IMMIGRATI

Pagina 11 di 15 Precedente  1 ... 7 ... 10, 11, 12, 13, 14, 15  Seguente

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

Re: IMMIGRATI

Messaggio Da Minsky il Gio 24 Nov - 21:19

Rasputin ha scritto:In realtà, a mio parere non esistono islamici radicali.

Esistono solo quelli più rumorosi.

Gli islamici sono tutti radicali. Non potrebbero essere diversamente, altrimenti non sarebbero islamici. È una questione di struttura dell'islam.

_________________

Minsky
--------------
--------------

Maschile Numero di messaggi : 13487
Età : 62
Località : Codroipo
Occupazione/Hobby : ateo guerriero
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 06.10.11

Tornare in alto Andare in basso

Re: IMMIGRATI

Messaggio Da Minsky il Gio 24 Nov - 21:21

ANSA ha scritto:Tenta uccidere la moglie, arrestato

Nigeriano bloccato dalla polizia dopo telefonata vicini al 113


Redazione ANSA FABRIANO (ANCONA)
23 novembre 2016 12:29


FABRIANO (ANCONA), 23 NOV - Ubriaco picchia la moglie davanti al figlio minorenne in lacrime, e le grida della donna richiamano l'attenzione di alcuni passanti, che telefonano al 113. È successo a Fabriano (Ancona), in un appartamento del centro storico abitato da una famiglia africana. Due pattuglie delle volanti giunte sul posto hanno bloccato e arrestato l'aggressore, un nigeriano di 36 anni, dopo aver sfondato la porta d'ingresso. La donna è stata trovata con i vestiti strappati e il volto devastato dalle ecchimosi. Ai poliziotti ha raccontato che il marito era tornato a casa ubriaco, l'aveva aggredita e aveva tentato di strangolarla prima di prenderla a calci e pugni. Per l'uomo è scattato l'arresto con l'accusa di tentato omicidio e maltrattamenti in famiglia. Già in passato la moglie era dovuta ricorrere alle cure del pronto soccorso, sempre negando però di essere vittima di violenze domestiche. Il Commissariato aveva comunque avviato un'indagine e informato i Servizi sociali.

_________________

Minsky
--------------
--------------

Maschile Numero di messaggi : 13487
Età : 62
Località : Codroipo
Occupazione/Hobby : ateo guerriero
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 06.10.11

Tornare in alto Andare in basso

Re: IMMIGRATI

Messaggio Da Rasputin il Gio 24 Nov - 21:27

Minsky ha scritto:
Rasputin ha scritto:In realtà, a mio parere non esistono islamici radicali.

Esistono solo quelli più rumorosi.

Gli islamici sono tutti radicali. Non potrebbero essere diversamente, altrimenti non sarebbero islamici. È una questione di struttura dell'islam.

Appunto. Ci sono solo gli islamici, sostanzialmente tutti uguali, tra loro quelli meno rumorosi che sono potenzialmente come gli altri

_________________
Mi dissocio espressamente da tutte le dichiatrazioni da me rilasciate a partire da un'ora fa.
Qualunque somiglianza con la realtà è puramente casuale ed involontaria.
La pena di morte andrebbe applicata immediatamente e senza processo a chiunque, anche in tenera età, esprimesse il mero desiderio di diventare giudice o funzionario di qualsiasi categoria.

Rasputin
..............
..............

Maschile Numero di messaggi : 49139
Età : 56
Località : Augusta vindelicorum
Occupazione/Hobby : Nazista
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 28.10.09

Tornare in alto Andare in basso

Re: IMMIGRATI

Messaggio Da holubice il Gio 24 Nov - 23:58

Cyrano ha scritto:Il problema non si risolve vietando l'immigrazione, il problema si risolve cancellando le politiche assistenzialiste e implementando correttamente le politiche di controllo criminale
Ovvero: venite pure ma non avrete né alloggio né cibo gratis, e per avere sussidi sociali dovrete aver lavorato e contribuito alla pari dei cittadini.
Se verrete beccati a delinquere, andrete ai lavori forzati
Fine della cuccagna, fine dell'immigrazione di massa
Da bambino il mio atlante indicava un popolazione mondiale di 3,7 miliardi di persone. Ora siamo più di 7 miliardi. Già allora vi erano milioni di uomini alla fame. Chi si è aggiunto nel frattempo non poteva che riversarsi qui. E' l'esplosione demografica che ha fatto tracimare tutta questa gente qui, gente che non vedevamo 40 anni fa.

Una soluzione può essere la sterilizzazione di massa. Vuoi qualcosa da mangiare dall'Occidente? Ti fai sterilizzare. In una generazione si riporta la popolazione di Africa e di Asia ai livelli del '800. Non dico di tagliare i @oglioni ai negretti, parlo dell'occlusione delle ovaie. Così posso trombare a più non posso, senza conseguenze.

E' bruttissimo da dire, ma l'unica soluzione davvero efficace.

boxed



Qui nell'articolo la fanno tragica, ma quello che intendo è proprio questo:

Perú, il rischio dell'impunità per le sterilizzazioni forzate



"María Mamérita Mestanza Chávez aveva 33 anni e 7 figli quando nel 1998 fu sottoposta a sterilizzazione. Viveva in un piccolo villaggio tra le montagne della regione Cajamarca, dove già da due anni gli operatori del Distretto sanitario eseguivano la sterilizzazione come metodo di pianificazione familiare. Era il 1995, quando il governo di Alberto Fujimori modificò la Legge sulla politica nazionale della popolazione al fine di lanciare il progetto Aqv (Anticoncepciòn Quirùrgica Voluntaria), per trasformare la legatura delle tube e la vasectomia in metodi legali di pianificazione familiare, effettuati dal servizio sanitario pubblico.
Sette anni di sterilizzazione selvaggia. María Mamérita è una delle 18 persone che - secondo il report della Commissione d'inchiesta del Congresso del 2002 - perse la vita a seguito dell'intervento cui fu costretta a sottomettersi. Si scoprì poi che molte donne avevano accettato l'intervento con l'inganno, sotto minaccia o addiritura costrette con la forza. I numeri di quegli anni sono impressionanti: tra il 1993 e il 2000 ci furono 346.219 sterilizzazioni; 2.074 donne denunciarono di essere state costrette a subire la sterilizzazione; 18 donne sono morte a causa delle cattive condizioni. In quegli anni, superando la vergogna e il timore, alcune campesinas di Anta, della provincia di Cuzco, si recarono nella capitale per rendere pubblica la loro storia, denunciare le atrocità subite sui loro corpi e chiedere giustizia." (CONTINUA NEL LINK)



Certo, certi metodi hanno un che di nazistoide. Ma una mia ex collega, che è andata a fare la volontaria in Perù, ci raccontava che esistono dei gabbioni pieni di bambini. Sì, come quelli in cui noi mettiamo i polli.

boxed



holubice
-------------
-------------

Numero di messaggi : 6103
Età : 114
Località : 43°91′45″N 12°91′91″E
Occupazione/Hobby : Novello Disoccupato
SCALA DI DAWKINS :
0 / 700 / 70

Data d'iscrizione : 28.07.10

Tornare in alto Andare in basso

Re: IMMIGRATI

Messaggio Da Rasputin il Ven 25 Nov - 0:08

Holu ha scritto:Una soluzione può essere la sterilizzazione di massa. Vuoi qualcosa da mangiare dall'Occidente? Ti fai sterilizzare.

Sarebbe un'ottima idea anche coi musulmani

_________________
Mi dissocio espressamente da tutte le dichiatrazioni da me rilasciate a partire da un'ora fa.
Qualunque somiglianza con la realtà è puramente casuale ed involontaria.
La pena di morte andrebbe applicata immediatamente e senza processo a chiunque, anche in tenera età, esprimesse il mero desiderio di diventare giudice o funzionario di qualsiasi categoria.

Rasputin
..............
..............

Maschile Numero di messaggi : 49139
Età : 56
Località : Augusta vindelicorum
Occupazione/Hobby : Nazista
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 28.10.09

Tornare in alto Andare in basso

Re: IMMIGRATI

Messaggio Da Minsky il Ven 25 Nov - 14:38

Libero ha scritto:BANLIEUE ALL'ITALIANA

Torino, la rivolta degli immigrati: "Allah ci guiderà nella vendetta"


25 Novembre 2016

"Allah ci guiderà nella vendetta". Anche l'Italia ha la sua banlieue pronta ad esplodere: è l'ex villaggio olimpico di Torino, dove si è scatenata una guerra civile tra residenti e immigrati. Centinaia di africani sono scesi in strada per protestare contro le condizioni in cui si trovano a vivere: "Gli italiani sono razzisti, la polizia ci controlla e non ci difende". A scatenare la rabbia dei quasi 1.500 migranti, di cui molti clandestini, sono state tre bombe-carta lanciate contro le palazzine del Moi in cui abitano. "Ci insultavano: venite giù scimmie, venite giù bastardi - accusano gli immigrati, secondo quanto riferisce La Stampa -. E poi ci sono stati gli scoppi e noi abbiamo pensato che stavamo per morire tra le fiamme e le bombe. Ma qualcuno è sceso lo stesso. E quelli hanno continuato ad insultarci". "Siamo nulla per questa città - spiega un ragazzo del Camerun -. Siamo nel mirino di gente che non capisce che anche noi siamo ragazzi e vorremmo una vita decente".

Povertà, emarginazione, razzismo, violenza: un mix esplosivo che rischia di regalare un pezzo di città all'Islam radicale, quello che occhieggia all'Isis e al fondamentalismo jihadista. Tra i ragazzi, molti ventenni, c'è chi lavora in nero, chi si arrangia, chi spaccia, chi semplicemente non fa nulla, per tutto il giorno. "Voi italiani adesso dite ai vostri figli che non siamo cani. Teneteli tranquilli, perché la nostra pazienza prima o poi finirà. E allora anche noi andremo a prendere latte di benzina da lanciare contro le vetrine", è la minaccia di un giovane africano. Si fa strada la legge del taglione: "Un morto nostro, un morto degli altri", grida chi pensa alla strage di Parigi al Bataclan come "la vendetta degli esclusi".

http://www.liberoquotidiano.it/news/italia/12027625/torino-rivolta-immigrati-moi-allah-vendetta-banlieue-bataclan-islam-isis-.html

_________________

Minsky
--------------
--------------

Maschile Numero di messaggi : 13487
Età : 62
Località : Codroipo
Occupazione/Hobby : ateo guerriero
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 06.10.11

Tornare in alto Andare in basso

Re: IMMIGRATI

Messaggio Da Minsky il Ven 25 Nov - 14:42

Il Giornale ha scritto:Tra alcol, furti e sporcizia viaggio nel campo profughi dove le regole non esistono

Medicine finte, vodka vera e cristiani vietati: il racconto di un mese da volontaria in un campo profughi di Udine


Irene Giurovich - Gio, 24/11/2016 - 16:18

Caserma Cavarzerani, Udine. Un tempo i militari, oggi i profughi, fra i 700 e gli 800. Pakistani e afghani. Abbiamo vissuto dall'altra parte, per circa un mese, la gestione dell'emergenza ordinaria, fra le fila della Croce Rossa.

Scope, secchi e spazzoloni: ad un operatore Cri, appena entrato, vengono dati in mano questi strumenti di lavoro. «Stiamo scherzando?». No. Le pulizie competono a noi.

Fuori dalle finestre delle strutture si trovano lenzuola sporche, stracci, coperte e immondizie varie. Moltissimi le buttano fuori dalle finestre e dalla tende. «Noi siamo islamici puliti, perché questo lo dice il Corano, ma questi sono animali», lo sfogo di un albanese (islamico) che lavora per la ditta che ha l'ingrato compito di pulire i bagni.

Prima regola: noi della Croce Rossa dobbiamo tenere in ordine il campo, anche perché quando arrivano i sopralluoghi ministeriali deve essere tutto a posto. «Il direttore vuole tutto pulito e senza rifiuti in giro, altrimenti se non si passa la visita ministeriale...». Già. Ma dovrebbe essere un compito che viene fatto eseguire ai profughi. Visto che in questo campo ci vivono, mangiano tre volte al giorno e dormono. «Dipende se trovi qualcuno che ti aiuta», mi sento rispondere: «Se non trovi nessuno che lo fa, devi occupartene tu». E così, armate di guanti, sacchi neri, scope, divise in squadre, più volte al giorno, ecco andare in scena le ronde di controllo-pulizie-vigilanza anche per evitare che i profughi scavalchino o avvengano passaggi di merce. Si cerca di impegnare anche loro nel raccatta-rifiuti, soprattutto quando li vedi nullafacenti o intenti a fumare o giocare a cricket; qualche straniero disponibile ad aiutarti si trova, ma è una nettissima minoranza. La maggior parte si defila. Qualcuno, seccato, ti dice: «No pay, no work». Gli unici posti in cui non c'è un solo rifiuto e per terra è pulito sono le due moschee ubicate all'interno di due capannoni con tanto di tappeti. Qualche volta si sentono le grida: si stanno flagellando, un'usanza che, però, alcuni assicurano non c'entrare nulla con l'Islam. Le fazioni sono divise, tant'è che le moschee sono due per evitare conflittualità per rivalità etniche. E ad alcune di queste risse ho assistito, intervenendo, con il rischio di vedermi un pezzo di vetro, strappato dalle mani di un profugo, finire direttamente nel mio stomaco. Qui dentro per un eventuale profugo cattolico non c'è storia. Una sera, poi, era atteso un profugo-primo ingresso, ma all'ultimo minuto, su segnalazione della Questura, è stato dirottato in un altro campo. Troppo pericoloso. Chi? Lui? No. La motivazione tutt'altra: era cattolico. Pericoloso per lui stare qui dentro. Sveglia ore 8.15. Quasi nessuno ha voglia di alzarsi dalla branda o uscire dalla tende. Alcuni mi chiedono in inglese: «Anche se ci alziamo, che cosa facciamo? Non abbiamo niente da fare». Si ritira il ticket. Colazione con latte caldo e brioche: eccoli in coda tremanti per il freddo, con infradito ai piedi, t-shirt a maniche corte o un lenzuolo che li avvolge; spesso arrivano i carichi di merce da noti magazzini della zona, ma sembra non bastino per tutti, anche perché i furbi prendono più di una giacca e persino qualche operatore trattiene per sé qualcosa (il marchio «Woolrich» attira). Per alcuni periodi l'acqua calda non c'è: spesso e volentieri, complice forse la noia, chissà, o la voglia di ribellione o il cibo che non piace, c'è chi si diletta a rompere. Per un po' di tempo i bagni oggetto di vandalismi sono rimasti chiusi in attesa che saltassero fuori i responsabili ma nessuno parla. Fuori dalla porta dei bagni le scritte nella loro lingua, oltre che in italiano e in inglese, per ribadire che fino a quando non uscirà il colpevole o non verrà versato 1 euro da tutti quella zona resterà off limits: il cartello in italiano viene spesso strappato. Nessuno fa la spia. Nessuno dà 1 euro.

Droga, donne, alcol. Ufficialmente non dovrebbero fumare. Nelle ronde pomeridiane, che prevedono sempre pulizie/cambio sacchi neri/controlli vari/con una particolare attenzione a porte-finestre-bagni per scongiurare ulteriori vandalismi e fughe di chi fa jump saltando i muri di cinta, incappo in chi allegramente fuma, e non sembrano normali sigarette. Alcuni li abbiamo bloccati ma sono riusciti a sfilarsi dalla nostra presa. La regola vorrebbe che si prendesse nota sul quaderno giornaliero (letto anche dalla Questura) il numero di braccialetto: ogni profugo è identificato in questo modo, ma quando cerchi di vedere il numero prendendo il braccio, ti ritrovi nel bel mezzo di un tira-molla con il rischio di trovarti sotto accusa perché hai messo le mani addosso ad un profugo. Alcune volte facevo notare che la religione islamica non ammette la droga. Ma dall'altra parte nessuna risposta, al massimo una risata. L'essere donna qui dentro, nonostante molte siano le operatrici, complica ancora di più il lavoro: devi farti valere più degli operatori maschi. In alcuni casi quando qualche profugo si intratteneva a parlare di più con una donna, ecco avvicinarsi altri suoi connazionali per intimargli lo stop, visto che stava dilungandosi troppo nella conversazione. Cercavo in tutti i modi di far rispettare le regole e la parità di genere. Ma vedevo che molte cose, lì dentro, avvenivano per far rispettare le loro leggi e le loro usanze che molto spesso confliggono con quelle dell'Occidente. L'attenzione è massima anche per gli orari in modo che non interferiscano con il richiamo alla preghiera in moschea e con altri appuntamenti religiosi (è capitato di assistere a momenti in cui i profughi potevano cucinare nelle strutture abbandonate in quanto avevano ricevuto da qualche mediatore Cri un permesso speciale in concomitanza con ricorrenze religiose). Ufficialmente non dovrebbero bere gli islamici. Ma durante le ronde si trovano anche lattine di birra sparse in mezzo alla vegetazione. Al cancello non si fa passare chi entra con le birre dentro la borsa della spesa ma in qualche modo la merce entra. Ci sono frequenti passaggi dall'esterno. Anche il cibo vietato, come pure le sostanze illegali, possono entrare in questo modo. C'è chi viene beccato alticcio al rientro, perché ha stazionato a bere da qualche parte: la seconda volta in cui viene trovato in stato alterato parte la segnalazione alla Questura e la persona resta fuori dal campo. «Guarda che questo è pieno di alcol in corpo, sento l'odore», dico. «Sei sicura? Usano tante spezie nel cibo, potrebbe essere quello». Barcolla, non sono le spezie. Ma viene lasciato passare. Salvo poi dover sedare «incomprensioni» che certe notti si trasformano in scontro. C'è chi mi racconta di aver trascorso alcune serate a bere insieme con degli operatori, per socializzazione. Anche Vodka. Alcol-party. Alla volte, con qualche mediatore - ex profugo del campo - anche hashish. Tipo epoca dei figli dei fiori nelle tende.

Alcol a parte, la gestione sanitaria prevede nella caserma la presenza di un medico di cui tanti si lamentavano: o perché non forniva i farmaci, o perché non li curava abbastanza bene. C'era chi in preda a dolori alla testa, dolori articolari, mal di stomaco e altri sintomi, veniva a chiedere, disperato, un farmaco d'emergenza. Scopro così che quando si verificano queste situazioni (ogni giorno), l'operatore entra nel camper e prepara la cosiddetta pillola magica: c'è un barattolo di capsule vuote da somministrare ai profughi riempite con zucchero o bicarbonato. Placebo. «Non possiamo mica dare medicine a tutti».

Mediatori onnipotenti. Quasi sempre ex profughi questi mediatori arruolati nelle fila della Croce Rossa. Nei pattugliamenti troviamo alcuni profughi intenti a cucinare i loro piatti tipici nelle strutture dismesse e fatiscenti, in mezzo a rifiuti di ogni genere (organici e inorganici), in condizioni igieniche che richiederebbero l' intervento immediato dei Nas: c'è divieto di cucinare, non solo per ragioni di sicurezza igienica ma anche per evitare che scoppino incendi. Fai notare il mancato rispetto della regola. I numeri delle persone coinvolte vengono scritti nel quaderno delle segnalazioni. Ad un certo punto scatta la regola per chi controlla il gate: al rientro in campo i profughi hanno il divieto di portare con sé prodotti che possano essere utilizzati per cucinare (al fine di limitare gli episodi di cucina abusiva). Dunque, niente farina, niente olio, niente uova. Ma le uova portate da alcuni vengono fatte passare nonostante le avessi sequestrate. Ancora una volta, solo perché avevo cercato di imporre l'osservanza delle regole, finisco nel banco degli imputati. Il mediatore chiama i vertici che, a tempo record, si precipitano e mi rimproverano, dando ragione al mediatore definito «il più bravo che abbiamo». Faccio notare le parole che mi aveva rivolto: «Le leggi le faccio io». A questo punto chiedo una lista di quello che possiamo o non possiamo fare. Avevo notato un ruolo di strapotere assegnato ai «mediatori», presunti tali perché non c'è un albo, non c'è un corso di formazione per prepararli, come ci conferma la Prefettura: alle volte sembra che comandino loro. Dovrebbe essere la Cri a segnalare alla Prefettura i mediatori di parte. Ma è la Cri a sceglierli. Intanto viene annunciato un pamphlet alla cittadinanza su questa realtà dei campi da parte dell'agguerrito sindaco di Talmassons Piermauro Zanin: «La gente deve sapere».

Topi e malattie. Non c'è da scherzare: quando ci si abbassa a raccogliere le plastiche abbandonate ovunque, si incappa anche in stormi di topi che escono dalla vegetazione oscura e scappano. Il rischio leptospirosi qui non è da sottovalutare: ci sono casi di profughi che vengono morsi di notte. Una mattina si è cercato disperatamente uno di questi stranieri che era stato morsicato all'orecchio, ma non si è trovato. Era uscito. Sarebbe rientrato la sera. Con tutti i rischi connessi alla libera circolazione per la città viste le modalità trasmissive della malattia. Certo. Potranno non esserci in giro plastiche e lattine, ma qui ci sono i topi e i profughi rischiano, e la cittadinanza fuori dal campo pure. Qualche segnalazione all'Azienda sanitaria è arrivata. Da alcuni medici abbiamo saputo che qui dentro anche il rischio di epatite A ed epatite B è elevato. Alcuni sono anche Hiv positivi e lo scoprono successivamente. «Se là dentro c'è un solo caso di TBC, ve la prendete tutti». Come operatrice non avevo ricevuto alcuna indicazione. La Croce Rossa sembra non essere dotata di una forma assicurativa per i suoi lavoratori. Tant'è che un operatore che si era ferito con una scheggia ha persino dovuto pagare il ticket del Pronto soccorso. Nel contratto sottoscritto con la cooperativa, attraverso cui l'Ente assume, non si trova un solo riferimento all'assicurazione. Si trova scritta la sede di lavoro (campi sportivi), la qualifica (operaio generico) e al capitolo «rischi per la salute o di natura igienico-ambientale» sono barrate con il No tutte le voci eccetto «agenti biologici» a cui corrisponde un rischio basso. Nessun rischio nemmeno per quanto riguarda fattori psicologici e condizioni di lavoro difficili. Eppure gli operatori devono anche dividere lenzuola e coperte, inserirle dentro i sacchi neri con la scritta scabbia. Prima di incominciare quest'opera oggettivamente poco piacevole, chiedo che mi vengano forniti, oltre ai guanti, anche le mascherine: «Non abbiamo mascherine qui». Mi rifiuto pertanto di svolgere il compito. Vengo segnalata. Di nuovo.

http://www.ilgiornale.it/news/cronache/alcol-furti-e-sporcizia-viaggio-nel-campo-profughi-dove-1335535.html

_________________

Minsky
--------------
--------------

Maschile Numero di messaggi : 13487
Età : 62
Località : Codroipo
Occupazione/Hobby : ateo guerriero
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 06.10.11

Tornare in alto Andare in basso

Re: IMMIGRATI

Messaggio Da fungus77 il Ven 25 Nov - 14:44

Vada per la sterilizzazione di massa. E quante colpe hanno anche i cattolici di merda con le loro folli ed irrazionali chiusure ai metodi contraccettivi.

fungus77
-------------
-------------

Numero di messaggi : 82
SCALA DI DAWKINS :
0 / 700 / 70

Data d'iscrizione : 08.05.15

Tornare in alto Andare in basso

Re: IMMIGRATI

Messaggio Da Minsky il Ven 25 Nov - 14:51

fungus77 ha scritto:Vada per la sterilizzazione di massa. E quante colpe hanno anche i cattolici di merda con le loro folli ed irrazionali chiusure ai metodi contraccettivi.
In America Latina la colpa è praticamente tutta della chiesa cattolica.

_________________

Minsky
--------------
--------------

Maschile Numero di messaggi : 13487
Età : 62
Località : Codroipo
Occupazione/Hobby : ateo guerriero
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 06.10.11

Tornare in alto Andare in basso

Re: IMMIGRATI

Messaggio Da Mandalay il Ven 25 Nov - 15:09

http://milionidipassi.medicisenzafrontiere.it/antislogan/?utm_source=facebook&utm_medium=cpc&utm_campaign=anti-slogan-2016

Mandalay
-------------
-------------

Maschile Numero di messaggi : 479
Età : 55
Località : Bologna
Occupazione/Hobby : tentare di capire
SCALA DI DAWKINS :
60 / 7060 / 70

Data d'iscrizione : 10.07.13

Tornare in alto Andare in basso

Re: IMMIGRATI

Messaggio Da Minsky il Ven 25 Nov - 15:54

MSF ha scritto:I migranti non rappresentano un rischio per la salute pubblica. È allarmante che continuino a circolare notizie false a questo proposito. Nel corso di oltre dieci anni di attività mediche in Italia, MSF non ha memoria di un solo caso in cui la presenza di immigrati sul territorio sia stata causa di un’emergenza di salute pubblica. Spesso, associate all’arrivo dei migranti, vengono citate malattie come Tubercolosi, Ebola e scabbia. Siamo sicuri di conoscerle?
Qui: http://www.epicentro.iss.it/argomenti/migranti/SaluteIntegrazione.asp e in altri studi si evidenzia che il sistema di accoglienza è inadeguato e amplifica le patologie degli immigrati. E mi sembra appena il caso di aggiungere che buona parte degli immigrati esondano dai centri di accoglienza e si disperdono sul territorio in condizioni di alloggio precarie, senza i minimi requisiti igienici e fuori da ogni controllo.

MSF ha scritto:Le statistiche ufficiali dicono che la maggior parte delle persone in fuga si sposta verso i paesi limitrofi al proprio, non si “imbarca” per l’Europa. Degli oltre 65 milioni di persone nel mondo costrette alla fuga nel 2015, ben l’86% resta nelle regioni più povere del pianeta. Il 39% si trova in Medio Oriente e Nord Africa, il 29% in Africa, il 14% in Asia e Pacifico, il 12% nelle Americhe, solo il 6% in Europa.
Fatto sta che di profughi in Qatar, UAE o Arabia Saudita non ce n'è manco uno.

MSF ha scritto:In Italia, il sistema di accoglienza è gestito dal Ministero dell’Interno e comprende centri di prima e seconda accoglienza. L’insieme delle strutture ordinarie e dei servizi predisposti dalle autorità centrali e dagli enti locali è largamente insufficiente, tanto che più del 70% dei richiedenti asilo è attualmente ospitato in strutture temporanee e straordinarie.
Appunto. Sistema largamente insufficiente = non è possibile accoglierne altri.

MSF ha scritto:La comunità internazionale da decenni si pone come obiettivo di eliminare la fame e la povertà estrema ma, nonostante gli sforzi e gli investimenti, i risultati sono ancora insufficienti. E in ogni caso, gli aiuti internazionali da soli non bastano a consentire il rientro a casa in sicurezza di chi fugge da conflitti, persecuzioni e violenza. In alcuni contesti, poi, l’instabilità è tale che non esistono le garanzie minime di sicurezza necessarie per mantenere programmi di assistenza. Riguardo all’impegno di MSF, più del 68% dei fondi raccolti in Italia è destinato ai progetti in Africa, circa il 30% in Asia e America e solo il 2,5% in Europa¹. Di fatto, oggi la gran parte delle nostre risorse è già utilizzata nei paesi di provenienza di migranti e rifugiati, anche se nel 2015 la dimensione degli interventi di MSF a loro favore in Europa e nel Mediterraneo è aumentata molto.
La fame e la povertà non si possono risolvere con l'assistenza esterna. Sono palliativi di impatto insignificante. Occorrono politiche di riduzione demografica. Veloce.

MSF ha scritto:Per chi fugge da guerra, violenze o povertà ed è costretto a intraprendere un lungo e pericoloso viaggio, i cellulari, in particolare gli smartphone, sono beni di prima necessità:

  • sono il mezzo più economico per stare in contatto con i propri familiari;
  • permettono di capire dove ci si trova, attraverso la geolocalizzazione;
  • servono a condividere informazioni fondamentali su rotte, mappe, pericoli alle frontiere, blocchi.

Nei progetti di MSF in Grecia e sulla rotta dei Balcani forniamo alle persone in fuga postazioni per ricaricare il proprio cellulare e connessione wi-fi, e diverse organizzazioni umanitarie forniscono app per facilitare la richiesta di aiuto per le persone in fuga. In Sicilia e sud Italia, nelle nostre attività di primissima assistenza ai porti di arrivo in caso di sbarchi traumatici, tra i servizi di base offerti ai sopravvissuti - oltre al supporto psicologico - c'è l'accesso all’informazione e all'orientamento. Quando è necessario, mettiamo a disposizione un telefono per chiamare le famiglie.
Che sciocchezza. Una volta raccolto dalla nave non hai più bisogno di geolocalizzazione etc. Non stai mica facendo un corso di wilderness.

MSF ha scritto:La maggioranza delle persone che arrivano in Europa è rappresentata da giovani uomini perché hanno una condizione fisica migliore per poter affrontare un viaggio così duro. Spesso sono le stesse famiglie a mandarli per primi, sperando un giorno di potersi ricongiungere. Tuttavia, il numero di famiglie, donne e minori non accompagnati è in aumento. Nel 2015, secondo l'Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i rifugiati (UNHCR), di circa un milione di persone arrivate in Grecia, in Italia o Spagna via mare, il 17% è costituito da donne e il 25% da bambini.
Chi ce la fa ad arrivare è estremamente vulnerabile: le équipe di MSF assistono vittime di violenza e torture, persone disabili, donne incinte, bambini e perfino neonati in fuga per salvare le loro vite, lasciando dietro di sé conflitti, persecuzioni e povertà.
Che questa gente scappi da posti di merda non mi pare minimamente in discussione. Che i posti da cui scappano siano di merda è dovuto in parte a condizioni geografiche (luoghi scarsamente adatti alla sopravvivenza umana), e in buona parte all'inciviltà della popolazione (religioni tribali, islam, etc.). È chiaro che se popolazioni incivili si moltiplicano esponenzialmente, conflitti sanguinosi si moltiplicano esponenzialmente.

MSF ha scritto:Il tema della “concorrenza sleale” praticata dai lavoratori stranieri in Italia è spesso utilizzato nel dibattito pubblico per dimostrare l’equazione secondo cui l’arrivo degli immigrati toglie posti di lavoro agli italiani. In realtà, a fronte di un’ampia letteratura economica internazionale sul rapporto tra immigrazione e mercato del lavoro, non esistono studi empirici in Italia che portino dimostrazioni robuste e inconfutabili al proposito. Al contrario, le analisi esistenti mettono piuttosto in evidenza la scarsa “concorrenzialità” tra lavoro straniero e lavoro autoctono a parità di competenze.
Il lavoro è scarso in Italia perché è scarso, a causa delle politiche globaliste. La presenza degli immigrati clandestini non cambia questo fatto (quelli ospitati nei centri di accoglienza comunque non lavorano).

MSF ha scritto:La distinzione tra rifugiati e migranti economici è una semplificazione. I motivi che spingono le persone a fuggire dai propri Paesi sono diversi e spesso correlati tra loro: guerre (Siria, Iraq, Nigeria, Afghanistan, Sud Sudan, Yemen, Somalia), instabilità politica e militare (Mali), regimi oppressivi (Eritrea, Gambia), violenze (lago Chad), povertà estrema (Senegal, Costa d'Avorio, Tunisia).
Il diritto di ogni persona a chiedere protezione internazionale prescinde dalla nazionalità e dal paese di origine. A contare sono le cause della fuga, le persecuzioni subite o le minacce, la vulnerabilità e i bisogni di assistenza e cure mediche. A volte le necessità di protezione internazionale si sommano ai bisogni di assistenza umanitaria. Per esempio, nell'area del Lago Ciad - che comprende Nigeria, Camerun, Niger e Ciad - si sta consumando una delle più gravi crisi umanitarie del continente africano, con milioni di persone in fuga dalle violenze di Boko Haram e delle truppe governative che lo combattono. Le violenze indiscriminate si aggiungono alla mancanza di cibo adeguato, acqua potabile, strutture sanitarie e servizi di prima necessità. La situazione non è tanto diversa in Sud Sudan con oltre un milione di persone sfollate e centinaia di migliaia scappate oltre confine, per fuggire a scontri a fuoco, saccheggi, devastazioni, violenze e soprusi di ogni tipo. In entrambi i contesti sono presenti progetti di MSF con interventi di assistenza sanitaria e logistica (ripari, approvvigionamento idrico, costruzione di latrine).
L'art. 10 della Costituzione Italiana è stato scritto con nobilissimi intenti da persone che avevano in mente la figura del rifugiato come intellettuale perseguitato per le sue idee: tipicamente uno studioso, un professore, un letterato etc., che con la sua presenza avrebbe persino dato lustro alla nazione. Non avevano in mente milioni di derelitti semianalfabeti senza arte né parte. In questa definizione: «Lo straniero, al quale sia impedito nel suo paese l'effettivo esercizio delle libertà democratiche garantite dalla Costituzione italiana, ha diritto d'asilo nel territorio della Repubblica secondo le condizioni stabilite dalla legge.» rientrano miliardi di abitanti di questo pianeta. Se attualmente la popolazione è oltre 7 miliardi, penso che non sia una stima azzardata dire che sono almeno 6 miliardi quelli che potrebbero riconoscersi nella definizione dell'art. 10. Li ospitiamo tutti? Sarebbe giusto.

MSF ha scritto:La maggior parte degli affiliati ai gruppi terroristici coinvolti negli attentati in Europa era già presente sul territorio, in quanto si trattava di cittadini europei. È pur vero che le cronache hanno anche riportato pochi e isolati episodi di richiedenti asilo coinvolti in attentati, ma nella stragrande maggioranza dei casi a bussare alle nostre porte sono persone vulnerabili che fuggono da guerre e violenza.
I terroristi islamici in Europa sono immigrati di seconda / terza generazione, è vero. Questo dimostra solo che è una cazzata importare islamici e che non si integreranno mai.

MSF ha scritto:Sono più vulnerabili che pericolosi. Numerosi studi internazionali hanno evidenziato l’inesistenza di una corrispondenza diretta tra l’aumento della popolazione immigrata e l’incremento del numero di denunce per reati penali. È pur vero che sono molti i detenuti stranieri nelle carceri italiane (il 34% dei reclusi, al 30 settembre 2016), ma ciò è dovuto a una serie di fattori precisi. In particolare, a parità di reato gli stranieri vengono sottoposti a misure di carcerazione preventiva molto più spesso degli italiani, che ottengono invece con maggiore facilità gli arresti domiciliari (o misure cautelari alternative alla detenzione, una volta emessa la condanna). La stessa azione di repressione opera con più frequenza nei confronti degli stranieri, che con maggiore facilità sono sottoposti a fermi e controlli di routine da parte dalle forze di polizia.
Frottole. Tipicamente gli immigrati clandestini hanno due strade davanti (a parte passare le giornate nei centri di accoglienza ad annoiarsi): 1) una vita grama di venditori ambulanti, molestatori di massaie nei parcheggi dei supermercati, raccoglitori di pomodori etc; 2) una vita ancora più grama di spacciatori o borseggiatori etc. In entrambe i casi sono perseguiti poco o niente, hanno praticamente l'impunità garantita.

_________________

Minsky
--------------
--------------

Maschile Numero di messaggi : 13487
Età : 62
Località : Codroipo
Occupazione/Hobby : ateo guerriero
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 06.10.11

Tornare in alto Andare in basso

Re: IMMIGRATI

Messaggio Da Minsky il Ven 25 Nov - 19:58

ANSA ha scritto:Migranti: paese Papa Luciani dice 'no'

Sindaco, 'essere misericordiosi non significa essere stolti'


Redazione ANSA BELLUNO
25 novembre 2016 16:06


BELLUNO, 25 NOV - "Papa Luciani ci insegna ad essere misericordiosi ma non ci dice che dobbiamo essere 'mone'". È una delle espressioni con le quali oggi il sindaco di Canale d'Agordo, Rinaldo De Rocco, ha chiarito i motivi per i quali in un incontro con la popolazione ha espresso un parere sostanzialmente negativo all'ipotesi di accogliere alcuni migranti nel paese. Canale d'Agordo, città natale di Albino Luciani, eletto Papa nel 1978, secondo le ripartizioni sul territorio elaborate dalla Prefettura di Belluno dovrebbe creare le condizioni di ospitalità per una ventina di richiedenti asilo. "Intendiamoci, non abbiamo alcuna preclusione nel trovare sistemazione ad una o due famiglie - prosegue De Rocco - ma se arrivano dei ragazzi ai quali non abbiamo alcun impiego da far svolgere avremo il risultato di vederli bighellonare tutto il giorno per il paese". "L'accoglienza - conclude il sindaco - va fatta in base ad un progetto e deve essere ragionata. Luciani non ci dice di essere 'mone'".

_________________

Minsky
--------------
--------------

Maschile Numero di messaggi : 13487
Età : 62
Località : Codroipo
Occupazione/Hobby : ateo guerriero
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 06.10.11

Tornare in alto Andare in basso

Re: IMMIGRATI

Messaggio Da holubice il Dom 27 Nov - 1:36

Minsky ha scritto:
MSF ha scritto:Il tema della “concorrenza sleale” praticata dai lavoratori stranieri in Italia è spesso utilizzato nel dibattito pubblico per dimostrare l’equazione secondo cui l’arrivo degli immigrati toglie posti di lavoro agli italiani. In realtà, a fronte di un’ampia letteratura economica internazionale sul rapporto tra immigrazione e mercato del lavoro, non esistono studi empirici in Italia che portino dimostrazioni robuste e inconfutabili al proposito. Al contrario, le analisi esistenti mettono piuttosto in evidenza la scarsa “concorrenzialità” tra lavoro straniero e lavoro autoctono a parità di competenze.
Il lavoro è scarso in Italia perché è scarso, a causa delle politiche globaliste. La presenza degli immigrati clandestini non cambia questo fatto (quelli ospitati nei centri di accoglienza comunque non lavorano).
Quest'estate in albergo, su 11 persone di staff, ho trovato una cuoca italiana ed altre 10 persone di nazionalità rumena, bulgara, polacca, ukraina, cubana. La cuoca mi ha riferito che l'anno prima la sua predecessora era un'albanese, ovvero erano alieni il 100% del personale. Ed abbiamo maturato insieme l'idea di votare Forza Nuova alla prossima scadenza elettorale.

Le ca$$ate stanno a zero ...



P.S.
Ah, oltre al fatto che ho lavorato 13/14 ore al giorno, 7 giorni su 7, quando sono andato a ritirare la paga dei pochi giorni fatti a Settembre mi è stato detto che c'era un errore: mi aspettavo 300 euro in tutto, ma il totale in busta era di 1.150 euro. L'albergatore mi dice di tornare più in là, in modo da dar tempo al commercialista di rifare i conti. Chiamo una seconda volta, la busta non è pronta, rivado a metà Novembre e mi dice che la busta paga non si può mettere a posto, perché ormai sono stati fatti i versamenti contributivi su quegli importi, e quindi mi devo prendere 357 euro in contanti e firmare una busta con (invece) 1.150 euro di netto.

holubice
-------------
-------------

Numero di messaggi : 6103
Età : 114
Località : 43°91′45″N 12°91′91″E
Occupazione/Hobby : Novello Disoccupato
SCALA DI DAWKINS :
0 / 700 / 70

Data d'iscrizione : 28.07.10

Tornare in alto Andare in basso

Re: IMMIGRATI

Messaggio Da Minsky il Lun 28 Nov - 7:35


_________________

Minsky
--------------
--------------

Maschile Numero di messaggi : 13487
Età : 62
Località : Codroipo
Occupazione/Hobby : ateo guerriero
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 06.10.11

Tornare in alto Andare in basso

Re: IMMIGRATI

Messaggio Da holubice il Lun 28 Nov - 7:52

Minsky ha scritto:
Questo è un autogol ...

Documenti non validi»: bloccati i nativi d'America. A rischio il campionato del mondo di lacrosse



"Respinti alla frontiera perché privi di documenti validi per le leggi britanniche, visto che il passaporto irochese non è riconosciuto al di fuori dei confini statunitensi. Rischia di finire, ancora prima di essere iniziata, l’avventura Oltreoceano della nazionale irochese di lacrosse, sport popolarissimo nell’America del Nord da oltre 1000 anni, simile alla pallamano ma giocato con delle retine come quelle della caccia alle farfalle, inventato proprio dalla tribù indiana. Giovedì sera, la nazionale irochese dovrebbe debuttare proprio contro l’Inghilterra ai campionati del mondo, in programma a Manchester. Il governo inglese ha però negato alla squadra l’ingresso in Gran Bretagna, perché i documenti presentati (e liberamente utilizzati dagli irochesi negli ultimi 30 anni) non sono più in regola: alla luce delle nuove e più restrittive disposizioni in materia di spostamenti da una nazione all’altra, infatti, il loro passaporto non è più ritenuto legale e pertanto, se vogliono viaggiare, i membri della tribù (discendente da una delle sei Grandi Nazioni indiane d’America) devono usare un documento statunitense, che però i nativi non riconoscono.
L'INTERVENTO DELLA CLINTON - Una situazione di stallo dunque, che arriva al termine del braccio di ferro tra i giocatori e il governo federale degli Stati Uniti: la nazionale di lacrosse è rimasta bloccata per cinque giorni alla partenza per la Gran Bretagna, fino a quando un intervento diretto del Segretario di Stato, Hillary Clinton, ha permesso di risolvere l’empasse, concedendo agli irochesi una deroga speciale. «Considerate le caratteristiche uniche del viaggio – ha spiegato il portavoce del dipartimento di Stato, PJ Crowley – si è optato per la flessibilità con una soluzione una tantum»." (CONTINUA NEL LINK)



In soldoni, i Pellerossa americani non hanno mai seppellito l'ascia di guerra: si considerano a tutti gli effetti i legittimi proprietari delle terre che si estendono tra Terranova e San Diego, e considerano i cittadini statunitensi per quello che sono: degli invasori e degli assassini. Sulla punta di diritto sarebbero legittimati (tuttora) a richiedere il rimpatrio di tutti i visi pallidi che illegittimamente hanno usurpato la loro Patria, ripedendoci al mittente (circa) 300 milioni di 'cristiani'. Della serie: quando la sovrapopolazione e la fame attanagliava noi, allora via bastimenti alla volta di New York e Montevideo. Ora che accade lo stesso con gli Eritrei e i Pakistani, ciccia.

Intervistato circa l'estradizione degli immigrati clandestini, un americano molto sagacemente diceva: "Tecnicamente, qui, siamo tutti immigrati clandestini..."





P.S.
La mia è la consueta operazione 'verità' ...




holubice
-------------
-------------

Numero di messaggi : 6103
Età : 114
Località : 43°91′45″N 12°91′91″E
Occupazione/Hobby : Novello Disoccupato
SCALA DI DAWKINS :
0 / 700 / 70

Data d'iscrizione : 28.07.10

Tornare in alto Andare in basso

Re: IMMIGRATI

Messaggio Da Minsky il Lun 28 Nov - 8:27

holubice ha scritto:...

Quindi...? domanda..

_________________

Minsky
--------------
--------------

Maschile Numero di messaggi : 13487
Età : 62
Località : Codroipo
Occupazione/Hobby : ateo guerriero
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 06.10.11

Tornare in alto Andare in basso

Re: IMMIGRATI

Messaggio Da holubice il Lun 28 Nov - 16:18

Minsky ha scritto:Quindi...? domanda..
Quindi preparati a far posto sulla nostra penisola per il rimpatrio di almeno 25.000.000 di immigrati di origine italiana. Anzi no, 24.999.999 oriundi.

.


.


.


.


.


.


.


.



.



.





... uno è già tornato ...

mgreen mgreen mgreen mgreen mgreen mgreen

holubice
-------------
-------------

Numero di messaggi : 6103
Età : 114
Località : 43°91′45″N 12°91′91″E
Occupazione/Hobby : Novello Disoccupato
SCALA DI DAWKINS :
0 / 700 / 70

Data d'iscrizione : 28.07.10

Tornare in alto Andare in basso

Re: IMMIGRATI

Messaggio Da holubice il Lun 28 Nov - 16:20

Anzi ...


.



.



.



.



.



.


.


.




... 24.999.998. E' tornato pure lui ... mgreen


holubice
-------------
-------------

Numero di messaggi : 6103
Età : 114
Località : 43°91′45″N 12°91′91″E
Occupazione/Hobby : Novello Disoccupato
SCALA DI DAWKINS :
0 / 700 / 70

Data d'iscrizione : 28.07.10

Tornare in alto Andare in basso

Re: IMMIGRATI

Messaggio Da Minsky il Lun 28 Nov - 19:53

ANSA ha scritto:Migranti: sorpasso 2014, record 2016

+19% rispetto al 2015. 176 mila ospitati in sistema accoglienza


Redazione ANSA ROMA
28 novembre 2016 13:51


I dati del Viminale segnano 171.299 migranti sbarcati via mare dall'1 gennaio ad oggi. Quando manca più di un mese alla fine del 2016, quello in corso diventa così l'anno record per flusso migratorio: è stato infatti già superato il totale registrato finora nell'anno di picco, il 2014, quando si registrarono complessivamente 170.100 arrivi. Il dato 2016 segna un aumento del 19% rispetto al 2015.

E si raggiungono continui record anche sul fronte dell'accoglienza: le persone ospitate dal sistema nazionale sono ben 176.720, con un significativo balzo in avanti rispetto alle 103.792 dell'anno scorso.

_________________

Minsky
--------------
--------------

Maschile Numero di messaggi : 13487
Età : 62
Località : Codroipo
Occupazione/Hobby : ateo guerriero
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 06.10.11

Tornare in alto Andare in basso

Re: IMMIGRATI

Messaggio Da fungus77 il Lun 28 Nov - 20:29

holubice ha scritto:

Quest'estate in albergo, su 11 persone di staff, ho trovato una cuoca italiana ed altre 10 persone di nazionalità rumena, bulgara, polacca, ukraina, cubana. La cuoca mi ha riferito che l'anno prima la sua predecessora era un'albanese, ovvero erano alieni il 100% del personale. Ed abbiamo maturato insieme l'idea di votare Forza Nuova alla prossima scadenza elettorale.

Le ca$$ate stanno a zero ...

Esatto. In più i pochi italiani che tengono duro si sentono dire che sto mese non vengono pagati. Se non sta bene, la porta è quella, che ci sta chi lo fa in nero alla metà.

fungus77
-------------
-------------

Numero di messaggi : 82
SCALA DI DAWKINS :
0 / 700 / 70

Data d'iscrizione : 08.05.15

Tornare in alto Andare in basso

Re: IMMIGRATI

Messaggio Da Cyrano il Lun 28 Nov - 20:35

fungus77 ha scritto:
holubice ha scritto:

Quest'estate in albergo, su 11 persone di staff, ho trovato una cuoca italiana ed altre 10 persone di nazionalità rumena, bulgara, polacca, ukraina, cubana. La cuoca mi ha riferito che l'anno prima la sua predecessora era un'albanese, ovvero erano alieni il 100% del personale. Ed abbiamo maturato insieme l'idea di votare Forza Nuova alla prossima scadenza elettorale.

Le ca$$ate stanno a zero ...

Esatto. In più i pochi italiani che tengono duro si sentono dire che sto mese non vengono pagati. Se non sta bene, la porta è quella, che ci sta chi lo fa in nero alla metà.
ma chi glie lo dice, gli "immigrati" o un pezzo di merda italianissimo?

se gli operai fossero capaci di reagire, e al padrone che gli fa questo discorso lo aspettassero sotto casa, gli mettessero un sacco in testa e gli rompessero a bastonate tutte le ossa che ha in corpo, magari poi ci ripenserebbe

Cyrano
-------------
-------------

Maschile Numero di messaggi : 507
Località : Altrove
Occupazione/Hobby : Aspettare
SCALA DI DAWKINS :
69 / 7069 / 70

Data d'iscrizione : 13.04.16

Tornare in alto Andare in basso

Re: IMMIGRATI

Messaggio Da fungus77 il Mar 29 Nov - 14:04

Lo dice un italiano di merda. Ma la realtà resta quella. A scanso di equivoci, non è che odio gli immigrati, non vedo perchè dovrei, io odio le conseguenze di una immigrazione sregolata come questa. Ed i criminali, ma questa è un'altra storia. Vorrei che in italia si mettessero al primo posto gli italiani. 

Se al proprietario del bar lo aspetti sotto casa e lo corchi di botte è cosa buona, giusta, e liberatoria, ma le conseguenze sono la galera, non il reintegro a lavoro. Quindi non è una soluzione accettabile, forse per qualche dinosauro ideologizzato. Io invece sono apolitico e guardo la realtà.

fungus77
-------------
-------------

Numero di messaggi : 82
SCALA DI DAWKINS :
0 / 700 / 70

Data d'iscrizione : 08.05.15

Tornare in alto Andare in basso

Re: IMMIGRATI

Messaggio Da Rasputin il Mar 29 Nov - 19:14

fungus77 ha scritto:Lo dice un italiano di merda. Ma la realtà resta quella. A scanso di equivoci, non è che odio gli immigrati, non vedo perchè dovrei, io odio le conseguenze di una immigrazione sregolata come questa. Ed i criminali, ma questa è un'altra storia. Vorrei che in italia si mettessero al primo posto gli italiani. 

Se al proprietario del bar lo aspetti sotto casa e lo corchi di botte è cosa buona, giusta, e liberatoria, ma le conseguenze sono la galera, non il reintegro a lavoro. Quindi non è una soluzione accettabile, forse per qualche dinosauro ideologizzato. Io invece sono apolitico e guardo la realtà.

Cyrano ha scritto:[...]gli mettessero un sacco in testa[...]

Beh mi sembrava ovvio che la premessa è non farsi beccare, vedi quotato wink..

_________________
Mi dissocio espressamente da tutte le dichiatrazioni da me rilasciate a partire da un'ora fa.
Qualunque somiglianza con la realtà è puramente casuale ed involontaria.
La pena di morte andrebbe applicata immediatamente e senza processo a chiunque, anche in tenera età, esprimesse il mero desiderio di diventare giudice o funzionario di qualsiasi categoria.

Rasputin
..............
..............

Maschile Numero di messaggi : 49139
Età : 56
Località : Augusta vindelicorum
Occupazione/Hobby : Nazista
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 28.10.09

Tornare in alto Andare in basso

Re: IMMIGRATI

Messaggio Da Minsky il Mar 29 Nov - 20:15

Rasputin ha scritto:

Beh mi sembrava ovvio che la premessa è non farsi beccare, vedi quotato wink..
Sì, ma è altrettanto ovvio che comunque il lavoro non lo ottieni.

_________________

Minsky
--------------
--------------

Maschile Numero di messaggi : 13487
Età : 62
Località : Codroipo
Occupazione/Hobby : ateo guerriero
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 06.10.11

Tornare in alto Andare in basso

Re: IMMIGRATI

Messaggio Da Rasputin il Mar 29 Nov - 20:37

Minsky ha scritto:
Rasputin ha scritto:

Beh mi sembrava ovvio che la premessa è non farsi beccare, vedi quotato wink..
Sì, ma è altrettanto ovvio che comunque il lavoro non lo ottieni.

E allora? Mi devo mettere carponi per ottenerlo?

_________________
Mi dissocio espressamente da tutte le dichiatrazioni da me rilasciate a partire da un'ora fa.
Qualunque somiglianza con la realtà è puramente casuale ed involontaria.
La pena di morte andrebbe applicata immediatamente e senza processo a chiunque, anche in tenera età, esprimesse il mero desiderio di diventare giudice o funzionario di qualsiasi categoria.

Rasputin
..............
..............

Maschile Numero di messaggi : 49139
Età : 56
Località : Augusta vindelicorum
Occupazione/Hobby : Nazista
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 28.10.09

Tornare in alto Andare in basso

Pagina 11 di 15 Precedente  1 ... 7 ... 10, 11, 12, 13, 14, 15  Seguente

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto

- Argomenti simili

 
Permesso di questo forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum