Nuovo presidente austriaco

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

Nuovo presidente austriaco

Messaggio Da Minsky il Mar 24 Mag - 14:49


_________________

Minsky
--------------
--------------

Maschile Numero di messaggi : 13487
Età : 62
Località : Codroipo
Occupazione/Hobby : ateo guerriero
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 06.10.11

Tornare in alto Andare in basso

Re: Nuovo presidente austriaco

Messaggio Da Minsky il Mar 24 Mag - 18:13

Il Giornale ha scritto:Giallo sulle elezioni austriache: ​"In un comune affluenza al 146%"

Sul sito del ministero il conteggio dei voti supera quello dei votanti. In molti, dopo la vittoria del candidato dei Verdi, hanno avanzato l'ipotesi di brogli elettorali

Giuseppe De Lorenzo - Mar, 24/05/2016 - 15:35

Non sono pochi gli elettori austriaci a gridare allo scandalo per "brogli elettorali" alle ultime presidenziali.

I fan di Norbert Hofer, il candidato di destra risultato sconfitto per colpa dei voti per corrispondenza, pensano che qualcosa sia andato storto. Numeri "anomali" nel conteggio che ha incoronato l'ecologista Alexander Van der Bellen presidente d'Austria.

I focolai di protesta sono stati incoraggiati da una notizia pubblicata dal quotidiano austriaco heute.at sulla versione online, poi ripresa anche nell'edizione cartacea odierna. Un articolo nel quale viene evidenziato un dato "irregolare" riferito agli scrituni che ieri hanno consegnato la vittoria ai Verdi. Nel collegio "Waidhofen an der Ybbs", infatti, l'affluenza al voto è stata del 146,9%. Più i votanti degli aventi diritto: 13.262 quelli che si sarebbero recati alle urne contro i soli 9.026 che avrebbero potuto partecipare alla consultazione elettorale. Il risultato nel collegio è stato tutto in favore di Van der Bellen, che ha collezionato il 52,7% (6.621 voti) contro il 47,3% del candidato di destra, Hofer (5.938 voti).

Quasi sicuramente si tratta di un errore del sistema di conteggio. O probabilmente qualcuno ha sbagliato a inserire i dati. Intanto il ministero dell'Interno austriaco ha "bloccato la pubblicazione dei risultati elettorali fino al primo giugno", percisando che anche qualora cambiasse il conteggio sul distretto, il responso non intacchrebbe la vittoria finale di Van der Bellen.

Lo scarto così basso (appena 31mila voti) tra i pretendenti al trono della presidenza dell'Austria ha alimentato però molti sospetti. Sono tantissimi gli elettori di Hofer che invitano il loro leader a fare ricorso contro il risultato finale uscito dalle urne. Che però il candidato della destra non ha raccolto, riconoscendo per il momento la sconfitta.

http://www.ilgiornale.it/news/mondo/giallo-sulle-elezioni-austriache-comune-affluenza-146-1263143.html

_________________

Minsky
--------------
--------------

Maschile Numero di messaggi : 13487
Età : 62
Località : Codroipo
Occupazione/Hobby : ateo guerriero
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 06.10.11

Tornare in alto Andare in basso

Re: Nuovo presidente austriaco

Messaggio Da Rasputin il Mar 24 Mag - 18:27

Che la democrazia fosse una truffa lo si sapeva, ora sono curioso di vedere cosa si fanno venire in mente per evitare che l'informatica - notoriamente poco fallibile - lo evidenzi.

_________________
Mi dissocio espressamente da tutte le dichiatrazioni da me rilasciate a partire da un'ora fa.
Qualunque somiglianza con la realtà è puramente casuale ed involontaria.
La pena di morte andrebbe applicata immediatamente e senza processo a chiunque, anche in tenera età, esprimesse il mero desiderio di diventare giudice o funzionario di qualsiasi categoria.

Rasputin
..............
..............

Maschile Numero di messaggi : 49139
Età : 56
Località : Augusta vindelicorum
Occupazione/Hobby : Nazista
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 28.10.09

Tornare in alto Andare in basso

Re: Nuovo presidente austriaco

Messaggio Da Minsky il Mar 24 Mag - 18:33

Rasputin ha scritto:Che la democrazia fosse una truffa lo si sapeva, ora sono curioso di vedere cosa si fanno venire in mente per evitare che l'informatica - notoriamente poco fallibile - lo evidenzi.
Comunque sembra che il grosso broglio lo abbiano realizzato con i voti postali. Prima di contare questi, Hofer era in vantaggio per 52 / 48, dopo il conteggio il risultato si è ribaltato.
Il problema è che Van der Bellen è un vecchio rincoglionito, fai conto che sia come Prodi. Una marionetta del capitale.

_________________

Minsky
--------------
--------------

Maschile Numero di messaggi : 13487
Età : 62
Località : Codroipo
Occupazione/Hobby : ateo guerriero
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 06.10.11

Tornare in alto Andare in basso

Re: Nuovo presidente austriaco

Messaggio Da Rasputin il Mar 24 Mag - 18:44

Minsky ha scritto:
Comunque sembra che il grosso broglio lo abbiano realizzato con i voti postali. Prima di contare questi, Hofer era in vantaggio per 52 / 48, dopo il conteggio il risultato si è ribaltato.
Il problema è che Van der Bellen è un vecchio rincoglionito, fai conto che sia come Prodi. Una marionetta del capitale.

Ah, ecco, sono sempre un passo avanti. E chi li usa i voti postali? I nerd 23enni possessori di iPhone? ahahahahahah

_________________
Mi dissocio espressamente da tutte le dichiatrazioni da me rilasciate a partire da un'ora fa.
Qualunque somiglianza con la realtà è puramente casuale ed involontaria.
La pena di morte andrebbe applicata immediatamente e senza processo a chiunque, anche in tenera età, esprimesse il mero desiderio di diventare giudice o funzionario di qualsiasi categoria.

Rasputin
..............
..............

Maschile Numero di messaggi : 49139
Età : 56
Località : Augusta vindelicorum
Occupazione/Hobby : Nazista
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 28.10.09

Tornare in alto Andare in basso

Re: Nuovo presidente austriaco

Messaggio Da Minsky il Mar 24 Mag - 19:25

Rasputin ha scritto:
Minsky ha scritto:
Comunque sembra che il grosso broglio lo abbiano realizzato con i voti postali. Prima di contare questi, Hofer era in vantaggio per 52 / 48, dopo il conteggio il risultato si è ribaltato.
Il problema è che Van der Bellen è un vecchio rincoglionito, fai conto che sia come Prodi. Una marionetta del capitale.

Ah, ecco, sono sempre un passo avanti. E chi li usa i voti postali? I nerd 23enni possessori di iPhone? ahahahahahah
Nonnò, sono proprio voti postali nel senso letterale. In Austria non solo i cittadini residenti all'estero, ma anche quelli che per varie ragioni si trovano lontani dalla loro abituale residenza hanno il diritto di votare per posta, con una cartolina o qualcosa del genere. Questi voti ovviamente devono essere spediti in anticipo rispetto alla data delle votazioni, ma vengono contati dopo. Una procedura che si presta a facilissimi brogli: basta distruggere una certa quantità di cartoline che recano il voto "indesiderato", e il gioco è fatto. Nessuno lo saprà mai.

_________________

Minsky
--------------
--------------

Maschile Numero di messaggi : 13487
Età : 62
Località : Codroipo
Occupazione/Hobby : ateo guerriero
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 06.10.11

Tornare in alto Andare in basso

Re: Nuovo presidente austriaco

Messaggio Da Rasputin il Mar 24 Mag - 19:43

Minsky ha scritto:
Nonnò, sono proprio voti postali nel senso letterale. In Austria non solo i cittadini residenti all'estero, ma anche quelli che per varie ragioni si trovano lontani dalla loro abituale residenza hanno il diritto di votare per posta, con una cartolina o qualcosa del genere. Questi voti ovviamente devono essere spediti in anticipo rispetto alla data delle votazioni, ma vengono contati dopo. Una procedura che si presta a facilissimi brogli: basta distruggere una certa quantità di cartoline che recano il voto "indesiderato", e il gioco è fatto. Nessuno lo saprà mai.

Ho capito, il mio era un commento ironico. Volevo porre l'accento sul fatto che chi fa uso del mondo digitale/virtuale è meno soggetto ai detti brogli

_________________
Mi dissocio espressamente da tutte le dichiatrazioni da me rilasciate a partire da un'ora fa.
Qualunque somiglianza con la realtà è puramente casuale ed involontaria.
La pena di morte andrebbe applicata immediatamente e senza processo a chiunque, anche in tenera età, esprimesse il mero desiderio di diventare giudice o funzionario di qualsiasi categoria.

Rasputin
..............
..............

Maschile Numero di messaggi : 49139
Età : 56
Località : Augusta vindelicorum
Occupazione/Hobby : Nazista
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 28.10.09

Tornare in alto Andare in basso

Re: Nuovo presidente austriaco

Messaggio Da chef75 il Mar 24 Mag - 19:58

Minsky ha scritto:
Rasputin ha scritto:Che la democrazia fosse una truffa lo si sapeva, ora sono curioso di vedere cosa si fanno venire in mente per evitare che l'informatica - notoriamente poco fallibile - lo evidenzi.
Comunque sembra che il grosso broglio lo abbiano realizzato con i voti postali. Prima di contare questi, Hofer era in vantaggio per 52 / 48, dopo il conteggio il risultato si è ribaltato.
Il problema è che Van der Bellen è un vecchio rincoglionito, fai conto che sia come Prodi. Una marionetta del capitale.


ahahahahahah ahahahahahah ahahahahahah

_________________
Quando la maggior parte di una società è stupida allora la prevalenza del cretino diventa dominante ed ineguagliabile.
Carlo M. Cipolla

E>en

chef75
------------
------------

Maschile Numero di messaggi : 7621
Età : 41
Località : una cucina
Occupazione/Hobby : uncinetto
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 12.11.09

Tornare in alto Andare in basso

Re: Nuovo presidente austriaco

Messaggio Da Rasputin il Mar 24 Mag - 20:00

chef75 ha scritto:
Minsky ha scritto:
Rasputin ha scritto:Che la democrazia fosse una truffa lo si sapeva, ora sono curioso di vedere cosa si fanno venire in mente per evitare che l'informatica - notoriamente poco fallibile - lo evidenzi.
Comunque sembra che il grosso broglio lo abbiano realizzato con i voti postali. Prima di contare questi, Hofer era in vantaggio per 52 / 48, dopo il conteggio il risultato si è ribaltato.
Il problema è che Van der Bellen è un vecchio rincoglionito, fai conto che sia come Prodi. Una marionetta del capitale.


ahahahahahah ahahahahahah ahahahahahah

Tra l'altro "Bellen" in tedesco vuol dire abbaiare, ho notato solo ora carneval

_________________
Mi dissocio espressamente da tutte le dichiatrazioni da me rilasciate a partire da un'ora fa.
Qualunque somiglianza con la realtà è puramente casuale ed involontaria.
La pena di morte andrebbe applicata immediatamente e senza processo a chiunque, anche in tenera età, esprimesse il mero desiderio di diventare giudice o funzionario di qualsiasi categoria.

Rasputin
..............
..............

Maschile Numero di messaggi : 49139
Età : 56
Località : Augusta vindelicorum
Occupazione/Hobby : Nazista
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 28.10.09

Tornare in alto Andare in basso

Re: Nuovo presidente austriaco

Messaggio Da Minsky il Gio 2 Giu - 11:12

il Giornale ha scritto:La classe operaia cerca il paradiso nell'«inferno» della destra

Il 90% dei "lavoratori manuali" in Austria ha votato il candidato nazionalista Hofer. In Europa la sinistra borghese non rappresenta più "i perdenti della globalizzazione"


Stenio Solinas - Gio, 26/05/2016 - 00:18

Alle presidenziali austriache, dunque, stando alle analisi dei voti, quasi il 90% dei «lavoratori manuali» ha appoggiato il candidato della cosiddetta ultradestra, Norbert Hofer, mentre fra i «colletti bianchi», la maggioranza, il 60%, ha scelto l'ex ecologista indipendente Alexander Van der Bellen, che alla fine l'ha spuntata per un pelo, 30mila voti in più.

In molti hanno tirato un sospiro di sollievo, anche se il paradosso di una «classe operaia» che cerca il suo paradiso lì dove tutti i media e le istituzioni del politicamente corretto vedono l'inferno, è interessante e meriterebbe un approfondimento invece del solito anatema: fascisti, sfascisti, estremisti, razzisti, xenofobi, fate voi, c'è solo l'imbarazzo della scelta.

In una nazione dove il Partito democratico e il Partito popolare fino all'altro ieri godevano dell'ottanta per cento dei consensi, e oggi insieme non superano il 23 per cento, e il Partito della libertà di Hofer è comunque la prima forza politica, è in atto da tempo un terremoto: sono saltate le barriere e le categorie classiche non reggono più. Cominciamo da quella che un tempo era la sinistra: oggi in Austria, ma il discorso vale anche per il resto d'Europa, è poco più d'una rappresentanza borghese di funzionari e di tecnocrati, con una spruzzata di bohème intellettuale, succuba alle esigenze della finanza. La sua modernizzazione ha significato il rifiuto di ogni base comunitaria del legame sociale, il suo liberismo societario non è altro che l'applicazione in campo sociale del liberismo economico della destra. È la cosiddetta sinistra dei diritti individuali fatti passare per una nuova etica socialista. Non potendo più essere anticapitalista, ha abbracciato insomma, con lo zelo del neofita convertito, l'idea di una metafisica del progresso per la quale qualunque forma di appartenenza e/o di identità è oppressiva e discriminante. Di qui la successiva celebrazione delle virtù del mercato sociale senza frontiere e di ogni forma di affrancamento da appartenenze e identità date (comprese quelle sessuali). La sua aspirazione finale è un egualitarismo colorato di ecologismo igienista, in cui frenesia purificatrice, normativa e normalizzatrice, e mondo senza classi, senza confini, senza differenze sessuali, etniche o razziali, senza alcol, senza tabacco, vanno a braccetto. Tutto ciò che ha a che fare con la realtà, quella vera, le è perciò insopportabile e la realtà, quella vera, va dunque negata o, se è il caso, «rieducata». È anche per questo che i successi del capo avverso, i milioni di voti dei cosiddetti partiti populisti, vengono derubricati come «illegittimi», un insulto e una ferita alla democrazia.

Il populismo però non è la destra, perché da almeno un ventennio la gestione «tecnica» delle cose, degli avvenimenti, basata sugli imperativi programmatici del «governare» ha svuotato le varie destre nazionali di ciò che un tempo ne era la ragion d'essere: valori, morali e filosofici, attenzione alle tradizioni, difesa dei confini e delle identità. Il sostegno dato a un'Unione europea basata su principi economici ha inferto loro il colpo finale, perché le ha private di ogni autonomia politica, relegandole nel cul de sac di un sistema sovranazionale che le nega alla radice e impedisce qualsiasi ipotesi alternativa. Dietro al populismo, austriaco ed europeo, ci sono allora i cosiddetti «perdenti della globalizzazione», le classi popolari, operai, artigiani, piccoli commercianti, impiegati, disoccupati, eccetera che si oppongono per definizione all'individualismo astratto, in quanto vivono sulla propria pelle i guasti concreti del mercato senza frontiere e senza regole, e che continuano a trovare significativi quei concetti identitari che fanno tutt'uno con ogni cultura popolare che si rispetti: abitudini collettive, solidarietà, trasmissione del sapere eccetera

Questo populismo avverte, più o meno confusamente, che dietro l'immigrazione, per esempio, c'è un umanitarismo che riduce i migranti alla loro indigenza, mentre il padronato li riduce alla loro forza-lavoro. I suoi componenti sentono cioè che saranno i primi a essere investiti da una guerra fra poveri che li vedrà soccombere. Nella sua componente più avvertita, il populismo sa benissimo che la posta in gioco non è semplicemente quantitativa, una questione di cifre, gli esseri umani come dei numeri. Dietro quegli esseri umani ci sono culture diverse, quegli esseri umani hanno a che fare con la storia, con l'appartenenza, di chi arriva e di chi riceve. Una «diversità» senza differenze non ha senso e l'idea di un uomo d'ovunque e di nessun luogo, neutro o trans, transfrontaliero, transnazionale, vuol dire spogliarlo delle caratteristiche che gli sono proprie.

Siamo eguali, ma non siamo identici. Così il populismo, in Austria come nel resto d'Europa, corrisponde a quel momento delle democrazie nel quale il popolo cerca di fare quella politica che i governanti non vogliono più fare. Il disprezzo con cui questa ondata populista viene dappertutto accolta, l'idea che i partiti che la rappresentano possano sì presentarsi e correre, ma non abbiano il diritto di vincere, rischia sempre più di far passare l'idea che la democrazia in sé sia una farsa. Siamo sicuri che sia la strada giusta?

http://www.ilgiornale.it/news/cronache/classe-operaia-cerca-paradiso-nell-inferno-destra-1263325.html

_________________

Minsky
--------------
--------------

Maschile Numero di messaggi : 13487
Età : 62
Località : Codroipo
Occupazione/Hobby : ateo guerriero
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 06.10.11

Tornare in alto Andare in basso

Re: Nuovo presidente austriaco

Messaggio Da Minsky il Dom 26 Giu - 7:34

Austria, si va verso annullamento elezioni

_________________

Minsky
--------------
--------------

Maschile Numero di messaggi : 13487
Età : 62
Località : Codroipo
Occupazione/Hobby : ateo guerriero
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 06.10.11

Tornare in alto Andare in basso

Re: Nuovo presidente austriaco

Messaggio Da Minsky il Ven 1 Lug - 19:13

Rai News ha scritto:Accolto il ricorso dell'estrema destra

Austria, elezioni presidenziali annullate per irregolarità: ballottaggio da rifare

L'estrema destra austriaca aveva presentato ricorso contro l'esito delle elezioni dopo essere stata battuta di misura. Il verde Alexander Van der Bellen aveva vinto di un soffio davanti a Norbert Hofer, che per pochissimo non è riuscito a diventare il primo presidente di estrema destra in Europa

01 luglio 2016


Le elezioni presidenziali in Austria dello scorso 22 maggio sono state invalidate a causa di irregolarità. Lo ha annunciato la Corte costituzionale austriaca. "Le elezioni sono il fondamento della nostra democrazia e il nostro compito è di garantirne la regolarità. La nostra sentenza deve rafforzare il nostro Stato di diritto e la nostra democrazia", ha detto il presidente della Corte, Gehrart Holzinger, prima di pronunciare la sentenza. All'origine della decisione, secondo i magistrati, irregolarita' nella procedura di scrutinio. Era stato il partito di estrema destra austriaco Fpo a presentare ricorso per contestare i risultati delle urne, dove era risultato per un soffio vittorioso il verde Alexander Van Der Bellen, che aveva prevalso su Norbert Hofer con il 50,3% dei voti. E' la prima volta che viene annullato un ballottaggio in Austria

http://www.rainews.it/dl/rainews/articoli/Austria-elezioni-presidenziali-annullate-per-irregolarita-ballottaggio-da-rifare-221e2fd2-d968-4165-b754-98aab17b171b.html

_________________

Minsky
--------------
--------------

Maschile Numero di messaggi : 13487
Età : 62
Località : Codroipo
Occupazione/Hobby : ateo guerriero
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 06.10.11

Tornare in alto Andare in basso

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto

- Argomenti simili

 
Permesso di questo forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum