...e se le cose cominciassero a precipitare?

Pagina 8 di 9 Precedente  1, 2, 3, 4, 5, 6, 7, 8, 9  Seguente

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

Re: ...e se le cose cominciassero a precipitare?

Messaggio Da Paolo il Dom 6 Mar - 23:06

Rasputin ha scritto:non vedo l'immagine...

E' un problema di server penso.
avatar
Paolo
-------------
-------------

Maschile Numero di messaggi : 8681
Età : 62
Località : Brescia
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 14.03.10

Tornare in alto Andare in basso

Re: ...e se le cose cominciassero a precipitare?

Messaggio Da Rasputin il Dom 6 Mar - 23:10

Paolo ha scritto:
Rasputin ha scritto:non vedo l'immagine...

E' un problema di server penso.

Hocapí, ma almeno spiegami cosa volevi dire

_________________
I always have ammo in my back pocket weherever I go (Hickok45)

Vivo solo una volta, ma come vivo io, una volta basta.

Ma cosa credi, che uno si sveglia una mattina e decide di lavorare in un carcere? Quella è gente perversa! (Vanessa Lutz)

avatar
Rasputin
..............
..............

Maschile Numero di messaggi : 49896
Età : 56
Località : Augusta vindelicorum
Occupazione/Hobby : Antinazista non praticante
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 28.10.09

Tornare in alto Andare in basso

Re: ...e se le cose cominciassero a precipitare?

Messaggio Da Paolo il Dom 6 Mar - 23:13

Ma io adesso la vedo ! La metto di nuovo!

" />
avatar
Paolo
-------------
-------------

Maschile Numero di messaggi : 8681
Età : 62
Località : Brescia
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 14.03.10

Tornare in alto Andare in basso

Re: ...e se le cose cominciassero a precipitare?

Messaggio Da Rasputin il Dom 6 Mar - 23:17

Paolo ha scritto:Ma io adesso la vedo ! La metto di nuovo!

" />

Grazie ho capito ok

Tra i Germani c'è qualcuno che ce l'ha quasi fatta (Purtroppo non del tutto) in tempi notevolmente più recenti mgreen

_________________
I always have ammo in my back pocket weherever I go (Hickok45)

Vivo solo una volta, ma come vivo io, una volta basta.

Ma cosa credi, che uno si sveglia una mattina e decide di lavorare in un carcere? Quella è gente perversa! (Vanessa Lutz)

avatar
Rasputin
..............
..............

Maschile Numero di messaggi : 49896
Età : 56
Località : Augusta vindelicorum
Occupazione/Hobby : Antinazista non praticante
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 28.10.09

Tornare in alto Andare in basso

Re: ...e se le cose cominciassero a precipitare?

Messaggio Da Paolo il Dom 6 Mar - 23:31

Ma sai li è come con le pulci! Se ne lasci una ..... E i romani su questo non scherzavano. Per la verità anche il buon Tiberio non è stato da meno con i Daci! Il risultato è stato che in Francia così come in Romania si parlano due lingue latine, e dei galli e dei daci non ce ne rimasta traccia. wink..
avatar
Paolo
-------------
-------------

Maschile Numero di messaggi : 8681
Età : 62
Località : Brescia
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 14.03.10

Tornare in alto Andare in basso

Re: ...e se le cose cominciassero a precipitare?

Messaggio Da Rasputin il Dom 6 Mar - 23:57

Paolo ha scritto:Ma sai li è come con le pulci! Se ne lasci una ..... E i romani su questo non scherzavano. Per la verità anche il buon Tiberio non è stato da meno con i Daci! Il risultato è stato che in Francia così come in Romania si parlano due lingue latine, e dei galli e dei daci non ce ne rimasta traccia. wink..

ok2

e ripeto: l'austriaco coi baffetti ha fatto proprio quell'errore, di lasciare delle pulci in giro.

_________________
I always have ammo in my back pocket weherever I go (Hickok45)

Vivo solo una volta, ma come vivo io, una volta basta.

Ma cosa credi, che uno si sveglia una mattina e decide di lavorare in un carcere? Quella è gente perversa! (Vanessa Lutz)

avatar
Rasputin
..............
..............

Maschile Numero di messaggi : 49896
Età : 56
Località : Augusta vindelicorum
Occupazione/Hobby : Antinazista non praticante
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 28.10.09

Tornare in alto Andare in basso

Re: ...e se le cose cominciassero a precipitare?

Messaggio Da Paolo il Lun 7 Mar - 0:04

mgreen mgreen mgreen

Gli errori si pagano cari!
avatar
Paolo
-------------
-------------

Maschile Numero di messaggi : 8681
Età : 62
Località : Brescia
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 14.03.10

Tornare in alto Andare in basso

Re: ...e se le cose cominciassero a precipitare?

Messaggio Da Paolo il Lun 7 Mar - 0:08

Ma al di la dei risultati, vedi che pasta d'uomo era Cesare: veni, vidi, vici! Ce ne sono stati pochi come lui. Mica per niente fuhrer così come zar derivano da Cesare ! Doveva avere due coglioni duri come il marmo!
avatar
Paolo
-------------
-------------

Maschile Numero di messaggi : 8681
Età : 62
Località : Brescia
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 14.03.10

Tornare in alto Andare in basso

Re: ...e se le cose cominciassero a precipitare?

Messaggio Da Minsky il Gio 10 Mar - 22:31

Reuters ha scritto:Bce stupisce ancora: tassi a zero e 'qe' potenziato ma c'è limite a tagli

10 marzo 2016

MILANO (Reuters) - Intervenire prendendo in contropiede i mercati per eccesso di cautela o di coraggio, fare di meno o fare di più. Gli addetti ai lavori usano il verbo 'deliver', in inglese 'consegnare' ma anche 'partorire, far nascere'. In gergo, per la mossa dell'odierno consiglio Bce si farebbe senza dubbio ricorso al verbo 'over-deliver'.

La Banca centrale europea ha portato a zero il costo del denaro e ulteriormente abbassato il tasso su depositi e prestiti overnight, portandoli a rispettivi -0,4% e 0,25%.

Se già questa prima mossa non era incorporata nei tassi impliciti, con un taglio rispetto al precedente 0,05% sul rifinanziamento principale escluso sia dagli operatori sia dagli analisti, Francoforte non si è fermata qui.

Aumenta da 60 a 80 miliardi di euro l'importo degli acquisti mensili nella cornice del programma di acquisti 'quantitative easing' e viene innalzato il limite sulle singole emissioni e sui singoli emittenti.

In arrivo anche, da giugno, una nuova serie di quattro 'targeted long term financing operation' a durata quattro anni, che potranno venire assegnate a un tasso negativo fino al nuovo riferimento sui depositi.

Tradotto: le banche della zona euro disposte a finanziare l'economia reale saranno pagate da Francoforte per prendere a prestito fondi da girare ai privati.

Ma il cosiddetto coniglio estratto dal cilindro è un altro: a partire dalla fine del secondo trimestre gli acquisti 'qe' sul secondario verranno ampliati alle emissioni corporate, a patto abbiano un rating 'investment grade'.

Si tratta di uno degli strumenti più comuni nei programmi di espansione monetaria, di norma accompagnato da una più massiccia sottoscrizione di titoli di Stato. Lo praticano da anni Banca del Giappone e Banca d'inghilterra, che sottoscrive però carta 'high quality'. Federal Reserve, che ha condotto tre programmi 'qe', si 'limitava' invece ad acquistare titoli garantiti da mutui immobiliari prima della crisi dei 'subprime'.

Resta tutto da vedere quali saranno le conseguenze sulla zona euro.

In un primo momento entusiasti delle parole di Draghi, evidentemente in preda alla confusione i mercati hanno rapidamente innestato la retromarcia.

Se il medico aumenta la dose del farmaco significa comunque che la patologia del malato si è aggravata.

Le nuove misure 'convenzionali' e 'non convenzionali' rispondono infatti a un quadro di vistoso deterioramento, sia in termini di crescita sia soprattutto in termini di inflazione, come illustrato dalle nuove stime trimestrali dello staff.

Dulcis in fundo l'avvertimento di Draghi: se i provvedimenti odierni hanno ricevuto dal consiglio un via libera a "schiacciante maggioranza", c'è un limite al di sotto del quale l'istituto centrale non può abbassare i tassi.

Finora, garantisce il presidente, l'esperienza di tassi negativi è stata "molto positiva".

"Questo equivale a dire che qualsiasi tasso negativo avrà un effetto positivo? Significa che si possano tenere i tassi in territorio negativo tanto a lungo quanto ci piace senza alcuna conseguenza negativa sul sistema bancario? La risposta è no" avverte.

_________________
avatar
Minsky
--------------
--------------

Maschile Numero di messaggi : 14459
Età : 62
Località : Codroipo
Occupazione/Hobby : ateo guerriero
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 06.10.11

Tornare in alto Andare in basso

Re: ...e se le cose cominciassero a precipitare?

Messaggio Da Rasputin il Gio 10 Mar - 22:46

Incredibile quello che le banche si fanno venire in mente pur di non lavorare con soldi loro (Che non hanno)

_________________
I always have ammo in my back pocket weherever I go (Hickok45)

Vivo solo una volta, ma come vivo io, una volta basta.

Ma cosa credi, che uno si sveglia una mattina e decide di lavorare in un carcere? Quella è gente perversa! (Vanessa Lutz)

avatar
Rasputin
..............
..............

Maschile Numero di messaggi : 49896
Età : 56
Località : Augusta vindelicorum
Occupazione/Hobby : Antinazista non praticante
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 28.10.09

Tornare in alto Andare in basso

Re: ...e se le cose cominciassero a precipitare?

Messaggio Da holubice il Lun 14 Mar - 19:19

L43: Febbraio 2016, il più caldo dal 1850



"Quello del 2016 è stato il febbraio più caldo mai registrato sulla Terra dal 1850, ovvero da quando si effettuano le rilevazioni. Il secondo mese dell'anno, secondo dati Nasa, ha infranto i record precedenti segnando 1,35 gradi in più rispetto alla media del periodo tra il 1951 e il 1980, media realizzata sommando tutti i dati globali rilevati dalle centraline nelle varie parti del pianeta." (continua nel link)


avatar
holubice
-------------
-------------

Numero di messaggi : 6214
Età : 115
Località : 43°91′45″N 12°91′91″E
Occupazione/Hobby : Novello Disoccupato
SCALA DI DAWKINS :
0 / 700 / 70

Data d'iscrizione : 28.07.10

Tornare in alto Andare in basso

Re: ...e se le cose cominciassero a precipitare?

Messaggio Da holubice il Lun 14 Mar - 19:27

Terrorismo, il rapporto Ue: "Isis recluta chimici e fisici. C'è rischio di attentati in Europa con armi di distruzione di massa"



"Gli Usa, il premier francese Valls e ora anche l'Europa attraverso un report ufficiale: c'è la possibilità che l'Isis compia attentati con armi di distruzioni di massa. Biologiche, batteriologiche, chimiche, armi di cui sarebbe già in possesso.
Non solo gli Stati Uniti e poi il premier francese che - pochi giorni dopo le stragi di Parigi - aveva lanciato un preoccupante allarme sulla possibilità che Daesh agisse attraverso armi non convenzionali, ma ora anche la Ue certifica il rischio. In questo dicembre ha pubblicato un documento, redatto per lo più con informazioni già conosciute, che indica la necessità di alzare il livello di allarme." (continua nel link)



avatar
holubice
-------------
-------------

Numero di messaggi : 6214
Età : 115
Località : 43°91′45″N 12°91′91″E
Occupazione/Hobby : Novello Disoccupato
SCALA DI DAWKINS :
0 / 700 / 70

Data d'iscrizione : 28.07.10

Tornare in alto Andare in basso

Re: ...e se le cose cominciassero a precipitare?

Messaggio Da Minsky il Mar 15 Mar - 14:08

C'è poco da menarla di qua e di là, gli islamici sono l'abbrutimento più deteriore, la fogna dell'umanità. Che li abbiano finanziati gli USA o no (per me gli USA non sono affatto sinonimo di civiltà, il contrario).

http://www.expressen.se/nyheter/womens-secret-films-from-within-closed-city-of-islamic-state/

_________________
avatar
Minsky
--------------
--------------

Maschile Numero di messaggi : 14459
Età : 62
Località : Codroipo
Occupazione/Hobby : ateo guerriero
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 06.10.11

Tornare in alto Andare in basso

Re: ...e se le cose cominciassero a precipitare?

Messaggio Da Rasputin il Mar 15 Mar - 18:09

Minsky ha scritto:C'è poco da menarla di qua e di là, gli islamici sono l'abbrutimento più deteriore, la fogna dell'umanità. Che li abbiano finanziati gli USAraele o no (per me gli USA non sono affatto sinonimo di civiltà, il contrario).

http://www.expressen.se/nyheter/womens-secret-films-from-within-closed-city-of-islamic-state/


...

_________________
I always have ammo in my back pocket weherever I go (Hickok45)

Vivo solo una volta, ma come vivo io, una volta basta.

Ma cosa credi, che uno si sveglia una mattina e decide di lavorare in un carcere? Quella è gente perversa! (Vanessa Lutz)

avatar
Rasputin
..............
..............

Maschile Numero di messaggi : 49896
Età : 56
Località : Augusta vindelicorum
Occupazione/Hobby : Antinazista non praticante
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 28.10.09

Tornare in alto Andare in basso

Re: ...e se le cose cominciassero a precipitare?

Messaggio Da Minsky il Mar 15 Mar - 21:52

https://www.facebook.com/177243485687414/videos/915464468531975/

Era il 1953, cazzo! Il 1953, io non ero ancora nato. E le stronzate musulmane erano sbeffeggiate, in Egitto, non in Danimarca. Com'è andata a finire, e perché... Nasser dopo aver nazionalizzato il Canale di Suez (che era dei francesi e degli inglesi) si oppose alle mire espansioniste di Israele, prendendo però delle sonore legnate su tutti i fronti (la guerra del Sinai, etc.) e a breve seguì il fallimento della progettata Repubblica Araba Unita. Ma la fine è stata segnata dagli USA, che per cominciare hanno negato il finanziamento del FMI per la costruzione della diga sul Nilo (Assuan, poi costruita con i soldi dei russi), e infine nell'81 hanno fatto assassinare il successore di Nasser, al-Sadat, che aveva ripreso parte del Golan con la Siria e all'interno teneva strettamente sotto controllo le pulsioni musulmane. Io mi ricordo ancora le immagini dell'attentato, lo trasmisero in TV senza censure (non c'erano tanti frigni all'epoca) facendo vedere la gente sventrata dalla cannonata. Con un cannone del carro armato gli spararono, per essere sicuri! Uno di quelli che gli sedevano accanto aveva un braccio spezzato e lacerato, si vedevano i muscoli e i tendini strappati che contraendosi convulsamente facevano ballonzolare il moncone mentre il sangue usciva a fiotti dalle arterie tranciate. Eppure questo tizio (probabilmente un generale dell'esercito) stava seduto quasi tranquillo, in attesa dei soccorsi. Che tempra! La scena è durata diversi minuti, non penso che si sia più visto uno splatter simile in un TG. Bhé, per venire al punto, Sadat aveva promulgato leggi molto avanzate in campo sociale anche per l'uguaglianza dei sessi, che avevano portato la legislazione dell'Egitto vicina al livello dei Paesi occidentali. A lui è succeduto Mubarak, e avete ben visto che fine ha fatto, con quella pantomina delle "primavere arabe", chiaramente orchestrate dagli USA. E adesso i Paesi arabi stanno precipitando nel medioevo islamico. Bel risultato!

_________________
avatar
Minsky
--------------
--------------

Maschile Numero di messaggi : 14459
Età : 62
Località : Codroipo
Occupazione/Hobby : ateo guerriero
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 06.10.11

Tornare in alto Andare in basso

Re: ...e se le cose cominciassero a precipitare?

Messaggio Da Rasputin il Mar 15 Mar - 21:57

Minsky ha scritto:https://www.facebook.com/177243485687414/videos/915464468531975/

Era il 1953, cazzo! Il 1953, io non ero ancora nato. E le stronzate musulmane erano sbeffeggiate, in Egitto, non in Danimarca. Com'è andata a finire, e perché... Nasser dopo aver nazionalizzato il Canale di Suez (che era dei francesi e degli inglesi) si oppose alle mire espansioniste di Israele, prendendo però delle sonore legnate su tutti i fronti (la guerra del Sinai, etc.) e a breve seguì il fallimento della progettata Repubblica Araba Unita. Ma la fine è stata segnata dagli USA, che per cominciare hanno negato il finanziamento del FMI per la costruzione della diga sul Nilo (Assuan, poi costruita con i soldi dei russi), e infine nell'81 hanno fatto assassinare il successore di Nasser, al-Sadat, che aveva ripreso parte del Golan con la Siria e all'interno teneva strettamente sotto controllo le pulsioni musulmane. Io mi ricordo ancora le immagini dell'attentato, lo trasmisero in TV senza censure (non c'erano tanti frigni all'epoca) facendo vedere la gente sventrata dalla cannonata. Con un cannone del carro armato gli spararono, per essere sicuri! Uno di quelli che gli sedevano accanto aveva un braccio spezzato e lacerato, si vedevano i muscoli e i tendini strappati che contraendosi convulsamente facevano ballonzolare il moncone mentre il sangue usciva a fiotti dalle arterie tranciate. Eppure questo tizio (probabilmente un generale dell'esercito) stava seduto quasi tranquillo, in attesa dei soccorsi. Che tempra! La scena è durata diversi minuti, non penso che si sia più visto uno splatter simile in un TG. Bhé, per venire al punto, Sadat aveva promulgato leggi molto avanzate in campo sociale anche per l'uguaglianza dei sessi, che avevano portato la legislazione dell'Egitto vicina al livello dei Paesi occidentali. A lui è succeduto Mubarak, e avete ben visto che fine ha fatto, con quella pantomina delle "primavere arabe", chiaramente orchestrate dagli USA. E adesso i Paesi arabi stanno precipitando nel medioevo islamico. Bel risultato!

Ma è quello che dico! USraele.

_________________
I always have ammo in my back pocket weherever I go (Hickok45)

Vivo solo una volta, ma come vivo io, una volta basta.

Ma cosa credi, che uno si sveglia una mattina e decide di lavorare in un carcere? Quella è gente perversa! (Vanessa Lutz)

avatar
Rasputin
..............
..............

Maschile Numero di messaggi : 49896
Età : 56
Località : Augusta vindelicorum
Occupazione/Hobby : Antinazista non praticante
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 28.10.09

Tornare in alto Andare in basso

Re: ...e se le cose cominciassero a precipitare?

Messaggio Da Minsky il Ven 25 Mar - 8:32

Il Sole 24ORE ha scritto:Cancellato progetto da 40 miliardi di dollari nel Gas naturale liquefatto

di Sissi Bellomo 24 marzo 2016

Era un progetto faraonico, troppo costoso e avveniristico per quest’epoca di ristrettezze nel settore petrolifero. Nessuno si è quindi sorpreso all’annuncio dell’australiana Woodside Petroleum, che ha rinviato a tempi migliori Browse Lng: un progetto da almeno 40 miliardi di dollari - con decine di milioni già spesi per completare tutti gli studi ingegneristici - che nelle attuali condizioni di mercato sarebbe ingiustificabile. Persino la Borsa ha quasi ignorato la notizia, punendo il titolo con un ribasso inferiore all’1%, benché la compagnia abbia perso la sua principale direttrice di crescita

Il Gas naturale liquefatto (Gnl), sulla scia dei ribassi del petrolio e per colpa di un crescente eccesso di offerta, è crollato di prezzo: in Asia - dove nel 2011, dopo il disastro di Fukushima, i carichi spotavevano superato 20 dollari per milione di Btu - il Gnl è sceso oggi fino a 4,40 $/MBtu. Le prospettive di recupero sono scarse: uno dopo l’altro stanno infatti entrando in produzione una lunga serie di progetti commissionati negli anni scorsi e Citigroup prevede che entro il 2018 ci sarà un surplus di 28 milioni di tonnellate (su un mercato di 250 milioni nel 2015).

La settimana scorsa è entrato in funzione Gorgon Lng di Chevron, il progetto più caro in assoluto: 55 miliardi di $. A regime avrà una capacità di 15,6 milioni di tonnellate l’anno di gas liquefatto. Altri 12 milioni erano attesi da Browse. Woodside non è però riuscita a trovare nessun cliente per le sue forniture. Inoltre non ce l’ha fatta ad abbattere ulteriormente i costi del progetto, che conta su ricche risorse di gas ma si trova in mezzo all’Oceano Pacifico, a più di 400 km dal Western Australia.

Nel 2013 c’era stato un primo rinvio, che aveva portato la società a ripensare il progetto, che in origine costava più di 60 miliardi, scartando l’ipotesi di un impianto di liquefazione a terra. Woodside aveva ridotto il budget optando per un’avveniristica nave-piattaforma, basata su tecnologie brevettate dal socio Royal Dutch Shell, che di Browse Lng ha il 27% contro il 30,6% di Woodside (gli altri azionisti sono Bp, Petrochina e Japan Australia Lng, consorzio tra Mitsui e Mitsubishi).

A breve sarà completata la costruzione della Prelude Flng, la prima «nave» per la liquefazione e lo stoccaggio del Gnl offshore: l’impianto galleggiante più grande del mondo, ingombrante come sei portaerei. Ma non sarà Woodside a prenderne consegna.


http://www.ilsole24ore.com/art/finanza-e-mercati/2016-03-23/cancellato-progetto-40-miliardi-dollari-gas-naturale-liquefatto-220647.shtml

_________________
avatar
Minsky
--------------
--------------

Maschile Numero di messaggi : 14459
Età : 62
Località : Codroipo
Occupazione/Hobby : ateo guerriero
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 06.10.11

Tornare in alto Andare in basso

Re: ...e se le cose cominciassero a precipitare?

Messaggio Da Minsky il Sab 2 Apr - 18:13


_________________
avatar
Minsky
--------------
--------------

Maschile Numero di messaggi : 14459
Età : 62
Località : Codroipo
Occupazione/Hobby : ateo guerriero
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 06.10.11

Tornare in alto Andare in basso

Re: ...e se le cose cominciassero a precipitare?

Messaggio Da holubice il Dom 3 Apr - 12:10

RAI: TORNA A INFIAMMARSI IL NAGORNO KARABAKH: SCONTRI TRA AZERI E ARMENI, DECINE DI MORTI



"Era dal 1994 che non si registravano scontri così violenti nel Nagorno Karabakh, la regione dell'Azerbaigian contesa dalla vicina Armenia. Secondo fonti locali non verificate ci sarebbero decine di morti tra i soldati delle due contrapposte forze armate, anche se un bilancio ufficiale è difficile da stabilire. Gli armeni abbattono un elicottero azero Decine di persone sarebbero rimaste uccise ieri nei combattimenti scoppiati dopo che l'esercito armeno ha riferito di aver abbattuto un elicottero azero, sostenendo minacciasse di penetrare nel territorio del Nagorno Karabakh. Ma la situazione è in continua evoluzione. Nagorno Karabakh: un'enclave, molte tensioni e una guerra con 30mila morti Il Nagorno Karabakh si trova in Azerbaigian ma è controllato da armeni, ed è proprio l'Armenia a sostenere il territorio a livello militare ed economico da quando la guerra separatista è finita nel 1994. La zona è contesa dai due Paesi dal 1988. - See more at: http://www.rainews.it/dl/rainews/articoli/Torna-a-infiammarsi-il-Nagorno-Karabakh-scontri-tra-Azerbaigian-e-Armenia-decine-di-morti-07a0ed76-6d30-46bb-93f5-c7e6692a268a.html" (CONTINUA NEL LINK)

Sembra sia uno sgambetto che la Turchia fa alla Russia, in risposta ai bombardamenti delle minoranze turcomanne in Siria. Si può replicare nel Caucaso lo stesso scenario che stiamo vivendo in Siria, in una regione che ribolliva già in tempi non sospetti già venti anni fa.

Auguri.




avatar
holubice
-------------
-------------

Numero di messaggi : 6214
Età : 115
Località : 43°91′45″N 12°91′91″E
Occupazione/Hobby : Novello Disoccupato
SCALA DI DAWKINS :
0 / 700 / 70

Data d'iscrizione : 28.07.10

Tornare in alto Andare in basso

Re: ...e se le cose cominciassero a precipitare?

Messaggio Da Minsky il Mar 19 Apr - 16:45

The New York Times ha scritto:Saudi Arabia Warns of Economic Fallout if Congress Passes 9/11 Bill

By MARK MAZZETTI APRIL 15, 2016

WASHINGTON — Saudi Arabia has told the Obama administration and members of Congress that it will sell off hundreds of billions of dollars’ worth of American assets held by the kingdom if Congress passes a bill that would allow the Saudi government to be held responsible in American courts for any role in the Sept. 11, 2001, attacks.

The Obama administration has lobbied Congress to block the bill’s passage, according to administration officials and congressional aides from both parties, and the Saudi threats have been the subject of intense discussions in recent weeks between lawmakers and officials from the State Department and the Pentagon. The officials have warned senators of diplomatic and economic fallout from the legislation.

Adel al-Jubeir, the Saudi foreign minister, delivered the kingdom’s message personally last month during a trip to Washington, telling lawmakers that Saudi Arabia would be forced to sell up to $750 billion in treasury securities and other assets in the United States before they could be in danger of being frozen by American courts.

Several outside economists are skeptical that the Saudis will follow through, saying that such a sell-off would be difficult to execute and would end up crippling the kingdom’s economy. But the threat is another sign of the escalating tensions between Saudi Arabia and the United States.

The administration, which argues that the legislation would put Americans at legal risk overseas, has been lobbying so intently against the bill that some lawmakers and families of Sept. 11 victims are infuriated. In their view, the Obama administration has consistently sided with the kingdom and has thwarted their efforts to learn what they believe to be the truth about the role some Saudi officials played in the terrorist plot.

“It’s stunning to think that our government would back the Saudis over its own citizens,” said Mindy Kleinberg, whose husband died in the World Trade Center on Sept. 11 and who is part of a group of victims’ family members pushing for the legislation.

President Obama will arrive in Riyadh on Wednesday for meetings with King Salman and other Saudi officials. It is unclear whether the dispute over the Sept. 11 legislation will be on the agenda for the talks.

Saudi officials have long denied that the kingdom had any role in the Sept. 11 plot, and the 9/11 Commission found “no evidence that the Saudi government as an institution or senior Saudi officials individually funded the organization.” But critics have noted that the commission’s narrow wording left open the possibility that less senior officials or parts of the Saudi government could have played a role. Suspicions have lingered, partly because of the conclusions of a 2002 congressional inquiry into the attacks that cited some evidence that Saudi officials living in the United States at the time had a hand in the plot.

Those conclusions, contained in 28 pages of the report, still have not been released publicly.

The dispute comes as bipartisan criticism is growing in Congress about Washington’s alliance with Saudi Arabia, for decades a crucial American ally in the Middle East and half of a partnership that once received little scrutiny from lawmakers. Last week, two senators introduced a resolution that would put restrictions on American arms sales to Saudi Arabia, which have expanded during the Obama administration.

Families of the Sept. 11 victims have used the courts to try to hold members of the Saudi royal family, Saudi banks and charities liable because of what the plaintiffs charged was Saudi financial support for terrorism. These efforts have largely been stymied, in part because of a 1976 law that gives foreign nations some immunity from lawsuits in American courts.

The Senate bill is intended to make clear that the immunity given to foreign nations under the law should not apply in cases where nations are found culpable for terrorist attacks that kill Americans on United States soil. If the bill were to pass both houses of Congress and be signed by the president, it could clear a path for the role of the Saudi government to be examined in the Sept. 11 lawsuits.

Obama administration officials counter that weakening the sovereign immunity provisions would put the American government, along with its citizens and corporations, in legal risk abroad because other nations might retaliate with their own legislation. Secretary of State John Kerry told a Senate panel in February that the bill, in its current form, would “expose the United States of America to lawsuits and take away our sovereign immunity and create a terrible precedent.”

The bill’s sponsors have said that the legislation is purposely drawn very narrowly — involving only attacks on American soil — to reduce the prospect that other nations might try to fight back.

In a closed-door briefing on Capitol Hill on March 4, Anne W. Patterson, an assistant secretary of state, and Andrew Exum, a top Pentagon official on Middle East policy, told staff members of the Senate Armed Services Committee that American troops and civilians could be in legal jeopardy if other nations decide to retaliate and strip Americans of immunity abroad. They also discussed the Saudi threats specifically, laying out the impacts if Saudi Arabia made good on its economic threats.

John Kirby, a State Department spokesman, said in a statement that the administration stands by the victims of terrorism, “especially those who suffered and sacrificed so much on 9/11.”

Edwin M. Truman, a fellow at the Peterson Institute for International Economics, said he thought the Saudis were most likely making an “empty threat.” Selling hundreds of billions of dollars in American assets would not only be technically difficult to pull off, he said, but would also very likely cause global market turmoil for which the Saudis would be blamed.

Moreover, he said, it could destabilize the American dollar — the currency to which the Saudi riyal is pegged.

“The only way they could punish us is by punishing themselves,” Mr. Truman said.

The bill is an anomaly in a Congress fractured by bitter partisanship, especially during an election year. It is sponsored by Senator John Cornyn, Republican of Texas, and Senator Chuck Schumer, Democrat of New York. It has the support of an unlikely coalition of liberal and conservative senators, including Al Franken, Democrat of Minnesota, and Ted Cruz, Republican of Texas. It passed through the Judiciary Committee in January without dissent.

“As our nation confronts new and expanding terror networks that are targeting our citizens, stopping the funding source for terrorists becomes even more important,” Mr. Cornyn said last month.

The alliance with Saudi Arabia has frayed in recent years as the White House has tried to thaw ties with Iran — Saudi Arabia’s bitter enemy— in the midst of recriminations between American and Saudi officials about the role that both countries should play in the stability of the Middle East.

But the administration has supported Saudi Arabia on other fronts, including providing the country with targeting intelligence and logistical support for its war in Yemen. The Saudi military is flying jets and dropping bombs it bought from the United States — part of the billions of dollars in arms deals that have been negotiated with Saudi Arabia and other Persian Gulf nations during the Obama administration.

The war has been a humanitarian disaster and fueled a resurgence of Al Qaeda in Yemen, leading to the resolution in Congress to put new restrictions on arms deals to the kingdom. Senator Christopher S. Murphy, Democrat of Connecticut, one of the resolution’s sponsors and a member of the Senate Foreign Relations Committee, said that Congress has been “feckless” in conducting oversight of arms sales, especially those destined for Saudi Arabia.

“My first desire is for our relationship with Saudi Arabia to come with a greater degree of conditionality than it currently does,” he said.

http://www.nytimes.com/2016/04/16/world/middleeast/saudi-arabia-warns-ofeconomic-fallout-if-congress-passes-9-11-bill.html

_________________
avatar
Minsky
--------------
--------------

Maschile Numero di messaggi : 14459
Età : 62
Località : Codroipo
Occupazione/Hobby : ateo guerriero
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 06.10.11

Tornare in alto Andare in basso

Re: ...e se le cose cominciassero a precipitare?

Messaggio Da Rasputin il Mar 19 Apr - 17:18

vuoi vedere che salta fuori la verità sull'11/09?

_________________
I always have ammo in my back pocket weherever I go (Hickok45)

Vivo solo una volta, ma come vivo io, una volta basta.

Ma cosa credi, che uno si sveglia una mattina e decide di lavorare in un carcere? Quella è gente perversa! (Vanessa Lutz)

avatar
Rasputin
..............
..............

Maschile Numero di messaggi : 49896
Età : 56
Località : Augusta vindelicorum
Occupazione/Hobby : Antinazista non praticante
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 28.10.09

Tornare in alto Andare in basso

Re: ...e se le cose cominciassero a precipitare?

Messaggio Da Minsky il Mar 19 Apr - 17:25

Rasputin ha scritto:vuoi vedere che salta fuori la verità sull'11/09?
Mai. Sarebbe la fine degli USA (e il resto del mondo occidentale non se la caverebbe con le ossa intatte).

_________________
avatar
Minsky
--------------
--------------

Maschile Numero di messaggi : 14459
Età : 62
Località : Codroipo
Occupazione/Hobby : ateo guerriero
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 06.10.11

Tornare in alto Andare in basso

Re: ...e se le cose cominciassero a precipitare?

Messaggio Da Rasputin il Mar 19 Apr - 17:50

Minsky ha scritto:
Rasputin ha scritto:vuoi vedere che salta fuori la verità sull'11/09?
Mai. Sarebbe la fine degli USA (e il resto del mondo occidentale non se la caverebbe con le ossa intatte).

Dell'articolo ho letto integralmente solo il primo terzo poi ho saltato dei passaggi, ma mi pare che dalla sostanza traspaia il rischio....oh, poi lo sai che io sono un ottimista

_________________
I always have ammo in my back pocket weherever I go (Hickok45)

Vivo solo una volta, ma come vivo io, una volta basta.

Ma cosa credi, che uno si sveglia una mattina e decide di lavorare in un carcere? Quella è gente perversa! (Vanessa Lutz)

avatar
Rasputin
..............
..............

Maschile Numero di messaggi : 49896
Età : 56
Località : Augusta vindelicorum
Occupazione/Hobby : Antinazista non praticante
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 28.10.09

Tornare in alto Andare in basso

Re: ...e se le cose cominciassero a precipitare?

Messaggio Da Minsky il Lun 26 Set - 19:55

Deutsche Bank schiaccia le borse, Piazza Affari -1,6%

_________________
avatar
Minsky
--------------
--------------

Maschile Numero di messaggi : 14459
Età : 62
Località : Codroipo
Occupazione/Hobby : ateo guerriero
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 06.10.11

Tornare in alto Andare in basso

Re: ...e se le cose cominciassero a precipitare?

Messaggio Da Rasputin il Lun 26 Set - 20:44

Minsky ha scritto:Deutsche Bank schiaccia le borse, Piazza Affari -1,6%

[...]Elemento, questo, al quale si aggiungono le parole del cancelliere, Angela Merkel, che ha negato aiuti pubblici al colosso tedesco. Nonostante i vertici dell’istituto abbiano affermato che il business della banca è in ordine e che nessun aumento di capitale è in vista, a soffrirne è stato tutto il comparto europeo.[...]

Mafia juden in azione?

Mano male che la culona ha negato, speriamo che mantenga

_________________
I always have ammo in my back pocket weherever I go (Hickok45)

Vivo solo una volta, ma come vivo io, una volta basta.

Ma cosa credi, che uno si sveglia una mattina e decide di lavorare in un carcere? Quella è gente perversa! (Vanessa Lutz)

avatar
Rasputin
..............
..............

Maschile Numero di messaggi : 49896
Età : 56
Località : Augusta vindelicorum
Occupazione/Hobby : Antinazista non praticante
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 28.10.09

Tornare in alto Andare in basso

Pagina 8 di 9 Precedente  1, 2, 3, 4, 5, 6, 7, 8, 9  Seguente

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto

- Argomenti simili

 
Permesso di questo forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum