovo soltanto uno o più buffoni farneticanti.

_________________
avatar
Minsky
--------------
--------------

Maschile Numero di messaggi : 14404
Età : 62
Località : Codroipo
Occupazione/Hobby : ateo guerriero
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 06.10.11

Tornare in alto Andare in basso

Re: La fallacia di Dio e il Barbiere

Messaggio Da Rasputin il Lun 12 Ott - 17:27

Wendy?



https://it.wikipedia.org/wiki/Non_sequitur_(logica)

sono arrivato a casa mgreen

_________________
I always have ammo in my back pocket weherever I go (Hickok45)

Vivo solo una volta, ma come vivo io, una volta basta.

Ma cosa credi, che uno si sveglia una mattina e decide di lavorare in un carcere? Quella è gente perversa! (Vanessa Lutz)

avatar
Rasputin
..............
..............

Maschile Numero di messaggi : 49861
Età : 56
Località : Augusta vindelicorum
Occupazione/Hobby : Antinazista non praticante
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 28.10.09

Tornare in alto Andare in basso

Re: La fallacia di Dio e il Barbiere

Messaggio Da Paolo il Lun 12 Ott - 22:52

La questione non è poi così scontata come sembra. Io direi che questo è un punto dove mai nessun credente, nemmeno quelli pùi più fanatici, o più convinti (Ehh Holub!! Te l'ho chiesto tante volte ma non mi hai mai risposto!!!) sono stati in grado di dare, non dico una risposta, ma nemmeno una spiegazione che li metta in una posizione di sostenere vagamente la loro dottrina di amore.

La questione qui posta risulta essere risibile, per non dire ridicola, se prendiamo in considerazione il genere umano responsabile e "colpevole" delle sue azioni. Sbaglia, si allontana da dio e ne subisce le conseguenze. Cazzata colossale, ma unico argomento che credente di racconta.

Ma la questione diventa del tutto insostenibile, per non dire ripugnate, se consideriamo gli innocenti per definizione, ovvero i bambini! Il discorso si potrebbe allargare anche agli animali. Ovvero quale "mostro delinquete" potrebbe creare le specie viventi animali fondate sulla catena alimentare. Ma senza allargare troppo il ragionamento, rimaniamo sul genere umano.

La dottrina cristiana sostiene che dio è amore, che dio ama l'uomo, bla ..bla ...bla e il male è la conseguenza del suo errato comportamento.

"

Ora io mi domando: ma che colpe può avere un bambino anche di pochissimi anni, per meritarsi queste sofferenze aspettando solo di morire? Ma come può una persone "normale" pensare di adorare un "mostro" che è stato capace di creare un sistema così fatto?  Io nutro profondo disprezzo nei confronti di chi ha il coraggio di sostenere che dio è amore e la colpa è dell'uomo! Si dovrebbero vergognare e dovrebbero aver un po' di rispetto per chi, essere del tutto innocente e sicuramente privo di ogni colpa, deve subire il male in modo così disumano!!!
avatar
Paolo
-------------
-------------

Maschile Numero di messaggi : 8664
Età : 62
Località : Brescia
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 14.03.10

Tornare in alto Andare in basso

Re: La fallacia di Dio e il Barbiere

Messaggio Da Justine il Mar 13 Ott - 4:30

La domanda fondamentale a cui rispondere, ancor prima di gettare meriti/demeriti sull'essere umano, come se alla fine anche la più interessata e profonda delle giustizie potesse avere qualche significato nello schema delle cose (una volta giustiziati tutti, che si fa, se va a casa a far la carbonara?) è questa: perché tutti i piani di redenzioni varie/salvezze equidistribuite (male) devono tutti apparire come se dio/gli dei (non capisco ancora perché alcuni professino certi che ce ne sia esclusivamente uno) giocassero a The Sims? La divinità o le divinità in questione dovrebbero innanzitutto spiegare il loro senso a se stesse medesime, prima di avocare parametri ad abundantiam con cui vergare o scagionare questo e quell'altro. E se uno volesse comportarsi da Sims cosciente, e magari compiere del "male" perché ciò lo realizza? Pensa a Walter White, che io cito spesso.
Perché una divinità ha bisogno di 'sti giochini con dei pezzi di carbonio (o di merda, a seconda) per sentirsi "viva"?

_________________
Smettetela di bistrattare e misinterpretare la Scienza per fingere di dare plausibilità alle vostre troiate
Grazie
avatar
Justine
----------
----------

Femminile Numero di messaggi : 15568
Occupazione/Hobby : Qui è l'una antenna
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 24.05.14

Tornare in alto Andare in basso

Re: La fallacia di Dio e il Barbiere

Messaggio Da holubice il Mar 13 Ott - 17:48

Paolo ha scritto:... Ora io mi domando: ma che colpe può avere un bambino anche di pochissimi anni, per meritarsi queste sofferenze aspettando solo di morire? Ma come può una persone "normale" pensare di adorare un "mostro" che è stato capace di creare un sistema così fatto?  Io nutro profondo disprezzo nei confronti di chi ha il coraggio  di sostenere che dio è amore e la colpa è dell'uomo! Si dovrebbero vergognare e dovrebbero aver un po' di rispetto per chi, essere del tutto innocente e sicuramente privo di ogni colpa, deve subire il male in modo così disumano!!!
Tu parli così perché ignori quello che c'è 'dopo'.



Se sapessi che cosa ti aspetta potrebbe aspettare dopo, allora anche la più indicibile delle sofferenze finisce per squagliarsi come neve al sole.

"L'inverno sarà breve. La primavera durerà in eterno."

Mi pare l'abbia detta una qualche santa. Sottoscrivo in pieno.

E guarda che parlo per cognizione di causa. Non mi è capitato di avere un bambino affetto da cancro in casa, ma uno di soli pochi mesi aperto a metà come un melone sì. Rimarrete inorriditi per quanto vi sto per dire, ma io non ero poi tanto preoccupato per quello che stavano combinando tutti quei dottori in sala operatoria. Né quando mi è ritornato in coma indotto e con cento tubi.

La mia esperienza ha cambiato un po' tutto nella mia vita. Ora metto tutto nella giusta 'prospettiva'.


linux
avatar
holubice
-------------
-------------

Numero di messaggi : 6212
Età : 115
Località : 43°91′45″N 12°91′91″E
Occupazione/Hobby : Novello Disoccupato
SCALA DI DAWKINS :
0 / 700 / 70

Data d'iscrizione : 28.07.10

Tornare in alto Andare in basso

Re: La fallacia di Dio e il Barbiere

Messaggio Da SpaceGodzilla il Mar 13 Ott - 17:58

holubice ha scritto:
Paolo ha scritto:... Ora io mi domando: ma che colpe può avere un bambino anche di pochissimi anni, per meritarsi queste sofferenze aspettando solo di morire? Ma come può una persone "normale" pensare di adorare un "mostro" che è stato capace di creare un sistema così fatto?  Io nutro profondo disprezzo nei confronti di chi ha il coraggio  di sostenere che dio è amore e la colpa è dell'uomo! Si dovrebbero vergognare e dovrebbero aver un po' di rispetto per chi, essere del tutto innocente e sicuramente privo di ogni colpa, deve subire il male in modo così disumano!!!
Tu parli così perché ignori quello che c'è 'dopo'.
Pardon, Holu, ma tu ignori quanto sia stupido fare il bene 'dopo' e non prima, se non dal principio.
avatar
SpaceGodzilla
-------------
-------------

Maschile Numero di messaggi : 271
Età : 19
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 09.07.15

Tornare in alto Andare in basso

Re: La fallacia di Dio e il Barbiere

Messaggio Da Paolo il Mar 13 Ott - 18:12

Guarda Holub lo sai che in fondo mi sempre stato simpatico nonostante le tue idee ! Ma su questo non transigo. Esprimo tutto il mio disprezzo per te! Trovo intollerabile, inaccettabile e disgustosa la tua posizione. Non vado oltre perchè andrei nelle offese. E qui è una cosa personale!

Ma che cazzo di ragionamento è? La sofferenza di un innocente "vero e puro" non ha, e non può avere alcuna giustificazione! Ma come puoi pensare di infliggere tali sofferenze ad un essere vivente con la consolazione che poi sarà compensato. Tu nell'istante in cui lo fai soffrire hai già commesso un abominio, la compensazione non può certo e in alcun modo rimediare a questo.

Ma se tu fai una rapina e poi ti penti e anche risarcisci il danno ti arrestano e vai in galera!!! Forse avrei uno sconto della pena ma nulla più! Criminale sei e criminale rimani. Solo che dio non lo possiamo arrestare in quanto non esiste per fortuna!!!

Io ammiro e amo molto di più un bambino innocente che deve soffrire per poi morire che non quel porco del tuo dio che a tuo dire è la causa di tutto questo!! E per fortuna che non esiste !!! Ma come cazzo fai a pensare di adorare un essere che va venire il vomito al solo pensare di cosa sia capace. Holub rinnovo tutto il mio disprezzo nei tuoi confronti!
avatar
Paolo
-------------
-------------

Maschile Numero di messaggi : 8664
Età : 62
Località : Brescia
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 14.03.10

Tornare in alto Andare in basso

Re: La fallacia di Dio e il Barbiere

Messaggio Da Justine il Mar 13 Ott - 18:17

holubice ha scritto:Tu parli così perché ignori quello che c'è 'dopo'.




Infatti; chiunque riesca a vedere "senso" in un movimento rotazionale fine a se stesso, è parecchio beato.
Chi ha un briciolo di consapevolezza sa che niente al mondo può attribuire, nemmeno vallate di latte e miele sparse qua e là lungo la via (appunto) Lattea, "senso" alle cose.
Viviamo di stimoli forgiati dall'evoluzione; di fame, sete e desiderio di conoscenza, motori evolutivi par excellence della storia; ma come spesso diciamo - se tutto finisse nel più completo buio, come effettivamente sarà - non cambierà molto più che se si finisse con i Marshmallow (sorry, subliminale advertising Android linux ) in pugno a suonare il Tannhauser

_________________
Smettetela di bistrattare e misinterpretare la Scienza per fingere di dare plausibilità alle vostre troiate
Grazie
avatar
Justine
----------
----------

Femminile Numero di messaggi : 15568
Occupazione/Hobby : Qui è l'una antenna
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 24.05.14

Tornare in alto Andare in basso

Re: La fallacia di Dio e il Barbiere

Messaggio Da Justine il Mar 13 Ott - 18:20

SpaceGodzilla ha scritto:
holubice ha scritto:
Paolo ha scritto:... Ora io mi domando: ma che colpe può avere un bambino anche di pochissimi anni, per meritarsi queste sofferenze aspettando solo di morire? Ma come può una persone "normale" pensare di adorare un "mostro" che è stato capace di creare un sistema così fatto?  Io nutro profondo disprezzo nei confronti di chi ha il coraggio  di sostenere che dio è amore e la colpa è dell'uomo! Si dovrebbero vergognare e dovrebbero aver un po' di rispetto per chi, essere del tutto innocente e sicuramente privo di ogni colpa, deve subire il male in modo così disumano!!!
Tu parli così perché ignori quello che c'è 'dopo'.
Pardon, Holu, ma tu ignori quanto sia stupido fare il bene 'dopo' e non prima, se non dal principio.

Tecnicamente è possibile fare del "bene" da morti. Pensa ai nemici, quando se ne vanno sottoterra

_________________
Smettetela di bistrattare e misinterpretare la Scienza per fingere di dare plausibilità alle vostre troiate
Grazie
avatar
Justine
----------
----------

Femminile Numero di messaggi : 15568
Occupazione/Hobby : Qui è l'una antenna
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 24.05.14

Tornare in alto Andare in basso

Re: La fallacia di Dio e il Barbiere

Messaggio Da chef75 il Mar 13 Ott - 18:34

holubice ha scritto:
Paolo ha scritto:... Ora io mi domando: ma che colpe può avere un bambino anche di pochissimi anni, per meritarsi queste sofferenze aspettando solo di morire? Ma come può una persone "normale" pensare di adorare un "mostro" che è stato capace di creare un sistema così fatto?  Io nutro profondo disprezzo nei confronti di chi ha il coraggio  di sostenere che dio è amore e la colpa è dell'uomo! Si dovrebbero vergognare e dovrebbero aver un po' di rispetto per chi, essere del tutto innocente e sicuramente privo di ogni colpa, deve subire il male in modo così disumano!!!
Tu parli così perché ignori quello che c'è 'dopo'.


Beato te che invece lo sai.

_________________
Quando la maggior parte di una società è stupida allora la prevalenza del cretino diventa dominante ed ineguagliabile.
Carlo M. Cipolla

E>en
avatar
chef75
------------
------------

Maschile Numero di messaggi : 7647
Età : 42
Località : una cucina
Occupazione/Hobby : uncinetto
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 12.11.09

Tornare in alto Andare in basso

Re: La fallacia di Dio e il Barbiere

Messaggio Da kalab99 il Mar 13 Ott - 20:31

SpaceGodzilla ha scritto:Sicuramente è una storia che conoscete, ma ho notato che non se ne è ancora parlato a riguardo in questo forum! Comunque si la trovo abbastanza divertente, visto che viene postata e ripostata da certi credenti per giustificare la pigrizia di Yhwh, perciò mi piacerebbe sapere la vostra smentita su tale storiella. mgreen

Racconto:
Un uomo va dal barbiere e si legge la Bibbia. Il cliente viene notato che ha una certa devozione e il barbiere gli dice: "Io non credo che Dio (Nds: Yhwh) esista, altrimenti avrebbe già eliminato tutte le sofferenze che ci sono". L'uomo, uscito dal negozio, allora trova un capellone, lo porta dal barbiere e gli dice: "I barbieri non esistono, altrimenti non ci sarebbero capelloni! Il punto è che se c'è sofferenza è perché l'uomo non si avvicina a Dio!"

La mia smentita:
Ovviamente per i fedeli, come già detto prima, è una specie di manna che distribuiscono e condividono non appena si mette in discussione la limitatezza di Dio nelle sue azioni riguardo al male: difatti ci si appella al fatto che debba essere l'uomo ad avvicinarsi a Dio per eliminare le sofferenza, altrimenti Yhwh non ha nessuna colpa al riguardo, come il barbiere di fronte ai capelloni. Eppure il motivo per cui questo paragone si sputtana è evidentissimo, ovvero che il barbiere non ha nessuna responsabilità nelle scelte del "look" degli uomini in quanto egli si offre per chi è interessato a darsi una sistemata (ricordando che pure un capellone potrebbe farsi qualche ritocco dal barbiere rimanendo un capellone, altro punto cruciale). Dio invece? Sappiamo benissimo che egli è un Creatore che pretende di essere non solo Onnipotente e Onnisciente, ma perfino un essere d'Amore con lo scopo di riunificare l'Umanità sotto il suo nome, in quanto responsabile della sua origine e in quanto professa di amare gli uomini: come può allora un Dio pretendere di essere Amore e di amare il genere umani se lo lascia vagare nell'ignoranza, per di più sottoponendo sé stesso ad una serie di regole che potrebbe infrangere e ricorreggere tramite la sua Onnipotenza (Perfino Shinji Ikari riesce a compiere la sua volontà fregandosene delle regole)? Perfino l'autorizzazione al Libero Arbitrio è qualcosa di poco amorevole, se non stupido e infruttuoso, nei confronti dell'uomo: conoscendo il risultato, gli sarebbe bastato pure uno schiocco di dita per "illuminare" l'essere umano e farlo tornare indietro dai suoi errori. Oppure, semplicemente, avrebbe potuto creare l'Universo senza alcuna concezione di Dubbio e Imperfezione...
Altro aspetto è che anche avvicinandosi a Dio la sofferenza è continuata a permanere, come ci insegna la Storia e come ci insegnano i casi umani odierni: quello che più conta quindi è di far funzionare il cervello e imparare ad avere dei principi morali e etici che chiunque, con un minimo di Logica, può avere.

A voi la parola

Ti sei risposto da solo. L'uomo è libero di andare dal barbiere che vuole e di farsi i capelli come vuole. Può anche credere che il barbiere da cui va sia Dio. O che il modo in cui si acconcia i capelli sia secondo i voleri di una cosa che chiama Dio. O che no, lui i capelli se li fa secondo ragione. O secondo scienza.


L'importante è che non ci si ammazzi per come ci si fa i capelli. Ed ecco la sofferenza. Ma il barbiere, che colpa ne ha?
avatar
kalab99
-----------
-----------

Maschile Numero di messaggi : 955
Età : 27
Località : Torino
Occupazione/Hobby : Studente di medicina, letteratura
SCALA DI DAWKINS :
0 / 700 / 70

Data d'iscrizione : 02.04.10

Tornare in alto Andare in basso

Re: La fallacia di Dio e il Barbiere

Messaggio Da Minsky il Mar 13 Ott - 20:41

kalab99 ha scritto:...
Ma il barbiere, che colpa ne ha?
Nessuna, visto che non esiste, afferma la storiella: "altrimenti non ci sarebbero capelloni".

_________________
avatar
Minsky
--------------
--------------

Maschile Numero di messaggi : 14404
Età : 62
Località : Codroipo
Occupazione/Hobby : ateo guerriero
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 06.10.11

Tornare in alto Andare in basso

Re: La fallacia di Dio e il Barbiere

Messaggio Da kalab99 il Mar 13 Ott - 20:48

Minsky ha scritto:
kalab99 ha scritto:...
Ma il barbiere, che colpa ne ha?
Nessuna, visto che non esiste, afferma la storiella: "altrimenti non ci sarebbero capelloni".

Qualcuno ci va però, non tutti hanno imparato a tagliarsi i capelli da sé. E non è, di nuovo, colpa del barbiere.
avatar
kalab99
-----------
-----------

Maschile Numero di messaggi : 955
Età : 27
Località : Torino
Occupazione/Hobby : Studente di medicina, letteratura
SCALA DI DAWKINS :
0 / 700 / 70

Data d'iscrizione : 02.04.10

Tornare in alto Andare in basso

Re: La fallacia di Dio e il Barbiere

Messaggio Da Paolo il Mar 13 Ott - 21:08

La questione che maggiormente mi indispone è il fatto che il credente pur di non dover ammettere le assurdità delle loro posizioni è disposto ad accettare, o ancora peggio a sostenere, posizioni a dir poco assurde e disgustose. Questa è una ulteriore dimostrazione dell'egoismo che è alla base della dottrina cristiana! Quello in cui credo io è giusto, se poi danneggia te a me non me ne frega niente. Il mio dio, che poi altro non è che la manifestazione del mio io in cui mi identifico, abbia sempre ragione! Ammettere che ci sia qualcosa che non va bene equivale ad ammettere che c'è qualcosa che non va in me. Ed è la cosa più difficile da accettare.

Dover ammettere che ci sono elementi dottrinali assurdi, inaccettabili, di fatto fa crollare l'intera dottrina. Perciò meglio fare lo struzzo e tirare dritto.

Affrontare "lealmente" e con onestà intellettuale queste problematiche è molto molto più difficile che fregarsene e andare avanti con assurde contraddizioni facendo finta che non esistano o a cui si da delle spiegazioni a dir poco vergognose.
avatar
Paolo
-------------
-------------

Maschile Numero di messaggi : 8664
Età : 62
Località : Brescia
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 14.03.10

Tornare in alto Andare in basso

Re: La fallacia di Dio e il Barbiere

Messaggio Da Paolo il Mar 13 Ott - 21:10

kalab99 ha scritto:
Minsky ha scritto:
kalab99 ha scritto:...
Ma il barbiere, che colpa ne ha?
Nessuna, visto che non esiste, afferma la storiella: "altrimenti non ci sarebbero capelloni".

Qualcuno ci va però, non tutti hanno imparato a tagliarsi i capelli da sé. E non è, di nuovo, colpa del barbiere.

Ma il barbiere è onnipotente o no? O è un barbiere diversamente abile?
avatar
Paolo
-------------
-------------

Maschile Numero di messaggi : 8664
Età : 62
Località : Brescia
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 14.03.10

Tornare in alto Andare in basso

Re: La fallacia di Dio e il Barbiere

Messaggio Da kalab99 il Mar 13 Ott - 21:23

Paolo ha scritto:
kalab99 ha scritto:
Minsky ha scritto:
kalab99 ha scritto:...
Ma il barbiere, che colpa ne ha?
Nessuna, visto che non esiste, afferma la storiella: "altrimenti non ci sarebbero capelloni".

Qualcuno ci va però, non tutti hanno imparato a tagliarsi i capelli da sé. E non è, di nuovo, colpa del barbiere.

Ma il barbiere è onnipotente o no? O è un barbiere diversamente abile?

Dipende da che barbiere vai! Molti dicono che esista un unico barbiere onnipotente. Io non l'ho mai visto. Certo, è bello pensare che ci sia. Però, sto cominciando a pensare che imparare a tagliare i capelli da me, in fondo, sia forse...quello che vuole il barbiere?, la cosa giusta da fare?


Ultima modifica di kalab99 il Mar 13 Ott - 21:27, modificato 1 volta
avatar
kalab99
-----------
-----------

Maschile Numero di messaggi : 955
Età : 27
Località : Torino
Occupazione/Hobby : Studente di medicina, letteratura
SCALA DI DAWKINS :
0 / 700 / 70

Data d'iscrizione : 02.04.10

Tornare in alto Andare in basso

Re: La fallacia di Dio e il Barbiere

Messaggio Da kalab99 il Mar 13 Ott - 21:24

E non è mica facile...non basta dichiararsi atei wink..
Per molti, l'ateismo non è altro che un'altro barbiere.
avatar
kalab99
-----------
-----------

Maschile Numero di messaggi : 955
Età : 27
Località : Torino
Occupazione/Hobby : Studente di medicina, letteratura
SCALA DI DAWKINS :
0 / 700 / 70

Data d'iscrizione : 02.04.10

Tornare in alto Andare in basso

Re: La fallacia di Dio e il Barbiere

Messaggio Da Paolo il Mar 13 Ott - 21:44

Non esiste soluzione. Dio non può essere che onnipotente. Non cade voglia che dio non voglia!!

E'assolutamente inaccettabile l'idea che vi sia un dio in qualche modo limitato in qualcosa. E' solo una visione antropologica di dio. Il credente non è capace a pensare a un dio trascendete, ma spinto da fattori meramente emotivi, attribuisce a dio caratteristiche del tutto umane senza accorgersi che va in contro a contraddizioni, assurdità, paradossi, che però è disposto ad ignorare pur di non rinunciare alle sue assurde sicurezze.
avatar
Paolo
-------------
-------------

Maschile Numero di messaggi : 8664
Età : 62
Località : Brescia
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 14.03.10

Tornare in alto Andare in basso

Re: La fallacia di Dio e il Barbiere

Messaggio Da kalab99 il Mar 13 Ott - 22:01

No, in realtà non ho capito cosa vuoi dire, scusa.
In molte culture sono esistiti dei non onnipotenti. Nella grecia antica ad esempio.

Per ciò che riguarda le "assurde sicurezze" penso, ma so che non sarò preso sul serio, che è un fattaccio non esclusivo dei credenti, ma ci riguarda un po' tutti.
avatar
kalab99
-----------
-----------

Maschile Numero di messaggi : 955
Età : 27
Località : Torino
Occupazione/Hobby : Studente di medicina, letteratura
SCALA DI DAWKINS :
0 / 700 / 70

Data d'iscrizione : 02.04.10

Tornare in alto Andare in basso

Re: La fallacia di Dio e il Barbiere

Messaggio Da Minsky il Mar 13 Ott - 22:11

"Trascendente" non significa una beata mazza, stiamo attenti.

Da Wikipedia: ... Dio è trascendente nei confronti della realtà, suo «totalmente Altro»...

Traduz.: "dio non ha niente a che fare con la realtà, ossia non esiste".

Da Treccani: ... il principio divino o l’essere che è al di là delle categorie (quindi anche dell’essere stesso)...

Traduz.: "dio è al di là dell'essere stesso, ossia non esiste".

Etc, etc.

Non facciamoci infinocchiare dai parolai! Le parole hanno un senso quando hanno un uso ovvero un significato chiaramente definibile oppure almeno stipulato tra i parlanti di una lingua. La filosofia è il regno dei parolai, è una materia che va presa con estrema circospezione, perché essendo così informe ed evanescente, nella sua natura metadisciplinare, si presta a manipolazioni illimitate. Infatti è manipolando la filosofia che è stata creata la teologia, lo studio del nulla.

_________________
avatar
Minsky
--------------
--------------

Maschile Numero di messaggi : 14404
Età : 62
Località : Codroipo
Occupazione/Hobby : ateo guerriero
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 06.10.11

Tornare in alto Andare in basso

Re: La fallacia di Dio e il Barbiere

Messaggio Da Minsky il Mar 13 Ott - 22:18

Paolo ha scritto:Guarda Holub lo sai che in fondo mi sempre stato simpatico nonostante le tue idee ! Ma su questo non transigo. Esprimo tutto il mio disprezzo per te! Trovo intollerabile, inaccettabile e disgustosa la tua posizione. Non vado oltre perchè andrei nelle offese. E qui è una cosa personale!

Ma che cazzo di ragionamento è? La sofferenza di un innocente "vero e puro" non ha, e non può avere alcuna giustificazione! Ma come puoi pensare di infliggere tali sofferenze ad un essere vivente con la consolazione che poi sarà compensato. Tu nell'istante in cui lo fai soffrire hai già commesso un abominio, la compensazione non può certo e in alcun modo rimediare a questo.

Ma se tu fai una rapina e poi ti penti e anche risarcisci il danno ti arrestano e vai in galera!!! Forse avrei uno sconto della pena ma nulla più! Criminale sei e criminale rimani. Solo che dio non lo possiamo arrestare in quanto non esiste per fortuna!!!

Io ammiro e amo molto di più un bambino innocente che deve soffrire per poi morire che non quel porco del tuo dio che a tuo dire è la causa di tutto questo!! E per fortuna che non esiste !!! Ma come cazzo fai a pensare di adorare un essere che va venire il vomito al solo pensare di cosa sia capace. Holub rinnovo tutto il mio disprezzo nei tuoi confronti!
Non ti inquietare Paolo, Holu non voleva certo dire che la sofferenza dei bambini innocenti è una cosa giusta. Purtroppo lui ha subito un'esperienza terribile, ed è evidente che le allucinazioni esperite durante la OBE / NDE lo hanno segnato. Quando ci si convince così fermamente di una visione assurda, tutto il resto ne viene trascinato, e la ragione rimane come strappata, bucata come una forma di Leerdammer. Questo porta ad affermazioni assurde e contrologiche: sono gli effetti delle fallacie cognitive elevate a verità assolute. È il meccanismo con cui funzionano le religioni, non c'è niente da fare.

_________________
avatar
Minsky
--------------
--------------

Maschile Numero di messaggi : 14404
Età : 62
Località : Codroipo
Occupazione/Hobby : ateo guerriero
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 06.10.11

Tornare in alto Andare in basso

Re: La fallacia di Dio e il Barbiere

Messaggio Da Paolo il Mar 13 Ott - 22:23

Ma come puoi pensare che un dio che dovrebbe esistere al di la del tempo e dello spazio sia condizionato da elementi del tutto umane che sono necessariamente dipendenti da questi elementi.

Dio non può che essere eterno perchè se ha un'origine presuppone il fatto che ci dovrebbe essere un altro creatore che lo ha generato, cosa del tutto assurda perchè innesca un meccanismo senza fine.

Dio non può che essere onnipotente perchè se così non fosse implicherebbe il fatto che esiste un essere più potente di lui. Mi sembra inutile dire che questo ragionamento non porta a nulla. Affermare che dio avrebbe dato all'uomo il libero arbitrio è un gioco di parole del tutto insensato che maschera una fallacia logica grande come una casa. E' stato usato il termine "arbitrio" per dare la possibilità al credente di scaricare dio dalle sue responsabilità di cui dicevamo prima. Ma di fatto se tu sei libero di fare quello che vuoi saresti di fatto, anche se limitatamente ad alcune cose, più potente di dio!

Dio è per definizione l'assoluto e l'assoluto non ammette la parte! E allora l'uomo cosa sarebbe in questa visione?

E' inutile giraci in trono. Dio crea, o meglio l'idea di dio, crea più problemi di quanti ne risolve!
avatar
Paolo
-------------
-------------

Maschile Numero di messaggi : 8664
Età : 62
Località : Brescia
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 14.03.10

Tornare in alto Andare in basso

Pagina 1 di 14 1, 2, 3 ... 7 ... 14  Seguente

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto

- Argomenti simili

 
Permesso di questo forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum