Lavorare con i cristiani

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

Lavorare con i cristiani

Messaggio Da ThinkingCat il Ven 10 Mar - 17:56

Ciao a tutti, sono nuova in questo forum, chiedo quindi scusa anticipatamente nel caso lo utilizzi scorrettamente, mi ritrovo a scrivervi quasi per chiedervi consiglio, quest'anno dopo una lunga ricerca del lavoro riesco a inserirmi in un progetto del servizio civile in un campo di mio grande interesse, quello sociale, in breve mi ritrovo a lavorare in Caritas, non saprei sinceramente da dove iniziare, io sono atea da una vita, fin da bambina odiavo intensamente la religione, dopo un pò mi sono rassegnata e ho quasi dimenticato dell'esistenza dei cristiani, ora però mi ritrovo in un'ambiente profondamente cristiano, dichiarai fin da subito il mio non essere religioso, ma questo non sembra che aver incentivato il loro desiderio di "convertirmi", ogni mattina dedicano un quarto d'ora alle preghiera prima di iniziare il lavoro, il martedi si recano direttamente in chiesa dove io sono "caldamente" invitata, o meglio obbligata, a venire, ho sopportato un pò all'inizio in quanto non era troppo invadente la cosa, ora mi ritrovo a inviti quasi obbligatori nel mio unico giorno di riposo, dove se non mi presento, sono fatta sentire in colpa, in eventi che mi assicurano essere "formazione professionale" per approfondire temi sociali, quali l'immigrazione e la povertà e mi ritrovo a sorbire 7 ore in qualche città lontana dalla mia a sorbirmi dei tipi che parlano dell'importanza della fede, del CONVERTIRE il più persone possibili(hanno sottolineato essere il loro obiettivo primario), di Dio, del suo cammino e delle sue richieste, preghiere continue, discorsi su come siamo degli orribili peccatori e dobbiamo chinarci all'onnipotenza di Dio,
ma il peggio è un lavoretto che mi stanno facendo fare attualmente, si tratta della selezione di giornali cristiani, su temi quali: immigrazione(e ci può stare), povertà, temi sociali, e difesa della vita, mi è stato detto che devo considerarla formazione... la difesa della vita non è formazione professionale, ma pareri religiosi, e mi sento quasi obbligata a "studiare" e condividere posizioni contro l'aborto, l'eutanasia e giù di li,ah e spesso mi ritrovo articoli che attaccano gli atei, poi non parliamo di quando gli altri volontari si sono resi conto del mio ateismo, uno mi ha quasi interrogato, sul perchè non facevo il segno della croce durante la preghiera, e al mio ammettere molto serenamente il mio essere atea, mi chiedeva se non avevo paura, se non volevo cambiare idea, se a fine del servizio civile non avrò un parere diverso e giù di li, altri che facevano provocazioni del tipo "noi cristiani al contrario di voi atei, apprezziamo stare insieme"(questo quando mi rifiutavo di venire a eventi fuori dal mio orario lavorativo), in conclusione voglio sottolineare una cosa interessante, predicano continuamente moralità, santità, amore etc, e sono incredibilmente ipocriti, penso siano più porci, cattivi, invidiosi, razzisti, sessisti, di tutti gli atei che abbia potuto incontrare nel corso della mia vita, altro che moralità, si sparlano alle spalle dal mattino alla sera, e vorrei vomitare, non mi sopportano in quanto atea (non li ho neanche mai mancati di rispetto), ma i loro principi sono totalmente in contrasto con le loro preghiere, organizzano eventi cristiani pure nei miei orari di lavoro, e chiaramente devo partecipare o non vengo pagata, mi tocca lavorare nello stesso progetto tra l'altro con un tipo della mia età totalmente ritardato mentalmente (ma nessun cristiano la dentro ci è ancora arrivato), e pure lui ci mette del suo con le sue credenze cristiane, ah poi non parliamo dei loro discorsi di odio verso l'omosessualità, quindi voglio sottolineare che non ho intenzione di abbandonare il progetto in quanto per me risulterà come esperienza di lavoro, e i soldi mi servono ora come ora, ci sono poi aspetti aldilà della cristianità osessiva che mi interessano molto,
io sto sclerando però, mi ritrovo a essere davvero molto nervosa, mi sembra di sorbirmi ore e ore di indottrinamento, e mi sto rimbecillendo, sento la parola Dio che rimbomba nel cervello, e vorrei lottare per i miei principi atei che mi sembrano quasi pestati, la cosa ironica è che predicano il rispetto di tutti i credi e delle altre religioni, ma l'ateismo non è ammesso, non so se sia visto come un affronto, ma quello non va rispettato, poi non vi dico i tentativi disperati di coinvolgermi in eventi sul perchè credere in Dio è importante e giù di li, perchè non possono accettare il mio ateismo come accettano la religione mussulmana? Loro non ci provano neanche a convertirli (perchè chiaramente sarebbe una mancanza di rispetto), come dovrei comportarmi, dovrei nascondere e trattenere i miei pensieri e ideali atei, e tenere duro fino alla fine(dura solo un'anno il servizio), o dovrei impormi, e perchè sono così minacciati dalla mia esistenza in quanto atea? scusate lo sfogo, e spero di essermi espressa chiaramente, grazie.

ThinkingCat

Numero di messaggi : 1
SCALA DI DAWKINS :
0 / 700 / 70

Data d'iscrizione : 10.03.17

Tornare in alto Andare in basso

Re: Lavorare con i cristiani

Messaggio Da Rasputin il Ven 10 Mar - 18:32

Cavoli quanto scrivi!

Intanto

welcome welcome welcome

poi ora mi metto a leggere con calma ok

_________________
I always have ammo in my back pocket weherever I go (Hickok45)

Vivo solo una volta, ma come vivo io, una volta basta.

Ma cosa credi, che uno si sveglia una mattina e decide di lavorare in un carcere? Quella è gente perversa! (Vanessa Lutz)

avatar
Rasputin
..............
..............

Maschile Numero di messaggi : 49965
Età : 56
Località : Augusta vindelicorum
Occupazione/Hobby : Antinazista non praticante
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 28.10.09

Tornare in alto Andare in basso

Re: Lavorare con i cristiani

Messaggio Da Rasputin il Ven 10 Mar - 18:55

Allora, provo a dirti la mia:


ThinkingCat ha scritto:Ciao a tutti, sono nuova in questo forum, chiedo quindi scusa anticipatamente nel caso lo utilizzi scorrettamente, mi ritrovo a scrivervi quasi per chiedervi consiglio, quest'anno dopo una lunga ricerca del lavoro riesco a inserirmi in un progetto del servizio civile in un campo di mio grande interesse, quello sociale, in breve mi ritrovo a lavorare in Caritas,

Questo è il primo problema: le religioni - nella fattispecie quella cristiana - hanno ancora il monopolio su molti dei servizi sociali od orbitanti intorno ad essi, servizi che dovrebbe essere la collettività intera (Non mi piace la parola "Stato") a garantire.

ThinkingCat ha scritto:non saprei sinceramente da dove iniziare, io sono atea da una vita, fin da bambina odiavo intensamente la religione, dopo un pò mi sono rassegnata e ho quasi dimenticato dell'esistenza dei cristiani, ora però mi ritrovo in un'ambiente profondamente cristiano, dichiarai fin da subito il mio non essere religioso, ma questo non sembra che aver incentivato il loro desiderio di "convertirmi", ogni mattina dedicano un quarto d'ora alle preghiera prima di iniziare il lavoro, il martedi si recano direttamente in chiesa dove io sono "caldamente" invitata, o meglio obbligata, a venire, ho sopportato un pò all'inizio in quanto non era troppo invadente la cosa, ora mi ritrovo a inviti quasi obbligatori nel mio unico giorno di riposo, dove se non mi presento, sono fatta sentire in colpa, in eventi che mi assicurano essere "formazione professionale" per approfondire temi sociali, quali l'immigrazione e la povertà e mi ritrovo a sorbire 7 ore in qualche città lontana dalla mia a sorbirmi dei tipi che parlano dell'importanza della fede, del CONVERTIRE il più persone possibili (hanno sottolineato essere il loro obiettivo primario), di Dio, del suo cammino e delle sue richieste, preghiere continue, discorsi su come siamo degli orribili peccatori e dobbiamo chinarci all'onnipotenza di Dio,

Posso ipotizzare che a quelli non sembra vero di avere in casa loro il nemico da poter vessare...dubito che nutrano speranze di convertitrti, comunque (Grassettato) da questo dovresti intravedere che la loro non è un'attività disinteressata, anzi.

ThinkingCat ha scritto:ma il peggio è un lavoretto che mi stanno facendo fare attualmente, si tratta della selezione di giornali cristiani, su temi quali: immigrazione(e ci può stare), povertà, temi sociali, e difesa della vita, mi è stato detto che devo considerarla formazione... la difesa della vita non è formazione professionale, ma pareri religiosi, e mi sento quasi obbligata a "studiare" e condividere posizioni contro l'aborto, l'eutanasia e giù di li,ah e spesso mi ritrovo articoli che attaccano gli atei, poi non parliamo di quando gli altri volontari si sono resi conto del mio ateismo, uno mi ha quasi interrogato, sul perchè non facevo il segno della croce durante la preghiera, e al mio ammettere molto serenamente il mio essere atea, mi chiedeva se non avevo paura, se non volevo cambiare idea, se a fine del servizio civile non avrò un parere diverso e giù di li, altri che facevano provocazioni del tipo "noi cristiani al contrario di voi atei, apprezziamo stare insieme" (questo quando mi rifiutavo di venire a eventi fuori dal mio orario lavorativo),

E qui si pone il secondo problema, potrebbe davvero essere un dilemma: stai lavorando per la più grossa associazione a delinquere di stampo mafioso ed a livello internazionale che il pianeta abbia mai conosciuto. Pensi che esagero? Toh:

https://it.wikipedia.org/wiki/Storia_criminale_del_cristianesimo

ThinkingCat ha scritto:in conclusione voglio sottolineare una cosa interessante, predicano continuamente moralità, santità, amore etc, e sono incredibilmente ipocriti, penso siano più porci, cattivi, invidiosi, razzisti, sessisti, di tutti gli atei che abbia potuto incontrare nel corso della mia vita, altro che moralità, si sparlano alle spalle dal mattino alla sera, e vorrei vomitare, non mi sopportano in quanto atea (non li ho neanche mai mancati di rispetto), ma i loro principi sono totalmente in contrasto con le loro preghiere, organizzano eventi cristiani pure nei miei orari di lavoro, e chiaramente devo partecipare o non vengo pagata, mi tocca lavorare nello stesso progetto tra l'altro con un tipo della mia età totalmente ritardato mentalmente (ma nessun cristiano la dentro ci è ancora arrivato), e pure lui ci mette del suo con le sue credenze cristiane, ah poi non parliamo dei loro discorsi di odio verso l'omosessualità, quindi voglio sottolineare che non ho intenzione di abbandonare il progetto in quanto per me risulterà come esperienza di lavoro, e i soldi mi servono ora come ora, ci sono poi aspetti aldilà della cristianità osessiva che mi interessano molto,

Quali? Pensi sia corretto concedere le attenuanti ad un pluriomicida perché era molto buono col suo canarino? Poi, dilemma, dicevo, a mio parere dovresti - per onestà e coerenza - trovare un'alternativa laica, che ti permetta altresí di lavorare. Potrebbe essere dura perché le associazioni che rispondono a queste caratteristiche in genere di soldi ne hanno pochi...

ThinkingCat ha scritto:io sto sclerando però, mi ritrovo a essere davvero molto nervosa, mi sembra di sorbirmi ore e ore di indottrinamento, e mi sto rimbecillendo, sento la parola Dio che rimbomba nel cervello, e vorrei lottare per i miei principi atei che mi sembrano quasi pestati, la cosa ironica è che predicano il rispetto di tutti i credi e delle altre religioni, ma l'ateismo non è ammesso, non so se sia visto come un affronto, ma quello non va rispettato, poi non vi dico i tentativi disperati di coinvolgermi in eventi sul perchè credere in Dio è importante e giù di li, perchè non possono accettare il mio ateismo come accettano la religione mussulmana? Loro non ci provano neanche a convertirli (perchè chiaramente sarebbe una mancanza di rispetto), come dovrei comportarmi, dovrei nascondere e trattenere i miei pensieri e ideali atei, e tenere duro fino alla fine(dura solo un'anno il servizio), o dovrei impormi, e perchè sono così minacciati dalla mia esistenza in quanto atea? scusate lo sfogo, e spero di essermi espressa chiaramente, grazie.

Tentare di importi non servirà a nulla, temo. O trovi il modo di andartene, o tieni duro per il tempo che ti resta e cerchi di andartene traendone il meno peggio....

_________________
I always have ammo in my back pocket weherever I go (Hickok45)

Vivo solo una volta, ma come vivo io, una volta basta.

Ma cosa credi, che uno si sveglia una mattina e decide di lavorare in un carcere? Quella è gente perversa! (Vanessa Lutz)

avatar
Rasputin
..............
..............

Maschile Numero di messaggi : 49965
Età : 56
Località : Augusta vindelicorum
Occupazione/Hobby : Antinazista non praticante
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 28.10.09

Tornare in alto Andare in basso

Re: Lavorare con i cristiani

Messaggio Da Minsky il Ven 10 Mar - 19:02



Io ho già letto tutto il tuo interessantissimo racconto. wink.. Si tratta di una situazione davvero spiacevole, e riesco ad immaginarlo benissimo per aver sperimentato circostanze che qui non mi dilungo a spiegare. Ma hai tutta la mia comprensione, e se c'è un modo in cui posso aiutarti, lo farò molto volentieri.

Intanto provo a lanciarti un suggerimento. I credenti sono privi di senso dell'umorismo, anzi molto spesso trovano l'umorismo una cosa offensiva. Per loro c'è solo rassegnazione e sofferenza. Potresti prenderli in giro. Per esempio potresti dire che sei diventata anche tu credente. Pastafariana. mgreen

Stai attenta però. I fanatici sono pericolosi.

Ciao!

_________________
avatar
Minsky
--------------
--------------

Maschile Numero di messaggi : 14556
Età : 62
Località : Codroipo
Occupazione/Hobby : ateo guerriero
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 06.10.11

Tornare in alto Andare in basso

Re: Lavorare con i cristiani

Messaggio Da Minsky il Sab 11 Mar - 9:57


_________________
avatar
Minsky
--------------
--------------

Maschile Numero di messaggi : 14556
Età : 62
Località : Codroipo
Occupazione/Hobby : ateo guerriero
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 06.10.11

Tornare in alto Andare in basso

Re: Lavorare con i cristiani

Messaggio Da Nadine il Gio 16 Mar - 18:20

Quindi Thinking cat è venuta ha scritto il post chiedendovi un parere e non è più tornata...

Nadine
-------------
-------------

Femminile Numero di messaggi : 297
SCALA DI DAWKINS :
0 / 700 / 70

Data d'iscrizione : 05.11.14

Tornare in alto Andare in basso

Re: Lavorare con i cristiani

Messaggio Da Minsky il Gio 16 Mar - 23:12

Nadine ha scritto:Quindi Thinking cat è venuta ha scritto il post chiedendovi un parere e non è più tornata...
Beh, magari poi ritorna a raccontarci com'è andata. E non sarà certamente l'unica utente del forum che si fa viva a intervalli di sei mesi. A quanto pare.

_________________
avatar
Minsky
--------------
--------------

Maschile Numero di messaggi : 14556
Età : 62
Località : Codroipo
Occupazione/Hobby : ateo guerriero
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 06.10.11

Tornare in alto Andare in basso

Re: Lavorare con i cristiani

Messaggio Da SETH OTH il Ven 17 Mar - 10:59

Ciao gatta, mi spiace per la tua situazione difficile, però mi pare che se uno decide di lavorare per la Cei non dovrebbe aspettarsi tanto di meglio.
Ti posso riportare la mia esperienza di lavoro coi cristiani (seppure si trattasse di volontariato e non di lavoro retribuito) alle mense dei poveri. Molti dei personaggi che gravitavano attorno all'associazione erano delle emerite teste di cazzo (e mi ritrovo in parte nella tua descrizione "sono incredibilmente ipocriti, penso siano più porci, cattivi, invidiosi, razzisti, sessisti etc" - sebbene poi abbia  maturato convinzioni simili anche quando mi è successo di avere a che fare con la controparte ) ma devo dire di non aver mai avuto problema alcuno con la religione in sè. Ma forse si trattava di lavori differenti.
avatar
SETH OTH
-------------
-------------

Numero di messaggi : 481
Età : 99
Occupazione/Hobby : Divinità.
SCALA DI DAWKINS :
0 / 700 / 70

Data d'iscrizione : 17.06.16

Tornare in alto Andare in basso

Re: Lavorare con i cristiani

Messaggio Da rob93 il Sab 18 Mar - 14:31

Fossi in te mi sarei sparato un colpo dopo una settimana a lavorare in quelle condizioni ahah. Non lo sapevi che la caritas lavora con i cristiani? :V fossi in te lascerei quel lavoro immediatasubito o perlomeno chiederei se potessero mettermi in una posizione lavorativa neutra per la propria religione o non religione ma la vedo dura.
avatar
rob93
-------------
-------------

Maschile Numero di messaggi : 57
Età : 23
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 16.03.17

Tornare in alto Andare in basso

Re: Lavorare con i cristiani

Messaggio Da marisella il Lun 20 Mar - 17:36

Minsky ha scritto:

Io ho già letto tutto il tuo interessantissimo racconto. wink..  Si tratta di una situazione davvero spiacevole, e riesco ad immaginarlo benissimo per aver sperimentato circostanze che qui non mi dilungo a spiegare. Ma hai tutta la mia comprensione, e se c'è un modo in cui posso aiutarti, lo farò molto volentieri.

Intanto provo a lanciarti un suggerimento. I credenti sono privi di senso dell'umorismo, anzi molto spesso trovano l'umorismo una cosa offensiva. Per loro c'è solo rassegnazione e sofferenza. Potresti prenderli in giro. Per esempio potresti dire che sei diventata anche tu credente. Pastafariana.  mgreen

Stai attenta però. I fanatici sono pericolosi.

Ciao!
Minsky,
ma come? Dici che i credenti sono privi di senso dell'umorismo e qualche giorno fa hai scritto che apprezzi sempre di piu' la mia vis comica, e io sono credente? Mi hai preso in giro?Perchè sei piu' grande e navigato? Cattivo.
avatar
marisella
-----------
-----------

Maschile Numero di messaggi : 948
Località : sasso marconi
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 24.05.16

Tornare in alto Andare in basso

Re: Lavorare con i cristiani

Messaggio Da rob93 il Lun 20 Mar - 18:43

marisella ha scritto:
Minsky ha scritto:

Io ho già letto tutto il tuo interessantissimo racconto. wink..  Si tratta di una situazione davvero spiacevole, e riesco ad immaginarlo benissimo per aver sperimentato circostanze che qui non mi dilungo a spiegare. Ma hai tutta la mia comprensione, e se c'è un modo in cui posso aiutarti, lo farò molto volentieri.

Intanto provo a lanciarti un suggerimento. I credenti sono privi di senso dell'umorismo, anzi molto spesso trovano l'umorismo una cosa offensiva. Per loro c'è solo rassegnazione e sofferenza. Potresti prenderli in giro. Per esempio potresti dire che sei diventata anche tu credente. Pastafariana.  mgreen

Stai attenta però. I fanatici sono pericolosi.

Ciao!
Minsky,
ma come? Dici che i credenti sono privi di senso dell'umorismo e qualche giorno fa hai scritto che apprezzi sempre di piu' la mia vis comica, e io sono credente? Mi hai preso in giro?Perchè sei piu' grande e navigato? Cattivo.
Ti vorrei conoscere di persona, davvero.
avatar
rob93
-------------
-------------

Maschile Numero di messaggi : 57
Età : 23
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 16.03.17

Tornare in alto Andare in basso

Re: Lavorare con i cristiani

Messaggio Da Minsky il Lun 20 Mar - 20:01

marisella ha scritto:
Minsky,
ma come? Dici che i credenti sono privi di senso dell'umorismo e qualche giorno fa hai scritto che apprezzi sempre di piu' la mia vis comica, e io sono credente? Mi hai preso in giro?Perchè sei piu' grande e navigato? Cattivo.
Ero ironico. A quanto pare i credenti hanno difficoltà anche a riconoscere l'ironia. wink..

_________________
avatar
Minsky
--------------
--------------

Maschile Numero di messaggi : 14556
Età : 62
Località : Codroipo
Occupazione/Hobby : ateo guerriero
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 06.10.11

Tornare in alto Andare in basso

Re: Lavorare con i cristiani

Messaggio Da Rasputin il Lun 20 Mar - 20:13

Minsky ha scritto:
marisella ha scritto:
Minsky,
ma come? Dici che i credenti sono privi di senso dell'umorismo e qualche giorno fa hai scritto che apprezzi sempre di piu' la mia vis comica, e io sono credente? Mi hai preso in giro?Perchè sei piu' grande e navigato? Cattivo.
Ero ironico. A quanto pare i credenti hanno difficoltà anche a riconoscere l'ironia. wink..

Lo ripeto da un pezzo, si tratta di un problema generale di percezione dovuto al disturbo mentale indotto wink..

_________________
I always have ammo in my back pocket weherever I go (Hickok45)

Vivo solo una volta, ma come vivo io, una volta basta.

Ma cosa credi, che uno si sveglia una mattina e decide di lavorare in un carcere? Quella è gente perversa! (Vanessa Lutz)

avatar
Rasputin
..............
..............

Maschile Numero di messaggi : 49965
Età : 56
Località : Augusta vindelicorum
Occupazione/Hobby : Antinazista non praticante
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 28.10.09

Tornare in alto Andare in basso

Re: Lavorare con i cristiani

Messaggio Da marisella il Mar 21 Mar - 8:52

rob93 ha scritto:
marisella ha scritto:
Minsky ha scritto:

Io ho già letto tutto il tuo interessantissimo racconto. wink..  Si tratta di una situazione davvero spiacevole, e riesco ad immaginarlo benissimo per aver sperimentato circostanze che qui non mi dilungo a spiegare. Ma hai tutta la mia comprensione, e se c'è un modo in cui posso aiutarti, lo farò molto volentieri.

Intanto provo a lanciarti un suggerimento. I credenti sono privi di senso dell'umorismo, anzi molto spesso trovano l'umorismo una cosa offensiva. Per loro c'è solo rassegnazione e sofferenza. Potresti prenderli in giro. Per esempio potresti dire che sei diventata anche tu credente. Pastafariana.  mgreen

Stai attenta però. I fanatici sono pericolosi.

Ciao!
Minsky,
ma come? Dici che i credenti sono privi di senso dell'umorismo e qualche giorno fa hai scritto che apprezzi sempre di piu' la mia vis comica, e io sono credente? Mi hai preso in giro?Perchè sei piu' grande e navigato? Cattivo.
Ti vorrei conoscere di persona, davvero.
Va bene, Rob, ci conosceremo, intanto comincerò a mandarti qualche mia foto con 2 gambe lunghe così.
avatar
marisella
-----------
-----------

Maschile Numero di messaggi : 948
Località : sasso marconi
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 24.05.16

Tornare in alto Andare in basso

Re: Lavorare con i cristiani

Messaggio Da rob93 il Ven 24 Mar - 14:50

Ma 'ste foto?
avatar
rob93
-------------
-------------

Maschile Numero di messaggi : 57
Età : 23
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 16.03.17

Tornare in alto Andare in basso

Re: Lavorare con i cristiani

Messaggio Da marisella il Ven 24 Mar - 18:23

rob93 ha scritto:Ma 'ste foto?
Le gambe sono vietate ai minori di 25 anni, tu sei abituato a quelle di Pamela Anderson , brutte magre e storte, e a vedere delle belle gambe davvero, ti potrebbe venire un colpo.
avatar
marisella
-----------
-----------

Maschile Numero di messaggi : 948
Località : sasso marconi
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 24.05.16

Tornare in alto Andare in basso

Re: Lavorare con i cristiani

Messaggio Da rob93 il Ven 24 Mar - 18:29

Uff
avatar
rob93
-------------
-------------

Maschile Numero di messaggi : 57
Età : 23
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 16.03.17

Tornare in alto Andare in basso

Re: Lavorare con i cristiani

Messaggio Da Rasputin il Ven 24 Mar - 19:00

marisella ha scritto:
rob93 ha scritto:Ma 'ste foto?
Le gambe sono vietate ai minori di 25 anni, tu sei abituato a quelle di Pamela Anderson , brutte magre e storte, e a vedere delle belle gambe davvero, ti potrebbe venire un colpo.

Se sono le tue probabilmente ne hai ben donde hihihihih

_________________
I always have ammo in my back pocket weherever I go (Hickok45)

Vivo solo una volta, ma come vivo io, una volta basta.

Ma cosa credi, che uno si sveglia una mattina e decide di lavorare in un carcere? Quella è gente perversa! (Vanessa Lutz)

avatar
Rasputin
..............
..............

Maschile Numero di messaggi : 49965
Età : 56
Località : Augusta vindelicorum
Occupazione/Hobby : Antinazista non praticante
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 28.10.09

Tornare in alto Andare in basso

Re: Lavorare con i cristiani

Messaggio Da marisella il Ven 24 Mar - 20:00

Rasputin ha scritto:
marisella ha scritto:
rob93 ha scritto:Ma 'ste foto?
Le gambe sono vietate ai minori di 25 anni, tu sei abituato a quelle di Pamela Anderson , brutte magre e storte, e a vedere delle belle gambe davvero, ti potrebbe venire un colpo.

Se sono le tue probabilmente ne hai ben donde hihihihih
Le mie gambe sono bellissime, e le mostro a destra e a manca,sai che guaio se avessi avuto le gambe brutte, e dove le nascondevo? Mi piace mettere i tacchi a spillo  sul cruscotto delle macchine potenti, non si sono mai incazzati per questo, le compravano apposta.Toh.
avatar
marisella
-----------
-----------

Maschile Numero di messaggi : 948
Località : sasso marconi
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 24.05.16

Tornare in alto Andare in basso

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto

- Argomenti simili

 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum