La disperazione del singolo

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

La disperazione del singolo

Messaggio Da avalas il Ven 8 Gen - 13:26

Il terrorismo suicida non è guerra, questo tipo di terrorismo è disperazione. Un soldato affronta il campo di battaglia con la speranza di far ritorno a casa, di costruire un mondo migliore in cui vivere con la propria famiglia, con i propri cari, il terrorista suicida sa che quello è il suo ultimo giorno, che non raccoglierà i frutti delle sue azioni nel mondo terreno, che non ha una casa in cui tornare, che la sua patria non esiste, è disgregata e distribuita tra tanti altri singoli disperati come lui. 
Usciamo dal ragionamento dei grandi interessi internazionali, ritorniamo al livello del singolo, colui che preme il grilletto, colui che fa esplodere la bomba che porta addosso, che compie personalmente azioni incomprensibili al mondo e che in quel momento trovano giustificazione nella sua testa.
Soli, abbandonati in un mondo che vedono ostile, occhi temprati da continua violenza, bisognosi come ogni individuo di sentirsi parte di qualcosa, di sentirsi utili ad una causa, di non rendere vana la sofferenza che da sempre è stata la loro unica compagna di vita. Tra questi stati d’animo si muove il reclutamento, la selezione, l’indottrinamento, la convinzione, l’addestramento ed infine il sacrificio, portandosi dietro più anime possibile, nella convinzione del martirio, del paradiso da sempre cercato e non trovato in terra. 
Un terrorista suicida è una risorsa non riutilizzabile, sacrificabile e sacrificata, costosa, spietata perché basata su convinzioni tanto lontane da un pensiero illuminista da parlare un linguaggio incomprensibile per il resto del mondo. 
La promessa di un aldilà è ciò che di più vile possa essere espresso da un pensiero religioso; il riferimento ad una volontà divina superiore si basa sul rifiuto del ragionamento, vanifica la distinzione tra il bene ed il male vigliaccamente inserendo un dogma distorto quando nell’individuo sorgono ragionevoli dubbi.
Domani è un altro giorno, molti di voi andranno in chiesa, altri pregheranno per 5 volte rivolti a La Mecca come dettato dal vostro credo, tra un paio di settimane molto sarà dimenticato ed io continuerò la mia battaglia contro il rifiuto della ragione e dei diritti umani, contro il concetto medievale di dio con il quale grosse multinazionali, come piccole comunità di disperati, riescono a convincere singoli individui a compiere atroci gesta.

avalas
------------
------------

Maschile Numero di messaggi : 9
Età : 43
Località : Torino
Occupazione/Hobby : Imprenditore informatico
SCALA DI DAWKINS :
0 / 700 / 70

Data d'iscrizione : 08.01.16

http://manintotheweb.blogspot.it/

Tornare in alto Andare in basso

Re: La disperazione del singolo

Messaggio Da kalab99 il Ven 8 Gen - 14:33

Detto ciò, che fare?

Una volta ci credevo, ora non ci credo più, che è solo una questione di far trionfare la ragione.

kalab99
-----------
-----------

Maschile Numero di messaggi : 955
Età : 27
Località : Torino
Occupazione/Hobby : Studente di medicina, letteratura
SCALA DI DAWKINS :
0 / 700 / 70

Data d'iscrizione : 02.04.10

Tornare in alto Andare in basso

Re: La disperazione del singolo

Messaggio Da avalas il Ven 8 Gen - 14:39

Sarà lunga, ma la direzione è quella, non la vedremo noi, ma se pensi al mondo nel 3000 non vedi confini nazionali, non vedi persone che soffrono la fame, non vedi credo religioso che metta gli uomini gli uni contro gli altri. Continuiamo a crederci ed a parlarne, non possiamo fare molto altro per adesso

avalas
------------
------------

Maschile Numero di messaggi : 9
Età : 43
Località : Torino
Occupazione/Hobby : Imprenditore informatico
SCALA DI DAWKINS :
0 / 700 / 70

Data d'iscrizione : 08.01.16

http://manintotheweb.blogspot.it/

Tornare in alto Andare in basso

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto

- Argomenti simili

 
Permesso di questo forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum