Siete favorevoli alle privatizzazioni?

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

Sei favorevole alle privatizzazioni?

33% 33% 
[ 2 ]
67% 67% 
[ 4 ]
0% 0% 
[ 0 ]
 
Totale dei voti : 6

Siete favorevoli alle privatizzazioni?

Messaggio Da holubice il Sab 16 Gen - 17:18

Italia in Saldo



"In una delle più cupe pagine del CorrierEconomia di lunedì scorso salta fuori la sorpresa che se slitta al 2017 la privatizzazione delle Ferrovie dello Stato non si raggiungono gli obiettivi fissati dal Def (Documento di economia e finanza) per il 2016. Nella “furia” di apparire moderni, neoliberisti o quanto meno autentici capitalisti, il Governo del “grande rottamatore” Matteo Renzi e del suo “guru economico” Pier Carlo Padoan, ha fissato come traguardo per l’agenda delle privatizzazioni mezzo punto di pil, uno 0,5% che si traduce in otto miliardi di euro. Ma gli otto miliardi verrebbero solo in parte dalle privatizzazioni di Grandi Stazioni e dell’Enav (l’azienda che offre i servizi per la navigazione aerea). È naturalmente Ferrovie dello Stato, il “piatto forte”. Se slittasse quest’ultima privatizzazione, alla fine arriverebbe nelle casse dello Stato solo poco più di un miliardo e gli obiettivi sarebbero tutti da ripensare." (continua nel link)

holubice
-------------
-------------

Numero di messaggi : 6103
Età : 114
Località : 43°91′45″N 12°91′91″E
Occupazione/Hobby : Novello Disoccupato
SCALA DI DAWKINS :
0 / 700 / 70

Data d'iscrizione : 28.07.10

Tornare in alto Andare in basso

Re: Siete favorevoli alle privatizzazioni?

Messaggio Da primaverino il Sab 16 Gen - 17:23

In linea di principio sono contrario alle privatizzazioni. In pratica, invece, per come avvengono in Italia, pure.

primaverino
-------------
-------------

Maschile Numero di messaggi : 4750
Età : 52
Località : variabile
Occupazione/Hobby : sedentario
SCALA DI DAWKINS :
0 / 700 / 70

Data d'iscrizione : 18.10.12

Tornare in alto Andare in basso

Re: Siete favorevoli alle privatizzazioni?

Messaggio Da holubice il Sab 16 Gen - 17:27

Esperienze del passato ...

“Come privatizzare”: la lezione della Thatcher che l’Italia non ha appreso



"Da circa tre anni la nostra nazione, posta di fronte all’evidenza del suo debito e alle scelte per ridurlo, ascolta spesso, con sospetto e fastidio, i politici parlare di vendita dell’eccesso di patrimonio dello Stato ai privati. Il sentimento è comprensibile: da noi troppo vivo è il ricordo delle finte privatizzazioni di banche e imprese di Stato nelle quali ad enti pubblici economici si sostituirono società per azioni pubbliche o capitalisti para pubblici, conglomerati di fondazioni bancarie in mano agli enti locali, destinati a ricevere in futuro tanti soldi quanti le aziende IRI avrebbero richiesto per i loro periodici e ben noti ripianamenti, e a soffocare, con la foglia di fico del diritto privato ed un management tutto e sempre di nomina politica, qualsiasi iniziativa imprenditoriale nel loro settore. Di quelle cessioni ad amici, alcune pagate a debito (Telecom), il popolo italiano non vide nulla, e il bilancio pubblico solo poco. Furono cessioni ma non privatizzazioni."  (continua nel link)

holubice
-------------
-------------

Numero di messaggi : 6103
Età : 114
Località : 43°91′45″N 12°91′91″E
Occupazione/Hobby : Novello Disoccupato
SCALA DI DAWKINS :
0 / 700 / 70

Data d'iscrizione : 28.07.10

Tornare in alto Andare in basso

Re: Siete favorevoli alle privatizzazioni?

Messaggio Da holubice il Sab 16 Gen - 17:33

primaverino ha scritto:In linea di principio sono contrario alle privatizzazioni. In pratica, invece, per come avvengono in Italia, pure.

Sei nostalgico della mitica ...



... SIP, e del suo farti aspettare almeno 6 mesi per installarti la nuova linea telefonica?



P.S.
Venne un tecnico ad installare la linea da noi. Era un ragazzo in gamba, veloce nel suo lavoro. Terminò l'installazione in poco tempo e poi ci disse: "Io la mia razione giornaliera di installazioni l'ho già finita. Ora ho due possibilità: o me ne sto a non fare niente per il resto della giornata, oppure continuo a fare altri interventi, ma li devo far figurare come fatti dai miei colleghi, per non trovare noie ..."


boxed

holubice
-------------
-------------

Numero di messaggi : 6103
Età : 114
Località : 43°91′45″N 12°91′91″E
Occupazione/Hobby : Novello Disoccupato
SCALA DI DAWKINS :
0 / 700 / 70

Data d'iscrizione : 28.07.10

Tornare in alto Andare in basso

Re: Siete favorevoli alle privatizzazioni?

Messaggio Da primaverino il Sab 16 Gen - 17:42

Non è questione di essere nostalgici, Holu.
Semplicemente le privatizzazioni all'italiana fanno cagare.
I servizi non migliorano ma in compenso gli aumenti sono garantiti; purtroppo da noi latita del tutto il senso dello Stato per cui nel "pubblico" si assumono tre persone per fare il lavoro di una e poi (molto tempo dopo) si privatizza lasciando a casa gli esuberi (che rimangono comunque a carico nostro) e poi si da facoltà ai nuovi arrivati di praticare sostanzialmente un regime comunque di monopolio, ove improvvisamente gli utili saltano fuori ma vanno a finire in tasche private.
L'esempio delle concessioni autostradali mi pare calzante: quando erano pubbliche lavoravano in perdita "per antonomasia", come le hanno regalate ai privati hanno cominciato a macinare un euro netto ogni quattro introitati...

primaverino
-------------
-------------

Maschile Numero di messaggi : 4750
Età : 52
Località : variabile
Occupazione/Hobby : sedentario
SCALA DI DAWKINS :
0 / 700 / 70

Data d'iscrizione : 18.10.12

Tornare in alto Andare in basso

Re: Siete favorevoli alle privatizzazioni?

Messaggio Da Paolo il Sab 16 Gen - 17:55

Di fatto in Italia non si sono fatte delle privatizzazioni ma solo delle cessioni di monopoli pubblici a privati.
Se vuoi realmente privatizzare devi prima eliminare il monopolio e poi sorvegliare (anti trust) che nessuno approfitti di questo e sia rispettato il pluralismo equitario che garantisca una reale concorrenza, cosa che non è stata fatta in Italia.

Paolo
-------------
-------------

Maschile Numero di messaggi : 8606
Età : 61
Località : Brescia
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 14.03.10

Tornare in alto Andare in basso

Re: Siete favorevoli alle privatizzazioni?

Messaggio Da holubice il Dom 17 Gen - 8:27

Paolo ha scritto:Di fatto in Italia non si sono fatte delle privatizzazioni ma solo delle cessioni di monopoli pubblici a privati.
Se vuoi realmente privatizzare devi prima eliminare il monopolio e poi sorvegliare (anti trust) che nessuno approfitti di questo e sia rispettato il pluralismo equitario che garantisca una reale concorrenza, cosa che non è stata fatta in Italia.  
Ci sono settori in cui la privatizzazione del settore ha dato i suoi frutti.



Prendi gli operatori telefonici dei cellulari. I prezzi sono davvero calati in modo sensibile.

Stessa cosa la stiamo vedendo con la totale liberizzazione dei distributori di benzina ...



... l'altro giorno mi è capitato di fermarmi in una stazione di servizio, totalmente self-service, con colonnine di benzina, gasolio, gpl e metano (il metano era servito da un addetto). In totale erano 24 stazioni, con prezzi molto convenienti.

E che dire delle farmacie ...



... le cui licenze danno un ingiustificata rendita di posizione, assicurando un tot. di potenziali clienti. Non vedo perché questo debba valere per il farmacista e non per l'idraulico.

Ma si sa che noi siamo stati sempre uno Stato corporativo, e sempre lo saremo ...


holubice
-------------
-------------

Numero di messaggi : 6103
Età : 114
Località : 43°91′45″N 12°91′91″E
Occupazione/Hobby : Novello Disoccupato
SCALA DI DAWKINS :
0 / 700 / 70

Data d'iscrizione : 28.07.10

Tornare in alto Andare in basso

Re: Siete favorevoli alle privatizzazioni?

Messaggio Da Paolo il Dom 17 Gen - 8:55

Holub di fatto nessuna privatizzazione è stata fatta. Quella delle farmacie è uno scandalo, per non dire una schifezza! Un po' come i notai. Nessun governo di destra o di sinistra ha mai messo mano a questo.

Una privatizzazione, perchè sia tale e dia i sui effetti positivi conseguenti alla libera concorrenza, che non è solo il prezzo, ma anche la qualità del servizio o del prodotto, deve permettere a chiunque abbia le opportune capacità o caratteristiche di svolgere quel determinato servizio o fare un determinato prodotto.

Perchè questo avvenga non ci deve essere una posizione dominate da parte di una qualche ditta/società/gruppi. E questo non è così nelle telecomunicazioni (la telecom detiene il monopolio delle reti di trasmissione, la telefonia mobile se la sono divisa i soliti gruppi e non è permesso a nessun altro a creare una qualsiasi rete di comunicazione cellulare!!! solo tim, vodafone, tre e wind!!!)

Ma è così nel settore bancario, assicurativo, autostrade ....


Paolo
-------------
-------------

Maschile Numero di messaggi : 8606
Età : 61
Località : Brescia
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 14.03.10

Tornare in alto Andare in basso

Re: Siete favorevoli alle privatizzazioni?

Messaggio Da holubice il Dom 17 Gen - 11:13

Paolo ha scritto:Perchè questo avvenga non ci deve essere una posizione dominate da parte di una qualche ditta/società/gruppi. E questo non è così nelle telecomunicazioni (la telecom detiene il monopolio delle reti di trasmissione, la telefonia mobile se la sono divisa i soliti gruppi e non è permesso a nessun altro a creare una qualsiasi rete di comunicazione cellulare!!! solo tim, vodafone, tre e wind!!!)
Ma è così nel settore bancario, assicurativo, autostrade ....
Il problema, se voi, permane su Telecom che continua ad avere di fatto la proprietà di tutti i doppini di rame che arrivano nelle nostre case. Costei sfrutta la sua rendita di posizione e non ha nessuna intenzione di portare avanti la modernizzazione della fibra che, gioco forza, andrà a ricablare tutte le case degli Italiani ed è, di per sé, una mossa molto pericolosa (per loro). Per fibra intendo qualcuno che ti fa spuntare il cavo in fibra accanto alla borchia dove tu ora hai ...



il doppio della vecchia SIP. Solo così la nuova rete potrà raggiungere velocità superiori ai 100 mega reali.

Per quanto riguarda gli operatori mobili a me sembra che la concorrenza ci sia. O se non c'è,  comunque i prezzi sono diventati estremamente bassi (1000 minuti, 1000 sms, 2 GB internet per 10 euro al mese ...). Umanamente a me sembrano addirittura troppi, si rischia di prendersi un cancro da radiazioni.


Anche riguardo alle banche, se uno vuole, può ottenere un conto corrente on-line a prezzi quasi zero. Se la cifra che tieni ferma in conto è bassa il prezzo è davvero zero, altrimenti devi pagare solo i 30 euro di tasse statali.



Queste sono tutte cose che fino a 10 anni fa te le sognavi. Certo, il conto te lo devi aprire da solo, fare i bonifici da solo, l'estratto conto ti arriva solo per e-mail, ma per una persona scafata che ha un minimo di dimestichezza con i computer questo non è certo un problema. Il problema, semmai, era pagare una segretaria che passasse le giornate nelle varie filiali delle banche.

ok

holubice
-------------
-------------

Numero di messaggi : 6103
Età : 114
Località : 43°91′45″N 12°91′91″E
Occupazione/Hobby : Novello Disoccupato
SCALA DI DAWKINS :
0 / 700 / 70

Data d'iscrizione : 28.07.10

Tornare in alto Andare in basso

Re: Siete favorevoli alle privatizzazioni?

Messaggio Da primaverino il Dom 17 Gen - 15:43

Paolo ha scritto:Holub di fatto nessuna privatizzazione è stata fatta. Quella delle farmacie è uno scandalo, per non dire una schifezza! Un po' come i notai. Nessun governo di destra o di sinistra ha mai messo mano a questo.
[...]


Vediamo magari di capire di cosa stiamo parlando.
Le farmacie "non privatizzate" sono quelle comunali, visto che le altre sono già private.
Se ne ricava che bisognerebbe dapprima privatizzare le Comunali e solo dopo (semmai) liberalizzare il settore.
Si consideri peraltro che l'aggio ai farmacisti sui medicinali è prefissato dai produttori*, quindi pensare che vi siano potenziali benefici relativamente al prezzo finale mi pare una pia illusione.

*Stesso discorso vale per edicolanti e tabaccai, mentre per quanto riguarda i benzinai essi percepiscono un tot (fisso) al netto della variazione dei prezzi quindi (paradosalmente) al benzinaio conviene che il prezzo alla pompa scenda.

Relativamente al paragone portato da Holu (paragonando il farmacista all'idraulico, quindi in senso estensivo un "commerciante" con un artigiano) è come sommare le pere con le mele.

primaverino
-------------
-------------

Maschile Numero di messaggi : 4750
Età : 52
Località : variabile
Occupazione/Hobby : sedentario
SCALA DI DAWKINS :
0 / 700 / 70

Data d'iscrizione : 18.10.12

Tornare in alto Andare in basso

Re: Siete favorevoli alle privatizzazioni?

Messaggio Da holubice il Mer 20 Gen - 13:19

primaverino ha scritto:Vediamo magari di capire di cosa stiamo parlando.
Le farmacie "non privatizzate" sono quelle comunali, visto che le altre sono già private.
Se ne ricava che bisognerebbe dapprima privatizzare le Comunali e solo dopo (semmai) liberalizzare  il settore.
Questo è vero. Per le farmacie (e i notai) la parola giusta non è privatizzazione, ma liberalizzazione. Hai una laurea da farmacia? Apriti la farmacia. Hai una laurea in legge? Apriti uno studio da notaio.
Ma dopo diventano troppi?
E che minchia me ne frega? Qualcuno si da pena se ci sono in giro troppi idraulici o troppi falegnami?
primaverino ha scritto:Si consideri peraltro che l'aggio ai farmacisti sui medicinali è prefissato dai produttori*, quindi pensare che vi siano potenziali benefici relativamente al prezzo finale mi pare una pia illusione.
Anche per i benzinai, categoria che per inciso è letteralmente alla fame ..., la percentuale era stabilita fissa. Ma è stato il liberalizzare totalmente le licenze che ha fatto comparire innumerevoli sigle sconosciute che oggi vi assicurano per davvero un risparmio reale.
primaverino ha scritto:Relativamente al paragone portato da Holu (paragonando il farmacista all'idraulico, quindi in senso estensivo un "commerciante" con un artigiano) è come sommare le pere con le mele.
Il mio paragone era inteso evidenziare il funzionamento di una categoria completamente in balia della libera concorrenza (il falegname, l'idraulico) con altre (farmacisti e notai) che, grazie alle loro potenti corporazioni/lobbies foraggiano costantemente e lautamente i nostri 1.000 parlamentari affinché mantengano lo status quo pre medievale.

Abbiamo un po' divagato, iniettando le liberalizzazioni nel thread delle privatizzazioni. Ma male non fa.


crying

holubice
-------------
-------------

Numero di messaggi : 6103
Età : 114
Località : 43°91′45″N 12°91′91″E
Occupazione/Hobby : Novello Disoccupato
SCALA DI DAWKINS :
0 / 700 / 70

Data d'iscrizione : 28.07.10

Tornare in alto Andare in basso

Re: Siete favorevoli alle privatizzazioni?

Messaggio Da primaverino il Mer 20 Gen - 15:18

holubice ha scritto:
Anche per i benzinai, categoria che per inciso è letteralmente alla fame ..., la percentuale era stabilita fissa. Ma è stato il liberalizzare totalmente le licenze che ha fatto comparire innumerevoli sigle sconosciute che oggi vi assicurano per davvero un risparmio reale.

No. I benzinai non lavorano a percentuale (e si che l'ho già scritto, non hai letto?)
Al rivenditore spetta una quota indipendente dal prezzo di vendita alla pompa.
I benzinai sono alla fame per questo motivo (in pratica percepiscono un fisso ridicolo per ogni litro erogato variabile da 4,1 a 1 cent per litro) e perché effettivamente sono troppi (infatti le liberalizzazioni ne ridurranno drasticamente il numero, cosa che peraltro avviene da molto tempo).
Valutare o confrontare differenze di prezzo in termini effettivi, poi risulta del tutto impossibile date le fluttuazioni di prezzo relative alla materia prima e del medesimo prodotto erogato.

Ma l'argomento in sé è complesso e presenta per l'appunto categorie diverse che necessitano di regolamentazioni diverse, ovvero bisogna comprendere cosa di cui si parla (in generale, non è rivolto a te) dato che accomunare figure diverse con caratteristiche diverse, con necessità di investimenti diversi, con bacini di utenza diversi che corrispondono a realtà diverse in un unico calderone in nome di una "libertà di intrapresa" spesso nemmeno compresa nei dettagli nemmeno dai potenziali imprenditori non giova a nessuna causa.
Lo si vede sempre più nel mio ex-campo professionale (la ristorazione) liberalizzato da sempre o quasi e "calderone" per eccellenza, visto che teoricamente il ristorante, la pizzeria d'asporto, il McDonald, il bar che somministra piatti pronti e il kebabbaro sono "omologhi" e laddove poveretti illusi dal guadagno facile (la pizza costa un euro, io la rivendo a 5 e quindi divento miliardario, anche perché non batto lo scontrino, giusto per riprendere uno dei più idioti tra i cliché riproposti) dopo dodici-diciotto mesi tentano disperatamente di rifilare il pacco ad un altro ingenuotto un po' più "vergine" di loro... Il quale a sua volta dopo nemmeno sei mesi sospenderà i pagamenti al precedente proprietario per sopravvenuto sfondamento anale (metaforicamente parlando) mgreen

Giusto per fare un altro esempio, possiamo considerare le rivendite di giornali. la FIEG (gli editori) premeva a gran voce per la liberalizzazione del settore (mentre i produttori di medicine invece no, tanto per dirti) sostenendo che le scarse vendite dei quotidiani fosse da imputare alla rete di vendita, mentre con l'apertura ai supermerdati si sarebbe risolto il problema come d'incanto.
Le vendite dei quotidiani sono crollate e il prezzo dei giornali non è diminuito...
(e i negozi alternativi che all'inizio hanno deciso di tenere anche i giornali se ne sono sbarazzati in men che non si dica)

primaverino
-------------
-------------

Maschile Numero di messaggi : 4750
Età : 52
Località : variabile
Occupazione/Hobby : sedentario
SCALA DI DAWKINS :
0 / 700 / 70

Data d'iscrizione : 18.10.12

Tornare in alto Andare in basso

Re: Siete favorevoli alle privatizzazioni?

Messaggio Da holubice il Gio 21 Gen - 14:37

primaverino ha scritto:... Giusto per fare un altro esempio, possiamo considerare le rivendite di giornali. la FIEG (gli editori) premeva a gran voce per la liberalizzazione del settore (mentre i produttori di medicine invece no, tanto per dirti) sostenendo che le scarse vendite dei quotidiani fosse da imputare alla rete di vendita, mentre con l'apertura ai supermerdati si sarebbe risolto il problema come d'incanto.
Le vendite dei quotidiani sono crollate e il prezzo dei giornali non è diminuito...
(e i negozi alternativi che all'inizio hanno deciso di tenere anche i giornali se ne sono sbarazzati in men che non si dica)
Le scarse vendite di quotidiano sono da imputare esclusivamente alle testate ...



... presenti sul web, che cannibalizzano le loro versioni su carta. E' vero senz'altro che la versione web non ti fornisce gratis tutto il giornale, ma sì e no un terzo, ma poi ci sono gli 'aggregatori' di notizie, ovvero quegli aggeggi che, per ogni notizia, ti forniscono la versione di, poniamo, 35 giornali diversi. Va da sé che se becchi La Repubblica che quella notizia la da solo a pagamento, tu subito clicchi sulla notizia picchiettata dal Piccolo di Trieste. E li hai fregati.

Prova ad installare sul tuo telefono una cosa chiamata ...



... Flipboard.

E vedrai.

wink..

holubice
-------------
-------------

Numero di messaggi : 6103
Età : 114
Località : 43°91′45″N 12°91′91″E
Occupazione/Hobby : Novello Disoccupato
SCALA DI DAWKINS :
0 / 700 / 70

Data d'iscrizione : 28.07.10

Tornare in alto Andare in basso

Re: Siete favorevoli alle privatizzazioni?

Messaggio Da holubice il Gio 21 Gen - 14:51

«Un contribuente è uno che lavora per lo stato, ma senza avere vinto un concorso pubblico»

(Ronald Reagan)



Senza una privatizzazione totale, alla Lady di Ferro intendo, questo lavoro diviene molto più intenso.

Pensate solo alla recente legge contro 'gli aiuti di Stato': quanto cacchio di denaro abbiamo dato ai 4-5 salvataggi di Alitalia, di Monte di Paschi, delle varie Italcementi e IRI negli anni '70, alla AlfaSud per 30 anni, ai panettoni di Stato Alemagna? E che dire degli stabilimenti Fiat di Chieti, Latina, Termoli, Termini Imerese, Melfi, Pomigliano ...



... tutti costruiti sotto il 42° parallelo e quindi attingendo alla Cassa del Mezzogiorno Senza Fondo? Con la Fiat abbiamo raggiunto l'apoteosi: un'azienda completamente privata costruita completamente con denaro pubblico.

Landini si lamenta che Marchionne non fa più investimenti in Italia.

Ma quando ca$$o li hanno mai fatti, dico io ...?!


boxed

holubice
-------------
-------------

Numero di messaggi : 6103
Età : 114
Località : 43°91′45″N 12°91′91″E
Occupazione/Hobby : Novello Disoccupato
SCALA DI DAWKINS :
0 / 700 / 70

Data d'iscrizione : 28.07.10

Tornare in alto Andare in basso

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto

- Argomenti simili

 
Permesso di questo forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum