Dilemmi Esistenziali 1 - La Morte

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

Dilemmi Esistenziali 1 - La Morte

Messaggio Da Davide57 il Mer 19 Ott - 15:56

La morte

Introduzione
Ho deciso di iniziare questa "rubrica" in cui periodicamente scelgo un argomento di cui mi piacerebbe ascoltare la vostra opinione e cerco di creare una discussione a riguardo.


La mia opinione
Io sono convinto che questa è la sola e unica vita a noi concessa e che non esiste alcun tipo di oltretomba o di reincarnazione ma che questi siano solo concetti inventati dalla gente non in grado di accettare la precaria condizione umana. Credo che siamo solo il frutto di una serie di coincidenze che ci hanno portato a svilupparci fino al punto da renderci conto di esistere ed è proprio da questo che nasce la continua ricerca di una spiegazione alla nostra presenza su questo mondo e a ciò che ci accadrà dopo la morte. Sono dell'idea che non si debba avere paura della morte perché,quando accadrà, finiremo per essere nella stessa condizione in cui eravamo prima di nascere e non mi pare di aver sofferto! Abbiamo una e una sola vita e l'unica cosa che possiamo fare per "soddisfarci" è cercare di lasciare qualcosa che possa migliorare le vite di coloro che verranno dopo di noi e vivere la vita facendo ciò che più ci piace soddisfacendo i nostri bisogni e realizzando i nostri sogni stando sempre a contatto con le persone care.


Questa era la mia opinione sulla morte... Qual'è la vostra?

Davide57
------------
------------

Maschile Numero di messaggi : 10
Età : 22
SCALA DI DAWKINS :
69 / 7069 / 70

Data d'iscrizione : 17.10.16

Tornare in alto Andare in basso

Re: Dilemmi Esistenziali 1 - La Morte

Messaggio Da Justine il Mer 19 Ott - 16:13

Come dico spesso anche in altri thread, la gente non ha la benché minima idea di cosa significhi 'vivere per sempre', poi addirittura in un contesto in cui non hanno controllo di ciò che possono fare (e se uno volesse guardarsi un film in volo mentre fluttua in aria da disincarnato, magari cieco e depersonalizzato in seguito ad un aneurisma cerebrale?)

Mangiare marshmallow in paradiso o all'inferno per l'eternità non ha senso, ed è questo il tallone debole delle religioni; pretendono di fornirne, ma non capiscono che l'universo non è teleologico.

Tutto qui, approssimativamente condensato.

Se si vuole estendere la durata della propria vita per mezzi tecnologici o scientifici, c'è il Transumanesimo (ti rimando all'opportuno thread), per il resto campare in eterno non è roba da tutti, ma per chi abbia voglia, pur restando fermo che non è una oltre-vita a dar maggior senso esistenziale.

_________________
Smettetela di bistrattare e misinterpretare la Scienza per fingere di dare plausibilità alle vostre troiate
Grazie
avatar
Justine
----------
----------

Femminile Numero di messaggi : 15568
Occupazione/Hobby : Qui è l'una antenna
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 24.05.14

Tornare in alto Andare in basso

Re: Dilemmi Esistenziali 1 - La Morte

Messaggio Da Paolo il Mer 19 Ott - 19:35

L'errore è considerare la morte come uno "status" cosa che invece non è! Io mi immagino la vita come una corda più o meno lunga che ad un certo punto termina. Dopo la corda non c'è la "non corda" ma non c'è più niente. In effetti la morte non esiste. Esiste solo la fine della vita.

Circa l'osservazione che fai Justine la questione che l'eternità non esiste ed è solo un concetto inverso. Ovvero la definiamo dicendo cosa non è, ovvero senza limiti di tempo, ma di fatto nessuno è in grado di darne una definizione positiva ovvero cosa sia e quali siano le sue caratteristiche e questo perchè non esiste.
avatar
Paolo
-------------
-------------

Maschile Numero di messaggi : 8741
Età : 62
Località : Brescia
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 14.03.10

Tornare in alto Andare in basso

Re: Dilemmi Esistenziali 1 - La Morte

Messaggio Da Justine il Mer 19 Ott - 19:43

Si, ma come spesso succede cercavo di entrare nella mentalità del credente per cui eternità sembra avere in significato, al fine di spiegare cosa intendevo. Infatti quanti si aspettano "eterna" beatitudine o "perenne" dannazione? La menzionavo per questo

_________________
Smettetela di bistrattare e misinterpretare la Scienza per fingere di dare plausibilità alle vostre troiate
Grazie
avatar
Justine
----------
----------

Femminile Numero di messaggi : 15568
Occupazione/Hobby : Qui è l'una antenna
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 24.05.14

Tornare in alto Andare in basso

Re: Dilemmi Esistenziali 1 - La Morte

Messaggio Da Armok il Mer 19 Ott - 20:53

Su questo argomento potrei spendere ore e scrivere pagine. Si tratta della mia personale ossessione.

Tuttavia la mia opinione sulla morte si può riassumere egregiamente con due frasi pronunciate da Hugh Jackman nel film The Fountain.

Nello specifico, riguardo al concetto di accettazione serena della morte, risponderei con le parole di Tom Creo al funerale della moglie Isabel, quando l'amica e collega Lillian cerca di consolarlo dicendo che morire è inevitabile:


La morte è una malattia, come qualsiasi altra! C'è una cura... una cura! E io la troverò. "






Mentre a chi crede o spera in una vita dopo la morte o nella resurrezione, giro le parole del capitano Tomas rivolte a Padre Avila:

" Mi spiace Padre, per te c'è solo la morte... ma per noi ci sarà la vita! "
avatar
Armok
-------------
-------------

Maschile Numero di messaggi : 605
Età : 31
Località : Veneto
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 27.06.15

Tornare in alto Andare in basso

Re: Dilemmi Esistenziali 1 - La Morte

Messaggio Da Justine il Gio 20 Ott - 3:59

A me piacerebbe vivere in eterno, ma con finalità conoscitive, essendo una persona curiosa; nell'accezione immaginaria di vita eterna reliigiosa non sarei interessata.

_________________
Smettetela di bistrattare e misinterpretare la Scienza per fingere di dare plausibilità alle vostre troiate
Grazie
avatar
Justine
----------
----------

Femminile Numero di messaggi : 15568
Occupazione/Hobby : Qui è l'una antenna
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 24.05.14

Tornare in alto Andare in basso

Re: Dilemmi Esistenziali 1 - La Morte

Messaggio Da Mandalay il Gio 20 Ott - 14:13

La morte fa schifo è una fregatura maledetta.
Uno stop definitivo senza appello senza vie di fuga, un'interruttore che si spegne:
via la luce via i colori, gli odori, le emozioni, via i visi e i volti che amiamo, il nulla (qualunque cosa voglia dire).
Passi se la vita ti concede di invecchiare, che anche quello è un bello schifo, ma almeno hai il tempo per odiare il tuo corpo che non ti risponde più, hai il tempo per renderti conto che i giorni che ti rimangono sono meno di quelli che hai vissuto, se non hai particolari rimpianti puoi anche fingere di desiderarla, ma se ti frega che sei giovane è assurda e fetente, è una carognata senza senso, una assurdità senza nome, è una delle cose che mi fanno dire che dio non esiste.
avatar
Mandalay
-------------
-------------

Maschile Numero di messaggi : 486
Età : 56
Località : Bologna
Occupazione/Hobby : tentare di capire
SCALA DI DAWKINS :
60 / 7060 / 70

Data d'iscrizione : 10.07.13

Tornare in alto Andare in basso

Re: Dilemmi Esistenziali 1 - La Morte

Messaggio Da Justine il Gio 20 Ott - 15:05

C'è chi implora di morire il prima possibile, chi darebbe la vita pur di non crepare (cit.).
Ad ogni modo è chiaro che la vita, comunque la si intenda, è sempre un'approssimazione di ciò che si avrebbe in mente di realizzare; vale anche per chi si sente 'fortunato' (?)

_________________
Smettetela di bistrattare e misinterpretare la Scienza per fingere di dare plausibilità alle vostre troiate
Grazie
avatar
Justine
----------
----------

Femminile Numero di messaggi : 15568
Occupazione/Hobby : Qui è l'una antenna
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 24.05.14

Tornare in alto Andare in basso

Re: Dilemmi Esistenziali 1 - La Morte

Messaggio Da Minsky il Gio 20 Ott - 15:17

La mia opinione sull'aspetto che collega l'ossessione della morte all'idea religiosa (anzi sarebbe meglio dire che la religione si fonda sull'ossessione della morte) l'ho espressa qui: http://atei.forumitalian.com/t6410-come-distinguere-credenti-e-non-credenti

Per il resto non c'è dubbio alcuno che la morte sia semplicemente la conseguenza estrema di una malattia o di un infortunio. La malattia mortale può essere, molto comunemente, la vecchiaia.

_________________
avatar
Minsky
--------------
--------------

Maschile Numero di messaggi : 14992
Età : 63
Località : Codroipo
Occupazione/Hobby : ateo guerriero
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 06.10.11

Tornare in alto Andare in basso

Re: Dilemmi Esistenziali 1 - La Morte

Messaggio Da Rasputin il Gio 20 Ott - 17:30

Mandalay ha scritto:La morte fa schifo è una fregatura maledetta.
Uno stop definitivo senza appello senza vie di fuga, un'interruttore che si spegne:
via la luce via i colori, gli odori, le emozioni, via i visi e i volti che amiamo, il nulla (qualunque cosa voglia dire).
Passi se la vita ti concede di invecchiare, che anche quello è un bello schifo, ma almeno hai il tempo per odiare il tuo corpo che non ti risponde più, hai il tempo per renderti conto che i giorni che ti rimangono sono meno di quelli che hai vissuto, se non hai particolari rimpianti puoi anche fingere di desiderarla, ma se ti frega che sei giovane è assurda e fetente, è una carognata senza senso, una assurdità senza nome, è una delle cose che mi fanno dire che dio non esiste.

Verde, doppio perché con cognizione di causa. grazieeee

_________________
I always have ammo in my back pocket weherever I go (Hickok45)

Vivo solo una volta, ma come vivo io, una volta basta.

Ma cosa credi, che uno si sveglia una mattina e decide di lavorare in un carcere? Quella è gente perversa! (Vanessa Lutz)

avatar
Rasputin
..............
..............

Maschile Numero di messaggi : 50287
Età : 56
Località : Augusta vindelicorum
Occupazione/Hobby : Antinazista non praticante
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 28.10.09

Tornare in alto Andare in basso

Re: Dilemmi Esistenziali 1 - La Morte

Messaggio Da Justine il Gio 20 Ott - 18:01

Oltretutto c'è una categoria di persone che mi sta eminentemente sulle scatole, vale a dire i disgraziati che affermano: "La morte dà senso alla vita". Come no, immagino che ci siano molti più aforismi wildiani con lui morto, molti più ingegnosi pensieri con i sofisti greci morti, molte più melodie con David Bowie morto, and so on. Senza contare che anche a 90 anni si può essere ancora alla ricerca di qualcosa che interessi, al di là della retorica sociale che vuole tutti vivi e pimpanti, ma finché "fa comodo".
Non aggiungo poi che vorrei domandare agli assertori di questa baggianata i presunti "significati" di chi muore ancor prima di nascere o da piccolo, perché è veramente un pugno in faccia e al ventre, oltre che alla ragione stessa

_________________
Smettetela di bistrattare e misinterpretare la Scienza per fingere di dare plausibilità alle vostre troiate
Grazie
avatar
Justine
----------
----------

Femminile Numero di messaggi : 15568
Occupazione/Hobby : Qui è l'una antenna
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 24.05.14

Tornare in alto Andare in basso

Re: Dilemmi Esistenziali 1 - La Morte

Messaggio Da Rasputin il Gio 20 Ott - 18:06

Justine ha scritto:Oltretutto c'è una categoria di persone che mi sta eminentemente sulle scatole, vale a dire i disgraziati che affermano: "La morte dà senso alla vita". Come no, immagino che ci siano molti più aforismi wildiani con lui morto, molti più ingegnosi pensieri con i sofisti greci morti, molte più melodie con David Bowie morto, and so on. Senza contare che anche a 90 anni si può essere ancora alla ricerca di qualcosa che interessi, al di là della retorica sociale che vuole tutti vivi e pimpanti, ma finché "fa comodo".
Non aggiungo poi che vorrei domandare agli assertori di questa baggianata i presunti "significati" di chi muore ancor prima di nascere o da piccolo, perché è veramente un pugno in faccia e al ventre, oltre che alla ragione stessa

Però una cosa bisogna dirla, senza morte niente evoluzione eh

_________________
I always have ammo in my back pocket weherever I go (Hickok45)

Vivo solo una volta, ma come vivo io, una volta basta.

Ma cosa credi, che uno si sveglia una mattina e decide di lavorare in un carcere? Quella è gente perversa! (Vanessa Lutz)

avatar
Rasputin
..............
..............

Maschile Numero di messaggi : 50287
Età : 56
Località : Augusta vindelicorum
Occupazione/Hobby : Antinazista non praticante
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 28.10.09

Tornare in alto Andare in basso

Re: Dilemmi Esistenziali 1 - La Morte

Messaggio Da Justine il Gio 20 Ott - 18:30

Se la natura fosse stata un po' meno sfigata (e avesse ottimizzato a puntino il pianeta evitando sovrappopolazione tenendo peró in conto la vita di ognuno) avremmo potuto evolverci anche in assenza di morte. Ad es. ognuno di noi potrebbe figliare e figliare e figliare e vedere nipoti di 308esima generazione crescere nel pieno rispetto dell'evoluzione, riproducendosi a loro volta.
Ovviamente la Terra non è ingegnerizzata per supportare una faccenda del genere, non essendo guidata da forze che ci tengano in conto per quel che siamo (questo ovviamente nell'ambito di una senescenza negligibile, dove la natura stessa si dà una mossa e non ci rende suscettibili a mutazioni genetiche negative, diciamo così, anche se per lo stesso discorso evolutivo magari un giorno vien fuori che un animale cieco riesce a sopravvivere grazie alla capacità di percepire l'ambiente, ma perdendo l'opportunità di vederlo).

_________________
Smettetela di bistrattare e misinterpretare la Scienza per fingere di dare plausibilità alle vostre troiate
Grazie
avatar
Justine
----------
----------

Femminile Numero di messaggi : 15568
Occupazione/Hobby : Qui è l'una antenna
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 24.05.14

Tornare in alto Andare in basso

Re: Dilemmi Esistenziali 1 - La Morte

Messaggio Da Rasputin il Gio 20 Ott - 18:34

Justine ha scritto:Se la natura fosse stata un po' meno sfigata (e avesse ottimizzato a puntino il pianeta evitando sovrappopolazione tenendo peró in conto la vita di ognuno) avremmo potuto evolverci anche in assenza di morte. Ad es. ognuno di noi potrebbe figliare e figliare e figliare e vedere nipoti di 308esima generazione crescere nel pieno rispetto dell'evoluzione, riproducendosi a loro volta.
Ovviamente la Terra non è ingegnerizzata per supportare una faccenda del genere, non essendo guidata da forze che ci tengano in conto per quel che siamo (questo ovviamente nell'ambito di una senescenza negligibile, dove la natura stessa si dà una mossa e non ci rende suscettibili a mutazioni genetiche negative, diciamo così, anche se per lo stesso discorso evolutivo magari un giorno vien fuori che un animale cieco riesce a sopravvivere grazie alla capacità di percepire l'ambiente, ma perdendo l'opportunità di vederlo).

La natura non ha coscienza né logica eh

_________________
I always have ammo in my back pocket weherever I go (Hickok45)

Vivo solo una volta, ma come vivo io, una volta basta.

Ma cosa credi, che uno si sveglia una mattina e decide di lavorare in un carcere? Quella è gente perversa! (Vanessa Lutz)

avatar
Rasputin
..............
..............

Maschile Numero di messaggi : 50287
Età : 56
Località : Augusta vindelicorum
Occupazione/Hobby : Antinazista non praticante
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 28.10.09

Tornare in alto Andare in basso

Re: Dilemmi Esistenziali 1 - La Morte

Messaggio Da Justine il Gio 20 Ott - 18:49

Appunto, per questo le davo della sfigata 1145962017-Party (90

_________________
Smettetela di bistrattare e misinterpretare la Scienza per fingere di dare plausibilità alle vostre troiate
Grazie
avatar
Justine
----------
----------

Femminile Numero di messaggi : 15568
Occupazione/Hobby : Qui è l'una antenna
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 24.05.14

Tornare in alto Andare in basso

Re: Dilemmi Esistenziali 1 - La Morte

Messaggio Da Rasputin il Gio 20 Ott - 18:55

Justine ha scritto:Appunto, per questo le davo della sfigata 1145962017-Party (90

È che la tua rappresentazione di come avrebbe potuto/dovuto essere mi pareva un po' teista mgreen

_________________
I always have ammo in my back pocket weherever I go (Hickok45)

Vivo solo una volta, ma come vivo io, una volta basta.

Ma cosa credi, che uno si sveglia una mattina e decide di lavorare in un carcere? Quella è gente perversa! (Vanessa Lutz)

avatar
Rasputin
..............
..............

Maschile Numero di messaggi : 50287
Età : 56
Località : Augusta vindelicorum
Occupazione/Hobby : Antinazista non praticante
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 28.10.09

Tornare in alto Andare in basso

Re: Dilemmi Esistenziali 1 - La Morte

Messaggio Da Nessuno il Gio 20 Ott - 23:35

Pensieri a ruota libera all'una di notte fuma
Quando avevo otto anni e morì mio nonno, l'idea della morte mi ha assillato per un po' di tempo, mi ha dato un bel po' di notti insonni. L'idea che mi si proponeva a portata di mano dal catechismo cattolico la trovavo sciocca e neanche considerabile [un po' mi vanto di essere stato un bimbo sveglio, un po' ho fatto dei buoni incontri].
Per cui, fine del tutto, un mondo dalle infinite possibilità si spegne e finisce. Trovo tutt'ora molto difficile accettarlo.
Un po' di serenità mi è venuta da qualche "spunto orientale", che ora non saprei neanche stare ad annoiartene perché si tratta più che altro di intuizioni. Una sorta di elefante nel salotto, siamo immersi in un infinito, in infinite dimensioni e mondi di cui sicuramente conosciamo un'infinitesima parte, e ci stiamo a preoccupare della fine di un corpo. Ma l'elefante per la maggior parte del "tempo finito" non lo vediamo. Questo credo sia alla base dell'uso di droghe rituali, sono un aiuto a vedere l'elefante.

Nessuno
-------------
-------------

Numero di messaggi : 99
SCALA DI DAWKINS :
0 / 700 / 70

Data d'iscrizione : 11.07.16

Tornare in alto Andare in basso

Re: Dilemmi Esistenziali 1 - La Morte

Messaggio Da Justine il Ven 21 Ott - 3:44

Ma per l'evento in sé non è che occorra procacciare maggiore serenità di quella che la morte per l'appunto dà: possiamo paragonarla ad un blackout in cui l'assenza di autocoscienza ti impedisce di provare pena o panico. È di fatto la massima tranquillità ottenibile.
Quello che (almeno a me, ma dovrebbe essere così per tutti) fa andare in bestia è che il mondo va avanti senza te; per chi è curioso e ama conoscere (come dicevo poco sopra) è il massimo dramma esistenziale. A cui si spera che la tecnologia possa un giorno porre rimedio.

_________________
Smettetela di bistrattare e misinterpretare la Scienza per fingere di dare plausibilità alle vostre troiate
Grazie
avatar
Justine
----------
----------

Femminile Numero di messaggi : 15568
Occupazione/Hobby : Qui è l'una antenna
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 24.05.14

Tornare in alto Andare in basso

Re: Dilemmi Esistenziali 1 - La Morte

Messaggio Da Davide57 il Ven 21 Ott - 8:47

Justine ha scritto:Ma per l'evento in sé non è che occorra procacciare maggiore serenità di quella che la morte per l'appunto dà: possiamo paragonarla ad un blackout in cui l'assenza di autocoscienza ti impedisce di provare pena o panico. È di fatto la massima tranquillità ottenibile.
Quello che (almeno a me, ma dovrebbe essere così per tutti) fa andare in bestia è che il mondo va avanti senza te; per chi è curioso e ama conoscere (come dicevo poco sopra) è il massimo dramma esistenziale. A cui si spera che la tecnologia possa un giorno porre rimedio.

E' proprio questa la cosa insopportabile. Il problema non è tanto "dove vai a finire" dopo la morte ma il fatto che il tuo tempo è finito e il mondo va avanti in tua assenza, si evolve e progredisce senza di te e tu non potrai mai vedere e vivere quel progresso.

Davide57
------------
------------

Maschile Numero di messaggi : 10
Età : 22
SCALA DI DAWKINS :
69 / 7069 / 70

Data d'iscrizione : 17.10.16

Tornare in alto Andare in basso

Re: Dilemmi Esistenziali 1 - La Morte

Messaggio Da Justine il Ven 21 Ott - 9:01

Esattamente. E' l'unica cosa della vita che al momento attuale non mi va giù, alle disgrazie e al fare buon viso a cattivo gioco ho più o meno imparato. Avrei in piano di iscrivermi al Cryonics Institute http://www.cryonics.org/ci-landing/ per avere una pur remota possibiità di rivivere grazie alla tecnologia, tuttavia mi occorre una discreta somma (non è impossibile per una persona con un introito normale, che però a me manca) e ovviamente la giusta logistica. 'Sfortunata' come sono, purtroppo mi sa che mancherò il treno. Comunque ribadisco, nella sofferenza o nella gioia a me piacerebbe campare ad libitum giusto per vedere come vanno le cose.

_________________
Smettetela di bistrattare e misinterpretare la Scienza per fingere di dare plausibilità alle vostre troiate
Grazie
avatar
Justine
----------
----------

Femminile Numero di messaggi : 15568
Occupazione/Hobby : Qui è l'una antenna
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 24.05.14

Tornare in alto Andare in basso

Re: Dilemmi Esistenziali 1 - La Morte

Messaggio Da Davide57 il Ven 21 Ott - 9:29

Justine ha scritto:Esattamente. E' l'unica cosa della vita che al momento attuale non mi va giù, alle disgrazie e al fare buon viso a cattivo gioco ho più o meno imparato. Avrei in piano di iscrivermi al Cryonics Institute *** per avere una pur remota possibiità di rivivere grazie alla tecnologia, tuttavia mi occorre una discreta somma (non è impossibile per una persona con un introito normale, che però a me manca) e ovviamente la giusta logistica. 'Sfortunata' come sono, purtroppo mi sa che mancherò il treno. Comunque ribadisco, nella sofferenza o nella gioia a me piacerebbe campare ad libitum giusto per vedere come vanno le cose.

Non ero a conoscenza di questa cosa. Sembra parecchio interessante e anche sensata. Io sono convinto che non c'è limite al progresso e sicuramente in futuro si troverà il modo per riportare in vita qualcuno quindi questa potrebbe essere una carta molto furba da giocare per chi fosse interessato. Ma ne vale veramente la pena? Forse morire nei nostri tempi e risvegliarsi 300-400 anni dopo in un mondo completamente nuovo e con la consapevolezza di aver perso tutti i propri affetti non potrebbe presto trasformarsi da un sogno a un vero e proprio incubo?

Davide57
------------
------------

Maschile Numero di messaggi : 10
Età : 22
SCALA DI DAWKINS :
69 / 7069 / 70

Data d'iscrizione : 17.10.16

Tornare in alto Andare in basso

Re: Dilemmi Esistenziali 1 - La Morte

Messaggio Da Justine il Ven 21 Ott - 9:36

Mah, io sono un'avida gamer e appassionata di letture, e ti dico che il presunto future shock sarà nulla se comparato alla bellezza di ciò che ci si aspetta tecnologicamente.

Sarà anche che sono una mezza sociopatica, ma a me dell'integrazione frega poco - voglio vivere per conoscere, e supportare l'avanzamento della tecnica. Non esiste nessun affetto che possa dissuadermi da questo: le relazioni diventano una rottura, dopo un po', l'innovazione, la creatività e la conoscenza si evolvono continuamente ed è per questo tipo di brivido che vorrei vivere.

_________________
Smettetela di bistrattare e misinterpretare la Scienza per fingere di dare plausibilità alle vostre troiate
Grazie
avatar
Justine
----------
----------

Femminile Numero di messaggi : 15568
Occupazione/Hobby : Qui è l'una antenna
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 24.05.14

Tornare in alto Andare in basso

Re: Dilemmi Esistenziali 1 - La Morte

Messaggio Da matem il Mer 26 Ott - 9:30

la morte è il nostro annullamento
i nostri atomi si fonderanno con l'universo e formeranno altri composti organici o inorganici.Di noi , al più, rimarrà solo un ricordo nelle persone che ci conoscevano. Sta a noi , durante la nostra breve esistenza,costruire per poi lasciare un buon ricordo.
Tutto il resto riferito al dopo morte promesso dalle varie religioni è solo fantasia e sciocchezze per farci illudere e per farci accettare la morte con una speranza di vita dopo di essa.
avatar
matem
-------------
-------------

Maschile Numero di messaggi : 434
Località : salerno
Occupazione/Hobby : ex insegnante -lettura libri sulla religione cristiana-collezionista di oggetti storici
SCALA DI DAWKINS :
69 / 7069 / 70

Data d'iscrizione : 06.10.10

Tornare in alto Andare in basso

Re: Dilemmi Esistenziali 1 - La Morte

Messaggio Da Justine il Gio 27 Ott - 5:09

Per essere sicuri di essere ricordati almeno dal Web, dopo la morte, salvate le vostre pagine su Internet Archive (più affidabile del presunto bene e della memoria dei vivi)

_________________
Smettetela di bistrattare e misinterpretare la Scienza per fingere di dare plausibilità alle vostre troiate
Grazie
avatar
Justine
----------
----------

Femminile Numero di messaggi : 15568
Occupazione/Hobby : Qui è l'una antenna
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 24.05.14

Tornare in alto Andare in basso

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto

- Argomenti simili

 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum