Diritti inalienabili

Pagina 6 di 12 Precedente  1, 2, 3 ... 5, 6, 7 ... 10, 11, 12  Seguente

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

Re: Diritti inalienabili

Messaggio Da Rasputin il Dom 20 Nov - 18:00

jessica ha scritto:Sarbve uno sputacchio catarroso?

Stronza ingrata! moon


Ultima modifica di Rasputin il Dom 20 Nov - 18:11, modificato 1 volta

_________________
Mi dissocio espressamente da tutte le dichiatrazioni da me rilasciate a partire da un'ora fa.
Qualunque somiglianza con la realtà è puramente casuale ed involontaria.
La pena di morte andrebbe applicata immediatamente e senza processo a chiunque, anche in tenera età, esprimesse il mero desiderio di diventare giudice o funzionario di qualsiasi categoria.

Rasputin
..............
..............

Maschile Numero di messaggi : 49146
Età : 56
Località : Augusta vindelicorum
Occupazione/Hobby : Nazista
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 28.10.09

Tornare in alto Andare in basso

Re: Diritti inalienabili

Messaggio Da Justine il Dom 20 Nov - 18:03

Prendendo spunto da quanto dice Cyrano, si potrebbe discutere di cosa serva realmente affinché si possa avere una leadership particolare di questi tempi. Anche io nel mio piccolo ho provato/provavo ad avviare certe rivoluzioni, ma nel mare magnum delle idee (molte di queste tarocche e frutto di ira non circostanziata più che di un piano ponderato) di tutti non ci si impone facilmente. E questo nonostante prese di posizione sia razionali che più aggressive. In particolare trovo sempre gente che risponde: "Nah", "Eh, sarebbe bello..." , "Ma dopo come facciamo?" e varie ed eventuali sempre sulla stessa scia.

_________________
[...] l'aeroporto c'è, no non c'è, pregasi indagare sulle differenze tra orari di percorrenza e orari sulle tabelle, la fermata si chiama aeroporto ma non è un aeroporto, differenze tra curare e guarire, cantanti lirici londinesi comunisti, 180% dei cinesi [...] (Jess)

Justine
----------
----------

Femminile Numero di messaggi : 15356
Occupazione/Hobby : Qui è l'una antenna
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 24.05.14

Tornare in alto Andare in basso

Re: Diritti inalienabili

Messaggio Da Cyrano il Dom 20 Nov - 18:11

OT poi andrebbe fatto il distinguo tra i morti ammazzati con armi da fuoco, armi da taglio, armi improprie, mani nude

E poi, come dice Rasputin, armi detenute legalmente ed illegalmente

E poi: minorenni/maggiorenni, omicidi/suicidi, omicidi 
/incidenti, omicidi volontari/preterintenzionali e così via

ed in ultimo andrebbe ricordato sempre che non é l'arma che ammazza, é la mano che la impugna

Fine OT

Cyrano
-------------
-------------

Maschile Numero di messaggi : 507
Località : Altrove
Occupazione/Hobby : Aspettare
SCALA DI DAWKINS :
69 / 7069 / 70

Data d'iscrizione : 13.04.16

Tornare in alto Andare in basso

Re: Diritti inalienabili

Messaggio Da Minsky il Dom 20 Nov - 18:12

jessica ha scritto:mi spiace di non essere così brava con le funzioni di ricerca a trovare un vecchio 3d in cui si rifaceva questa discussione pari pari.

Intendi questo?
http://atei.forumitalian.com/t2733-sparare-per-sport-piace-a-qualcuno

jessica ha scritto:dico solo un paio di cose alla rinfusa



una delle argomentazioni più spesso portate avanti dai favorevoli alla libera circolazione delle armi è che tanto "i cattivi" le armi se le procurerebbero comunque. questa affermazione non tiene conto del fatto che i morti per armi da fuoco sono solo in parte dovute ai "cattivi". quello che succede, perchè è così che è fatto l'uomo, è che sono i buoni a sbroccare durante un litigio, per un tradimento, per questioni di soldi o per quello che volete, a non vederci più e, se ci sono, a usare le armi. l'assenza di libera circolazione di armi vuol dire trasformare tutti questi casi (che sono ben più della metà del totale) in liti con ceffoni o bastoni, con esiti indicibilmente più miti, se non addirittura smorzarli.
Mah. Come ricordo di aver già osservato in altro thread, in qualsiasi cucina si possono reperire armi letali come e forse più di una pistola, perché molto più facili da usare. E in effetti, in Italia gli accoltellamenti non mi sembrano affatto rari. Ma non ho consultato statistiche, è solo una mia impressione.

jessica ha scritto:il fatto del calo della criminalità in rapporto al numero di armi, oltre a non avere alcun trend evidenziabile da un'analisi statistica (anzi, se il trend c'è è al contrario) è molto poco affidabile essendo differente il modo in cui ogni nazione categorizza la voce "criminalità". per capirci, si veda il numero di violenze sessuali pro capite in finlandia ed in italia ha un rapporto che somiglia a qualcosa tipo 8:1. volete davvero farmi credere che i finlandesi sono morti di figa e violenti otto volte più degli italiani? la risposta è semplice: no. solo che lì è molto più facile che una donna denunci un presunto abuso (che visto l'andazzo superfemminista che hano là sopra è probabile che anche quella che qui viene definita un'innocua pacchetta sul culo lì venga conteggiata come abuso sessuale)

Volevi dire Svezia e svedesi, come correttamente riportato nella tabellina della statistica.

La spiegazione per il caso della Svezia non è quella che ipotizzi tu. Tanto per puntualizzare, eh. Perché la spiegazione smonta la validità dell'esempio.

GATESTONE Institute ha scritto:È la Svezia la capitale occidentale degli stupri

di Ingrid Carlqvist e Lars Hedegaard

14 febbraio 2015

Pezzo in lingua originale inglese: Sweden: Rape Capital of the West

Traduzioni di Angelita La Spada


LINK

Nel 1975, il parlamento svedese decise all'unanimità di trasformare la Svezia – che un tempo era omogenea dal punto di vista etnico – in un paese multiculturale. Quarant'anni dopo le drammatiche conseguenze di questo esperimento emerge che i crimini violenti sono aumentati del 300 per cento.

Se però si guarda al numero degli stupri, l'aumento è ben peggiore. Nel 1975, furono segnalate alla polizia 421 violenze sessuali; nel 2014, 6620. Si tratta di un aumento del 1472 per cento.

La Svezia si colloca ora al secondo posto tra i paesi con il maggior numero di violenze sessuali al mondo. Secondo un'indagine del 2010, la Svezia, con 53,2 stupri ogni 100.000 abitanti, è superata solo dal piccolo stato del Lesotho, nell'Africa del Sud, che registra 91,6 abusi sessuali ogni 100.000 abitanti.



Anziché risolvere il problema della violenza e degli abusi sessuali, i politici svedesi, le autorità pubbliche e i media fanno del loro meglio per motivare i fatti. Ecco alcune delle loro giustificazioni:

  • Le svedesi sono più inclini a denunciare i reati.
  • La legge è stata modificata in modo tale che gli abusi sessuali siano ora classificati come stupri.
  • Gli uomini svedesi non riescono a gestire una maggiore uguaglianza tra i sessi e reagiscono con violenza contro le donne (forse è la scusa più fantasiosa).

[...]
Gli immigrati giunti in Svezia nel corso degli ultimi 10-15 anni provengono principalmente da paesi musulmani come l'Iraq, la Siria e la Somalia.
[...]
Ventuno rapporti di ricerca stilati dagli anni Sessanta fino ad oggi giungono a una conclusione unanime: che siano o meno calcolati in base al numero degli stupratori condannati o dei sospetti violentatori, gli uomini di origini straniere sono ben rappresentati molto più degli svedesi. E questa maggiore rappresentanza di persone di origini straniere continua ad aumentare
[...]
Come mai allora, nel 2008, la vicina Danimarca aveva solo 7,3 stupri ogni 100.000 abitanti, rispetto ai 53,2 della Svezia?

La legislazione danese non è molto diversa da quella della Svezia e non vi è alcuna ragione ovvia del perché le donne danesi dovrebbero essere meno inclini a denunciare le violenze sessuali rispetto alle donne svedesi.

Nel 2011, furono denunciati alla polizia svedese 6509 stupri – ma solo 392 in Danimarca. La popolazione danese è circa la metà di quella svedese, quindi, pur tenendo conto della dimensione demografica, la discrepanza è considerevole.

In Svezia, le autorità fanno quello che possono per nascondere le origini degli stupratori. In Danimarca, l'istituto nazionale di statistica, Statistics Denmark, ha rivelato che nel 2010 più della metà degli stupratori condannati erano di origine immigrata.
[...]
(Estesi dettagli nel link)

Si veda anche:
https://www.jihadwatch.org/2016/01/finland-unprecedented-sexual-harassment-by-muslim-migrants-on-new-years-eve
Etc, etc.

jessica ha scritto:il problema è sempre lo stesso, e cioè che la gente usa le statistiche come gli ubriachi usano i lampioni, non per fare luce ma per sostenersi.
so che è un discorso fastidioso da sentire, forse presuntuoso e tante altre cose brutte, ma debbo dire che sarebbe bello che chi si avvicina a dei dati avesse anche gli strumenti culturali per poterli comprendere. la comprensione, l'uso delle statistiche e tutto quello che è un po' legato a quello che in altri 3d viene sbandierato come "metodo scientifico" non sono strumenti innati che ogni creatura ha a sua disposizione, anzi, involgono spesso procedure controintuitive e vanno appresi (con fatica e sofferenza, almeno per quanto mi riguarda) in anni, se non decenni, di studio dedicato.
non ci si inventa analisti o statistici così come non ci si inventa dottori o linguisti.
poi sennò, improvvisandosi statistici, escono cose tipo queste:

spero che almeno in questo caso non serva discutere il perchè questa immagine (che viene usata per supportate le loro tesi dai mattiguera  di armipedia o qualcosa di simile)  sia una cagata immane oltre che una fallacia logica sotto ogni punto di vista (e comunque a contenere due falsità nel giro di tre righe di testo).


ps: qui l'equivalente dei vari maschiselvatici su cui potete farvi un'idea di cosa voglio dire quando parlo di statistici improvvisati ahahahahahah ahahahahahah ahahahahahah
http://seanlinnane.blogspot.it/2013/08/guns-in-america-statistical-perspective.html
Eh, sìssì. Parole sante. Le statistiche bisogna saperle adoperare correttamente. Giusto! wink..

_________________

Minsky
--------------
--------------

Maschile Numero di messaggi : 13509
Età : 62
Località : Codroipo
Occupazione/Hobby : ateo guerriero
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 06.10.11

Tornare in alto Andare in basso

Re: Diritti inalienabili

Messaggio Da Cyrano il Dom 20 Nov - 18:14

Justine ha scritto:Prendendo spunto da quanto dice Cyrano, si potrebbe discutere di cosa serva realmente affinché si possa avere una leadership particolare di questi tempi. Anche io nel mio piccolo ho provato/provavo ad avviare certe rivoluzioni, ma nel mare magnum delle idee (molte di queste tarocche e frutto di ira non circostanziata più che di un piano ponderato) di tutti non ci si impone facilmente. E questo nonostante prese di posizione sia razionali che più aggressive. In particolare trovo sempre gente che risponde: "Nah", "Eh, sarebbe bello..." , "Ma dopo come facciamo?" e varie ed eventuali sempre sulla stessa scia.
Grazie Justine! é per questo che non i stanco mai di discutere, con le persone che stimo e rispetto, degli ideali anarchici e delle eventuali prassi di attuazione 

invece di perdere tempo in discussioni infinite "renzi boja/viva grillo/abbasso grillo/ ci vuole salvini", dovremmo ragionare sul fatto che dalle il potere a chi lo desidera é sempre un potenziale errore..e che invece di parlare di "democrazia" (quale democrazia? che potere ha veramente il "demos"?) dovremmo parlare di libertà

Cyrano
-------------
-------------

Maschile Numero di messaggi : 507
Località : Altrove
Occupazione/Hobby : Aspettare
SCALA DI DAWKINS :
69 / 7069 / 70

Data d'iscrizione : 13.04.16

Tornare in alto Andare in basso

Re: Diritti inalienabili

Messaggio Da Rasputin il Dom 20 Nov - 20:05

Minsky ha scritto:Come ricordo di aver già osservato in altro thread, in qualsiasi cucina si possono reperire armi letali come e forse più di una pistola, perché molto più facili da usare.

Lo spunto non è banale.

Oltre al fatto che appunto sono più facili da usare, sono meno riconosciute come tali.

Facendo un esempio terraterra, pochi ci penserebbero sopra due volte a brandire minacciosamente un coltellaccio (Eh, d'accordo, non spara) ma un'arma da fuoco si brandisce - e men che meno si punta addosso - solo, ed esclusivamente se la situazione è davvero critica.

_________________
Mi dissocio espressamente da tutte le dichiatrazioni da me rilasciate a partire da un'ora fa.
Qualunque somiglianza con la realtà è puramente casuale ed involontaria.
La pena di morte andrebbe applicata immediatamente e senza processo a chiunque, anche in tenera età, esprimesse il mero desiderio di diventare giudice o funzionario di qualsiasi categoria.

Rasputin
..............
..............

Maschile Numero di messaggi : 49146
Età : 56
Località : Augusta vindelicorum
Occupazione/Hobby : Nazista
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 28.10.09

Tornare in alto Andare in basso

Re: Diritti inalienabili

Messaggio Da Cyrano il Dom 20 Nov - 20:28

Rasputin ha scritto:
Minsky ha scritto:Come ricordo di aver già osservato in altro thread, in qualsiasi cucina si possono reperire armi letali come e forse più di una pistola, perché molto più facili da usare.

Lo spunto non è banale.

Oltre al fatto che appunto sono più facili da usare, sono meno riconosciute come tali.

Facendo un esempio terraterra, pochi ci penserebbero sopra due volte a brandire minacciosamente un coltellaccio (Eh, d'accordo, non spara) ma un'arma da fuoco si brandisce - e men che meno si punta addosso - solo, ed esclusivamente se la situazione è davvero critica.
eppure forse (ma non ho pezze d'appoggio) si ammazza più gente a coltellate (escluse le guerre) che con le armi da fuoco...

Forse dovremmo proibire i coltelli, cosa ne pensi?

Cyrano
-------------
-------------

Maschile Numero di messaggi : 507
Località : Altrove
Occupazione/Hobby : Aspettare
SCALA DI DAWKINS :
69 / 7069 / 70

Data d'iscrizione : 13.04.16

Tornare in alto Andare in basso

Re: Diritti inalienabili

Messaggio Da SETH OTH il Dom 20 Nov - 20:41

Armok ha scritto:
"La maggioranza delle uccisioni per arma da fuoco, almeno in USA, ha luogo per opera della polizia"
Anche se è vero che le uccisioni ad opera della polizia sono solo un sessantesimo circa del totale, il numero di poliziotti rispetto alla popolazione è molto meno di uno su sessanta, quindi si può parlare di maggioranza relativa.
E quindi? Stiamo parlando di gente che di lavoro fa il poliziotto, hai presente? Intervenire nelle sparatorie, nelle rapine... In quale altro paese della galassia ti aspetti che la professione del poliziotto non abbia la maggioranza relativa dei morti dalla sua parte? Cosa vorrebbe dire questo secondo te?

Cyrano ha scritto:

Esatto

Praticamente il far west che (tolto l'intento denigratorio, indice di chiara fallacia argomentativa) é stato un momento abbastanza riuscito (e non così selvaggio) di organizzazione miniarchico/anarchica

Leggi qui

http://vonmises.it/tag/far-west/

http://vonmises.it/2016/01/22/12759/

http://vonmises.it/2016/08/08/un-esperimento-americano-anarco-capitalista-non-cosi-selvaggio-far-west-parte-1/

http://vonmises.it/2016/08/10/un-esperimento-americano-anarco-capitalista-non-cosi-selvaggio-far-west-parte-2/

http://vonmises.it/2016/08/12/un-esperimento-americano-anarco-capitalista-non-cosi-selvaggio-far-west-parte-3/

Come vedi, ragionare per "cliches" potrebbe essere talvolta fuorviante
Veramente quando ho scritto far west mi riferivo proprio a quello dei film, quello cioè in cui tutti girano con la colt e si danno appuntamento al Corral se si stanno sul cazzo. Se non ti piace puoi sostituire far west con giungla, rende bene l'idea uguale (poi puoi sempre controbattere dicendo che il n. di uccisioni interspecifico pro capite è molto maggiore nell'uomo che nelle altre specie).
Ad ogni modo ti faccio un riassunto della lettura stocastica delle pagine che hai linkato per sostenere la pia natura anarchica dell'uomo libero dalle leggi:
i pionieri si organizzavano in gruppi armati, organizzavano dei veri e propri servizi di sicurezza per  difendere persone e cose da malviventi e banditi (poi c'è tutta la parte sulla riminiscente legge inglese che neanche considero per non eccedere).
Cioè, in parole povere, per vivere bene si sono dovuti inventare la polizia
 ahahahahahah  ahahahahahah  ahahahahahah

Riguardo il numero di civili morti per assassinio o incidente rispetto all'Europa, hai qualche dato? (ah ti ricordo comunque di verificare prima che le armi fossero illegali qui da noi)
Quelli sulla polizia americana, tanto invocati dal tuo amico per convincermi che c'hairagggione a dire che è la polizia a fare la maggiorparte dei morti, li sto ancora aspettando.
Cyrano ha scritto:
Adesso mi hai francamente rotto il cazzo: ho detto che la gente guida male nonostante abbia la patente, non in quanto ha la patente

Distorcere le affermazioni degli interlocutori é, oltre che una fallacia meschina e banale, l'indizio di una mente debole e di una dirittura etica lacunosa

Per penitenza ti leggerai l'opera omnia di Stirner e tre opere scelte di Von Mises (anche se é ebreo)mgreen

Sarò anche eticamente lacunoso, comunque prendo atto del fatto che tu intendessi dire che  la gente guida male nonostante abbia la patente (nel qual caso il mio esempio dei medici non avrebbe avuto senso), tu prendi atto di quello che hai scritto, rileggendoti:  

"sul fatto che il diritto di guidare senza avere una patente sia follia, richiamo l'attenzione sul fatto che la gente non sa guidare a causa del fatto che ha la patente"

Avrò anche la mente debole, ma l' Italiano lo ricordo ancora e la frase che hai scritto indica un rapporto causale, non certo avversativo.

Ora puoi:
-farti modificare l'intervento originale e chiedermi con finto fare sorpreso che cosa sto dicendo (ho visto che qui si usa anche questo) e continuare ad accusarmi di distorcere le tue affermazioni
-dire che hai scritto male quello che intendevi dire e che non sono stato io a distorcere ma tu a scrivere una cosa per un'altra.

Lascerò a te l'onore di decidere quale dei due comportamenti sarebbe una fallacia meschina e banale.


Cyrano ha scritto:Comunque Seth forse ha ragione su una cosa: coi cittadini armati e meno polizia in giro ci sarebbero inizialmente più morti ammazzati...quello che forse non afferra é che probabilmente sarebbe un bene mgreen
Quindi di cosa stiamo parlando? Sul fatto che sia un bene o no che negli stati armati vi siano più morti posso discuterne, sul fatto che sia vero o falso, no.

Cyrano ha scritto:Poi, quando ero frate francescano...
Ah, ecco spiegate molte cose.

Cyrano ha scritto:Abbiamo mai pensato al fatto, appunto, che chi vuol veramente ammazzare qualcuno trova comunque il modo? 
Anche se pure l'altro è armato. Il problema sono quelli che non vogliono veramente ammazzare qualcuno, ma finiscono per farlo.

SETH OTH
-------------
-------------

Numero di messaggi : 372
Età : 99
Occupazione/Hobby : Respirariano.
SCALA DI DAWKINS :
0 / 700 / 70

Data d'iscrizione : 17.06.16

Tornare in alto Andare in basso

Re: Diritti inalienabili

Messaggio Da Rasputin il Dom 20 Nov - 20:45

Cyrano ha scritto:
Rasputin ha scritto:
Minsky ha scritto:Come ricordo di aver già osservato in altro thread, in qualsiasi cucina si possono reperire armi letali come e forse più di una pistola, perché molto più facili da usare.

Lo spunto non è banale.

Oltre al fatto che appunto sono più facili da usare, sono meno riconosciute come tali.

Facendo un esempio terraterra, pochi ci penserebbero sopra due volte a brandire minacciosamente un coltellaccio (Eh, d'accordo, non spara) ma un'arma da fuoco si brandisce - e men che meno si punta addosso - solo, ed esclusivamente se la situazione è davvero critica.
eppure forse (ma non ho pezze d'appoggio) si ammazza più gente a coltellate (escluse le guerre) che con le armi da fuoco...

Forse dovremmo proibire i coltelli, cosa ne pensi?

Cercando di rimanere equilibrati, direi - ed ormai parlo con cognizione di causa - che un'arma da fuoco è notevolmente più pericolosa di un coltello.

Quello che mi fa incazzare sono quelli che demonizzano determinate cose in quanto tali, ecco perché se ti ricordi ho fatto l'esempio della patente d'auto.

Se poi vogliamo scendere nei dettagli di chi vuole davvero ammazzare, ho buone ragioni per ritenere che la percentuale di quelli che scelgono un'arma da fuoco per farlo sia decisamente irrilevante.

Mi ricordo anni fa di essere stato alla polizia in qualità di interprete per l'interrogatorio di una testimone, un pensionato era stato ridotto in fin di vita (Poi è sopravvissuto) a colpi di incudine da calzolaio, da una vicina non molto più giovane, se non ricordo male per motivi di estorsione.

E a ben vedere - se vogliamo - anche la legge si tradisce da sé: prova a portare una chiave inglese allo stadio ad, esempio wink..

EDIT Ottimo, ora almeno abbiamo l'ammissione che il settott vive nei film ahahahahahah(Oltre allo Zeppelin di pregiudizi e luoghi comuni dal quale viene trascinato in giro, vedi commento rispetto i frati francescani)

Settott, se tutti gli ex frati francescani ed anche francesgatti fossero come questo qui io ci farei la firma

_________________
Mi dissocio espressamente da tutte le dichiatrazioni da me rilasciate a partire da un'ora fa.
Qualunque somiglianza con la realtà è puramente casuale ed involontaria.
La pena di morte andrebbe applicata immediatamente e senza processo a chiunque, anche in tenera età, esprimesse il mero desiderio di diventare giudice o funzionario di qualsiasi categoria.

Rasputin
..............
..............

Maschile Numero di messaggi : 49146
Età : 56
Località : Augusta vindelicorum
Occupazione/Hobby : Nazista
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 28.10.09

Tornare in alto Andare in basso

Re: Diritti inalienabili

Messaggio Da Cyrano il Dom 20 Nov - 20:52

Cyrano ha scritto:
sul fatto che il diritto di guidare senza avere una patente sia follia, richiamo l'attenzione sul fatto che la gente non sa guidare a causa del fatto che ha la patente...anzi, la stragrande maggioranza di chi ha la patente non sa affatto guidare...cosa succederebbe se si abolisse la patente? Niente di niente, la gente continuerebbe a farsi insegnare a guidare dal padre o da un amico, chi sa guidare continuerebbe a saper guidare e la sciura che ha preso la patente per disperazione continuerebbe a non saper guidare

segui quello che ho scritto nel suo contesto

la frase può benissimo essere letta nel senso che non é la patente che che da ad una persona la capacità di guidare, sopratutto alla luce della frase che segue (anzi la stragrande maggioranza di chi ha la patente non sa guidare)

Se avessi voluto dire che é il fatto di avere la patente a rendere incapaci di guidare, la seconda parte della frase non avrebbe senso, ne convieni?

Voglio imputare la tua insistenza a una mera disattenzione riguardo al contesto o al fatto di un'ambiguità semantica, anche perchè in genere mi sembri una persona sensata e onesta...

Lascio perdere la facezia rispetto agli ex francescani perché gli argomenti ad hitlerum mi fanno solo sorridere mgreen


Ultima modifica di Cyrano il Dom 20 Nov - 21:02, modificato 3 volte

Cyrano
-------------
-------------

Maschile Numero di messaggi : 507
Località : Altrove
Occupazione/Hobby : Aspettare
SCALA DI DAWKINS :
69 / 7069 / 70

Data d'iscrizione : 13.04.16

Tornare in alto Andare in basso

Re: Diritti inalienabili

Messaggio Da SETH OTH il Dom 20 Nov - 20:56

Cyrano ha scritto:
Rasputin ha scritto:
Minsky ha scritto:Come ricordo di aver già osservato in altro thread, in qualsiasi cucina si possono reperire armi letali come e forse più di una pistola, perché molto più facili da usare.

Lo spunto non è banale.

Oltre al fatto che appunto sono più facili da usare, sono meno riconosciute come tali.

Facendo un esempio terraterra, pochi ci penserebbero sopra due volte a brandire minacciosamente un coltellaccio (Eh, d'accordo, non spara) ma un'arma da fuoco si brandisce - e men che meno si punta addosso - solo, ed esclusivamente se la situazione è davvero critica.
eppure forse (ma non ho pezze d'appoggio) si ammazza più gente a coltellate (escluse le guerre) che con le armi da fuoco...

Forse dovremmo proibire i coltelli, cosa ne pensi?
Eh mi sa di no sai. Già in Italia, dove le armi da fuoco non sono a vendita libera, siamo a più della metà degli omicidi. IN USA a 3,5 su 4.

SETH OTH
-------------
-------------

Numero di messaggi : 372
Età : 99
Occupazione/Hobby : Respirariano.
SCALA DI DAWKINS :
0 / 700 / 70

Data d'iscrizione : 17.06.16

Tornare in alto Andare in basso

Re: Diritti inalienabili

Messaggio Da SETH OTH il Dom 20 Nov - 21:04

Cyrano ha scritto:
Cyrano ha scritto:
sul fatto che il diritto di guidare senza avere una patente sia follia, richiamo l'attenzione sul fatto che la gente non sa guidare a causa del fatto che ha la patente...anzi, la stragrande maggioranza di chi ha la patente non sa affatto guidare...cosa succederebbe se si abolisse la patente? Niente di niente, la gente continuerebbe a farsi insegnare a guidare dal padre o da un amico, chi sa guidare continuerebbe a saper guidare e la sciura che ha preso la patente per disperazione continuerebbe a non saper guidare

segui quello che ho scritto nel suo contesto

la frase può benissimo essere letta nel senso che non é la patente che che da ad una persona la capacità di guidare, sopratutto alla luce della frase che segue (anzi la stragrande maggioranza di chi ha la patente non sa guidare)

Se avessi voluto dire che é il fatto di avere la patente a rendere incapaci di guidare, la seconda parte della frase non avrebbe senso, ne convieni?

Voglio imputare la tua insistenza a una mera disattenzione riguardo al contesto o al fatto di un'ambiguità semantica, anche perchè in genere mi sembri una persona sensata e onesta...
In effetti non capivo il senso di quell'"anzi" ma ho dovuto sorvolare per forza di cose.
Solo ora ho capito la "logica grammaticale" della tua frase. Ok, allora non imputare la mia insistenza a disattenzioni o ambiguità, imputala al fatto che non ti sai spiegare TU.
Perché se quella frase avrebbe forse potuto dare un'idea di quello che dici, detta a voce con una intonazione di un certo tipo, scritta così vuol dire una cosa soltanto.
E cioè che la gente non sa guidare a causa del fatto che ha la patente.

SETH OTH
-------------
-------------

Numero di messaggi : 372
Età : 99
Occupazione/Hobby : Respirariano.
SCALA DI DAWKINS :
0 / 700 / 70

Data d'iscrizione : 17.06.16

Tornare in alto Andare in basso

Re: Diritti inalienabili

Messaggio Da Cyrano il Dom 20 Nov - 21:05

che poi sta storia delle armi era veramente l'ultimo dei punti in discussione...

Il punto é: vogliamo vivere in un mondo dove per scorreggiare ci vuole una licenza amministrativa?

Cyrano
-------------
-------------

Maschile Numero di messaggi : 507
Località : Altrove
Occupazione/Hobby : Aspettare
SCALA DI DAWKINS :
69 / 7069 / 70

Data d'iscrizione : 13.04.16

Tornare in alto Andare in basso

Re: Diritti inalienabili

Messaggio Da Cyrano il Dom 20 Nov - 21:06

SETH OTH ha scritto:
Cyrano ha scritto:
Cyrano ha scritto:
sul fatto che il diritto di guidare senza avere una patente sia follia, richiamo l'attenzione sul fatto che la gente non sa guidare a causa del fatto che ha la patente...anzi, la stragrande maggioranza di chi ha la patente non sa affatto guidare...cosa succederebbe se si abolisse la patente? Niente di niente, la gente continuerebbe a farsi insegnare a guidare dal padre o da un amico, chi sa guidare continuerebbe a saper guidare e la sciura che ha preso la patente per disperazione continuerebbe a non saper guidare

segui quello che ho scritto nel suo contesto

la frase può benissimo essere letta nel senso che non é la patente che che da ad una persona la capacità di guidare, sopratutto alla luce della frase che segue (anzi la stragrande maggioranza di chi ha la patente non sa guidare)

Se avessi voluto dire che é il fatto di avere la patente a rendere incapaci di guidare, la seconda parte della frase non avrebbe senso, ne convieni?

Voglio imputare la tua insistenza a una mera disattenzione riguardo al contesto o al fatto di un'ambiguità semantica, anche perchè in genere mi sembri una persona sensata e onesta...
In effetti non capivo il senso di quell'"anzi" ma ho dovuto sorvolare per forza di cose.
Solo ora ho capito la "logica grammaticale" della tua frase. Ok, allora non imputare la mia insistenza a disattenzioni o ambiguità, imputala al fatto che non ti sai spiegare TU.
Perché se quella frase avrebbe forse potuto dare un'idea di quello che dici, detta a voce con una intonazione di un certo tipo, scritta così vuol dire una cosa soltanto.
E cioè che la gente non sa guidare a causa del fatto che ha la patente.
é vero, la frase poteva essere espressa in maniera meno ambigua...anche da un ex francescano (figurati se fossi stato un ex gesuita) mgreen mgreen

Cyrano
-------------
-------------

Maschile Numero di messaggi : 507
Località : Altrove
Occupazione/Hobby : Aspettare
SCALA DI DAWKINS :
69 / 7069 / 70

Data d'iscrizione : 13.04.16

Tornare in alto Andare in basso

Re: Diritti inalienabili

Messaggio Da SETH OTH il Dom 20 Nov - 21:14

Ok, ora che ci siamo capiti l'intervento della laurea in medicina non ha più senso.
Sono anzi perfettamente d'accordo: non è la patente a dare alla gente la capacità di guidare, è vero, servirebbe molto di più, però almeno è un primo filtro di selezione. Se penso alla gente che conosco che oggi per un motivo o un altro non ha una patente ma che avrebbe una macchina in mano col tuo sistema mi vengono i brividi.
Tutto sta, secondo me, a cosa metti davanti. Tu, mi pare di capire, la libertà, io senza dubbio la mia (e degli altri) incolumità*.

*ma soprattutto mia.


Ultima modifica di SETH OTH il Dom 20 Nov - 21:17, modificato 1 volta

SETH OTH
-------------
-------------

Numero di messaggi : 372
Età : 99
Occupazione/Hobby : Respirariano.
SCALA DI DAWKINS :
0 / 700 / 70

Data d'iscrizione : 17.06.16

Tornare in alto Andare in basso

Re: Diritti inalienabili

Messaggio Da SETH OTH il Dom 20 Nov - 21:16

Cyrano ha scritto:che poi sta storia delle armi era veramente l'ultimo dei punti in discussione...

Il punto é: vogliamo vivere in un mondo dove per scorreggiare ci vuole una licenza amministrativa?
Personalmente no (anche se la scorreggia non dichiarata è un gesto infame in ogni compagnia, e la dichiarazione è una specie di arcaica licenza) ma non voglio neanche vivere nella casa delle libertà secondo Guzzanti.
Toglieresti mai i semafori dagli incroci?

SETH OTH
-------------
-------------

Numero di messaggi : 372
Età : 99
Occupazione/Hobby : Respirariano.
SCALA DI DAWKINS :
0 / 700 / 70

Data d'iscrizione : 17.06.16

Tornare in alto Andare in basso

Re: Diritti inalienabili

Messaggio Da Cyrano il Dom 20 Nov - 21:23

SETH OTH ha scritto:Ok, ora che ci siamo capiti l'intervento della laurea in medicina non ha più senso.
Sono anzi perfettamente d'accordo: non è la patente a dare alla gente la capacità di guidare, è vero, servirebbe molto di più, però almeno è un primo filtro di selezione. Se penso alla gente che conosco che oggi per un motivo o un altro non ha una patente ma che avrebbe una macchina in mano col tuo sistema mi vengono i brividi.
Tutto sta, secondo me, a cosa metti davanti. Tu, mi pare di capire, la libertà, io senza dubbio la mia (e degli altri) incolumità.
capisco le tue preoccupazioni che sono dettate dal puro buon senso

quello su cui ti propongo di riflettere é: invece che delle autorizzazioni amministrative erogate discrezionalmente dall'amministrazione, non sarebbe meglio la responsabilità personale con eventuali conseguenze in caso di abuso?

voglio dire: guida fin che vuoi ma se fai danni ne sei responsabile, e pesantemente

innanzitutto continuo a credere che anche in un mondo senza patenti di guida la perizia dei conduttori non sarebbe in media migliore (spero di essermi spiegato bene), chi facesse danni ne sarebbe comunque responsabile (con le conseguenze "educative" generali del fatto che é la comunità a mazziarti e non i "cattivoni" degli sbirri e dei giudici) ma sopratutto con la conseguenza che noi saremmo più liberi e più responsabili

Cyrano
-------------
-------------

Maschile Numero di messaggi : 507
Località : Altrove
Occupazione/Hobby : Aspettare
SCALA DI DAWKINS :
69 / 7069 / 70

Data d'iscrizione : 13.04.16

Tornare in alto Andare in basso

Re: Diritti inalienabili

Messaggio Da Rasputin il Dom 20 Nov - 21:23

SETH OTH ha scritto:
Cyrano ha scritto:che poi sta storia delle armi era veramente l'ultimo dei punti in discussione...

Il punto é: vogliamo vivere in un mondo dove per scorreggiare ci vuole una licenza amministrativa?
Personalmente no (anche se la scorreggia non dichiarata è un gesto infame in ogni compagnia, e la dichiarazione è una specie di arcaica licenza) ma non voglio neanche vivere nella casa delle libertà secondo Guzzanti.
Toglieresti mai i semafori dagli incroci?

Da qualche anno già tendono a venire sostituiti da rotatorie...costano meno e la statistica degli incidenti pare validare anche l'aspetto della sicurezza...

_________________
Mi dissocio espressamente da tutte le dichiatrazioni da me rilasciate a partire da un'ora fa.
Qualunque somiglianza con la realtà è puramente casuale ed involontaria.
La pena di morte andrebbe applicata immediatamente e senza processo a chiunque, anche in tenera età, esprimesse il mero desiderio di diventare giudice o funzionario di qualsiasi categoria.

Rasputin
..............
..............

Maschile Numero di messaggi : 49146
Età : 56
Località : Augusta vindelicorum
Occupazione/Hobby : Nazista
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 28.10.09

Tornare in alto Andare in basso

Re: Diritti inalienabili

Messaggio Da Cyrano il Dom 20 Nov - 21:24

SETH OTH ha scritto:
Cyrano ha scritto:che poi sta storia delle armi era veramente l'ultimo dei punti in discussione...

Il punto é: vogliamo vivere in un mondo dove per scorreggiare ci vuole una licenza amministrativa?
Personalmente no (anche se la scorreggia non dichiarata è un gesto infame in ogni compagnia, e la dichiarazione è una specie di arcaica licenza) ma non voglio neanche vivere nella casa delle libertà secondo Guzzanti.
Toglieresti mai i semafori dagli incroci?
 come diceva il mio povero fratello, i semafori sono degli utili avvertimenti

Passa pure col rosso, ma se fai un incidente ti facciamo un culo come una casa

Cyrano
-------------
-------------

Maschile Numero di messaggi : 507
Località : Altrove
Occupazione/Hobby : Aspettare
SCALA DI DAWKINS :
69 / 7069 / 70

Data d'iscrizione : 13.04.16

Tornare in alto Andare in basso

Re: Diritti inalienabili

Messaggio Da Rasputin il Dom 20 Nov - 21:26

Cyrano ha scritto:
SETH OTH ha scritto:
Cyrano ha scritto:che poi sta storia delle armi era veramente l'ultimo dei punti in discussione...

Il punto é: vogliamo vivere in un mondo dove per scorreggiare ci vuole una licenza amministrativa?
Personalmente no (anche se la scorreggia non dichiarata è un gesto infame in ogni compagnia, e la dichiarazione è una specie di arcaica licenza) ma non voglio neanche vivere nella casa delle libertà secondo Guzzanti.
Toglieresti mai i semafori dagli incroci?
 come diceva il mio povero fratello, i semafori sono degli utili avvertimenti

Passa pure col rosso, ma se fai un incidente ti facciamo un culo come una casa

Infatti. La differenza con la limitazione alla libertà personale mi pare evidente.

_________________
Mi dissocio espressamente da tutte le dichiatrazioni da me rilasciate a partire da un'ora fa.
Qualunque somiglianza con la realtà è puramente casuale ed involontaria.
La pena di morte andrebbe applicata immediatamente e senza processo a chiunque, anche in tenera età, esprimesse il mero desiderio di diventare giudice o funzionario di qualsiasi categoria.

Rasputin
..............
..............

Maschile Numero di messaggi : 49146
Età : 56
Località : Augusta vindelicorum
Occupazione/Hobby : Nazista
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 28.10.09

Tornare in alto Andare in basso

Re: Diritti inalienabili

Messaggio Da Cyrano il Dom 20 Nov - 21:26

in sostanza un cambio di paradigma che, lo capisco, é veramente rivoluzionario

1) oggi é concesso solo ciò che non é proibito, ed a condizione di aver ottenuto l'apposita licenza amministrativa

2) nella mia visione, tutto é un tuo diritto finché non si causa un danno concreto e reale ad una persona di carne ed ossa, o ad un gruppo o società di persone di carne ed ossa

il regime delle "autorizzazioni amministrative", oltre che essere ipocrita ed illiberale, contribuisce ad allevare delle generazioni di schiavi irresponsabili, che non si comportano bene per senso civico o per responsabilità davanti ai loro pari, ma per codardia e ignavia, ed appena possono truffano e svicolano...e giustamente, aggiungo, in quanto loro quello specifico "contratto sociale" non l'hanno mai sottoscritto personalmente

Cyrano
-------------
-------------

Maschile Numero di messaggi : 507
Località : Altrove
Occupazione/Hobby : Aspettare
SCALA DI DAWKINS :
69 / 7069 / 70

Data d'iscrizione : 13.04.16

Tornare in alto Andare in basso

Re: Diritti inalienabili

Messaggio Da Paolo il Dom 20 Nov - 21:49

Cyrano ha scritto:
SETH OTH ha scritto:
Cyrano ha scritto:che poi sta storia delle armi era veramente l'ultimo dei punti in discussione...

Il punto é: vogliamo vivere in un mondo dove per scorreggiare ci vuole una licenza amministrativa?
Personalmente no (anche se la scorreggia non dichiarata è un gesto infame in ogni compagnia, e la dichiarazione è una specie di arcaica licenza) ma non voglio neanche vivere nella casa delle libertà secondo Guzzanti.
Toglieresti mai i semafori dagli incroci?
 come diceva il mio povero fratello, i semafori sono degli utili avvertimenti

Passa pure col rosso, ma se fai un incidente ti facciamo un culo come una casa

Ma che ragionamento fai? Se passi con il rosso e mi uccidi a me non me ne frega niente se poi ti fanno il culo come una casa!! Quello che mi interessa è che tu passando con il rosso mi vieni contro e mi uccidi!


Paolo
-------------
-------------

Maschile Numero di messaggi : 8606
Età : 61
Località : Brescia
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 14.03.10

Tornare in alto Andare in basso

Re: Diritti inalienabili

Messaggio Da Cyrano il Dom 20 Nov - 21:59

Paolo ha scritto:
Cyrano ha scritto:
SETH OTH ha scritto:
Cyrano ha scritto:che poi sta storia delle armi era veramente l'ultimo dei punti in discussione...

Il punto é: vogliamo vivere in un mondo dove per scorreggiare ci vuole una licenza amministrativa?
Personalmente no (anche se la scorreggia non dichiarata è un gesto infame in ogni compagnia, e la dichiarazione è una specie di arcaica licenza) ma non voglio neanche vivere nella casa delle libertà secondo Guzzanti.
Toglieresti mai i semafori dagli incroci?
 come diceva il mio povero fratello, i semafori sono degli utili avvertimenti

Passa pure col rosso, ma se fai un incidente ti facciamo un culo come una casa

Ma che ragionamento fai? Se passi con il rosso e mi uccidi  a me non me ne frega niente se poi ti fanno il culo come una casa!! Quello che mi interessa è che tu passando con il rosso mi vieni contro e mi uccidi!

Esattissimo: ed altrettanto io so che se passo col rosso rischio:

1) di farmi ammazzare nell'incidente

2) di rispondere personalmente con la mia libertà ed il mio patrimonio dei danni causati

É miglior deterrente questo o due punti in meno sulla patente (ammesso che mi becchino)

Provocatoriamente e portando il discorso agli estremi: starò più attento al rosso se mi tolgono due punti sulla patente o se so che il padre o il fratello di chi ho investito scende dal lato passeggero, spiana la colt e mi fa un bel buco in testa?

Vado a rubare in appartamento sapendo che se mi beccano passo un paio di giorni in cella e se mi va male prendo un paio di mesi con la condizionale, o se so che il padrone di casa probabilmente ha una doppietta e mi istoria il culo con un rosone di pallini da passerotti?

Cyrano
-------------
-------------

Maschile Numero di messaggi : 507
Località : Altrove
Occupazione/Hobby : Aspettare
SCALA DI DAWKINS :
69 / 7069 / 70

Data d'iscrizione : 13.04.16

Tornare in alto Andare in basso

Re: Diritti inalienabili

Messaggio Da Paolo il Dom 20 Nov - 22:07

Ma che ragionamenti fai? Il diritto è proprio una delle basi della civiltà! E il primo punto è proprio quello di non farsi giustizia da se. Ma mi sembra una cosa talmente ovvia che non dovrei nemmeno dirlo.

Paolo
-------------
-------------

Maschile Numero di messaggi : 8606
Età : 61
Località : Brescia
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 14.03.10

Tornare in alto Andare in basso

Re: Diritti inalienabili

Messaggio Da Cyrano il Dom 20 Nov - 22:12

Ma ancor meglio: se in città c'é una fontana e la regola condivisa é che si attingono solo 10 litri e solo dopo le 5 di pomeriggio, posso sempre rinunciare ad attingere alla fonte comune e scavarmi il mio pozzo

Se poi vado a rubacchiare alla fonte comune, o scavando il mio pozzo faccio danni, vengono in tre o quattro e mi diffidano (e mi fanno riparare i danno/rendere il maltolto)

Se insisto mi portano davanti ad un arbitrato

Se perdo, ed insisto, mi gonfiano di sberle e si riprendono il maltolto e beni corrispettivi al danno causato

Senza sbirri, leggi o giudici

Cyrano
-------------
-------------

Maschile Numero di messaggi : 507
Località : Altrove
Occupazione/Hobby : Aspettare
SCALA DI DAWKINS :
69 / 7069 / 70

Data d'iscrizione : 13.04.16

Tornare in alto Andare in basso

Pagina 6 di 12 Precedente  1, 2, 3 ... 5, 6, 7 ... 10, 11, 12  Seguente

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto

- Argomenti simili

 
Permesso di questo forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum