Obiezione di coscienza e aborto.

Pagina 6 di 9 Precedente  1, 2, 3, 4, 5, 6, 7, 8, 9  Seguente

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

Re: Obiezione di coscienza e aborto.

Messaggio Da JACK_JOHN il Sab 15 Dic - 19:24

Fux89 ha scritto:Io sarei assolutamente favorevole all'abolizione della possibilità di obiezione di coscienza prevista dalla legge 194. Chi decide di fare il ginecologo sa che tra i suoi compiti c'è quello di garantire il diritto all'aborto, stabilito dalla legge...

E' la legge stessa che permette però anche la possibilità di scelta, sia alla madre che al medico.


http://atei.forumitalian.com/t838p120-obiezione-di-coscienza-e-aborto#191953


http://atei.forumitalian.com/t3925p60-meglio-tardi-che-mai#125729
avatar
JACK_JOHN
-------------
-------------

Maschile Numero di messaggi : 617
Età : 34
Località : Milano
SCALA DI DAWKINS :
0 / 700 / 70

Data d'iscrizione : 16.01.12

Tornare in alto Andare in basso

Re: Obiezione di coscienza e aborto.

Messaggio Da Odis89 il Sab 15 Dic - 19:49

JACK_JOHN ha scritto:
davide ha scritto:
L'obiezione d coscenza non dovrebbe esistere.
Quando leggo idiozie di questo tipo
rimango sempre sbalordito. [...]

Tutto molto bello, ma ho l'impressione che tu (come tutti i sostenitori dell'obiezione di coscienza che abbia avuto modo di leggere sinora) stia sorvolando sulla questione che offrire il servizio di interruzione volontaria della gravidanza non è un'incognita, una variabile casuale inaspettata che sorprende l'ignaro ginecologo... la sua scelta morale la può benissimo fare in un qualunque momento della sua istruzione, dall'inizio fino alla possibilità di scegliere un'altra specializzazione.

Ad un testimone di Geova è permesso rifiutarsi di eseguire trasfusioni su pazienti in urgenza? Dovrebbe esserlo?
Ad un netturbino è permesso prendere lo stipendio senza raccogliere l'immondizia perché fare ciò andrebbe contro la sua coscienza? (Il che non si può smentire perché, in fin dei conti, per gli obiettori di coscienza c'è in sostanza l'autocertificazione... boxed )

Non vuoi raccogliere l'immondizia? Non fai il netturbino. Non vuoi avere a che fare coi bambini? Non fai il maestro di scuola elementare. Non vuoi eseguire aborti? Liberissimo, vai a fare altro. Non il ginecologo, o perlomeno non nelle strutture pubbliche.


Ultima modifica di Odis89 il Sab 15 Dic - 19:56, modificato 1 volta
avatar
Odis89
-------------
-------------

Maschile Numero di messaggi : 727
Occupazione/Hobby : Putrefatto
SCALA DI DAWKINS :
60 / 7060 / 70

Data d'iscrizione : 19.11.11

Tornare in alto Andare in basso

Re: Obiezione di coscienza e aborto.

Messaggio Da Rasputin il Sab 15 Dic - 19:55

JJ le scelte morali sono private e personali e non dcevono influenzare le scelte altrui.

So che non capirai.

_________________
I always have ammo in my back pocket weherever I go (Hickok45)

Vivo solo una volta, ma come vivo io, una volta basta.

Ma cosa credi, che uno si sveglia una mattina e decide di lavorare in un carcere? Quella è gente perversa! (Vanessa Lutz)

avatar
Rasputin
..............
..............

Maschile Numero di messaggi : 50060
Età : 56
Località : Augusta vindelicorum
Occupazione/Hobby : Antinazista non praticante
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 28.10.09

Tornare in alto Andare in basso

Re: Obiezione di coscienza e aborto.

Messaggio Da loonar il Sab 15 Dic - 20:04

Odis, ti avrei dato tre verdi se avessi potuto! ok

loonar
----------
----------

Maschile Numero di messaggi : 17394
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 10.03.11

Tornare in alto Andare in basso

Re: Obiezione di coscienza e aborto.

Messaggio Da Fux89 il Sab 15 Dic - 20:07

Odis89 ha scritto:Tutto molto bello, ma ho l'impressione che tu (come tutti i sostenitori dell'obiezione di coscienza che abbia avuto modo di leggere sinora) stia sorvolando sulla questione che offrire il servizio di interruzione volontaria della gravidanza non è un'incognita, una variabile casuale inaspettata che sorprende l'ignaro ginecologo... la sua scelta morale la può benissimo fare in un qualunque momento della sua istruzione, dall'inizio fino alla possibilità di scegliere un'altra specializzazione.

Ad un testimone di Geova è permesso rifiutarsi di eseguire trasfusioni su pazienti in urgenza? Dovrebbe esserlo?
Ad un netturbino è permesso prendere lo stipendio senza raccogliere l'immondizia perché fare ciò andrebbe contro la sua coscienza? (Il che non si può smentire perché, in fin dei conti, per gli obiettori di coscienza c'è in sostanza l'autocertificazione... )

Non vuoi raccogliere l'immondizia? Non fai il netturbino. Non vuoi avere a che fare coi bambini? Non fai il maestro di scuola elementare. Non vuoi eseguire aborti? Liberissimo, vai a fare altro. Non il ginecologo, o perlomeno non nelle strutture pubbliche.
Esatto.

Fux89
----------
----------

Maschile Numero di messaggi : 16173
SCALA DI DAWKINS :
0 / 700 / 70

Data d'iscrizione : 20.11.08

Tornare in alto Andare in basso

Re: Obiezione di coscienza e aborto.

Messaggio Da silvio il Sab 15 Dic - 21:20

Personalmente ritengo che se uno non se la senta a praticare un aborto ne abbia il diritto, anche se medico, ginecologo in ospedale, l'aborto non è una cosa come un'altra, ognuno ne ha una percezione diversa, anche se ateo, conosco persone non credenti che non lo farebbero mai, ci sono una serie di azioni che devono essere considerate a parte, l'importante è che la struttura ospedaliera assicuri il servizio, poi se un certo numero di medici non se la sente per qualsiasi motivo non deve fare scandalo.
avatar
silvio
-------------
-------------

Maschile Numero di messaggi : 4411
Età : 57
Località : roma
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 28.11.09

Tornare in alto Andare in basso

Re: Obiezione di coscienza e aborto.

Messaggio Da JACK_JOHN il Sab 15 Dic - 22:00

Odis89 ha scritto:
JACK_JOHN ha scritto:
davide ha scritto:
L'obiezione d coscenza non dovrebbe esistere.
Quando leggo idiozie di questo tipo
rimango sempre sbalordito. [...]

Tutto molto bello, ma ho l'impressione che tu (come tutti i sostenitori dell'obiezione di coscienza che abbia avuto modo di leggere sinora) stia sorvolando sulla questione che offrire il servizio di interruzione volontaria della gravidanza non è un'incognita, una variabile casuale inaspettata che sorprende l'ignaro ginecologo... la sua scelta morale la può benissimo fare in un qualunque momento della sua istruzione, dall'inizio fino alla possibilità di scegliere un'altra specializzazione.

Ad un testimone di Geova è permesso rifiutarsi di eseguire trasfusioni su pazienti in urgenza? Dovrebbe esserlo?
Ad un netturbino è permesso prendere lo stipendio senza raccogliere l'immondizia perché fare ciò andrebbe contro la sua coscienza? (Il che non si può smentire perché, in fin dei conti, per gli obiettori di coscienza c'è in sostanza l'autocertificazione... )

Non vuoi raccogliere l'immondizia? Non fai il netturbino. Non vuoi avere a che fare coi bambini? Non fai il maestro di scuola elementare. Non vuoi eseguire aborti? Liberissimo, vai a fare altro. Non il ginecologo, o perlomeno non nelle strutture pubbliche.

Leggi bene:
http://atei.forumitalian.com/t838p120-obiezione-di-coscienza-e-aborto#191953

Il mio discorso non era una difesa all'obiezione di conscenza (anche se ovviamente sono d'accordo con essa e se ho un pò di tempo lo difenderei).

Il mio discorso invece era fondamentalmente contro una ridicola idea tanto diffusa qui dentro: che la morale non ha nulla a che fare con il lavoro del medico, che l'etica non può porre dei limiti all'operato del medico.

Che assurda idiozia detta con superficialità eppure se uno si ferma a rifletterci su lo vede per tutta la sua irrazionalità.

Su questo solo stavo parlando in quel thread. Quindi il tuo discorso, che meriterebbe molte correzioni, non ha nulla da dire su quello che ho scritto sopra.
avatar
JACK_JOHN
-------------
-------------

Maschile Numero di messaggi : 617
Età : 34
Località : Milano
SCALA DI DAWKINS :
0 / 700 / 70

Data d'iscrizione : 16.01.12

Tornare in alto Andare in basso

Re: Obiezione di coscienza e aborto.

Messaggio Da JACK_JOHN il Sab 15 Dic - 22:03

Rasputin ha scritto:JJ le scelte morali sono private e personali e non dcevono influenzare le scelte altrui.

So che non capirai.

che stupiddagine

hai 50 anni e ancora non hai capito che quasi ogni scelta che facciamo, in bene o in male, influenza gli altri?
avatar
JACK_JOHN
-------------
-------------

Maschile Numero di messaggi : 617
Età : 34
Località : Milano
SCALA DI DAWKINS :
0 / 700 / 70

Data d'iscrizione : 16.01.12

Tornare in alto Andare in basso

Re: Obiezione di coscienza e aborto.

Messaggio Da loonar il Sab 15 Dic - 22:14

Aprire i messaggi ignorati e aspettarsi qualcosa di interessante è come aprire un tombino di fogna e aspettarsi effluvi di rosa e lillà.
(devo ricordarmi questa immagine)
ahahahahahah

loonar
----------
----------

Maschile Numero di messaggi : 17394
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 10.03.11

Tornare in alto Andare in basso

Re: Obiezione di coscienza e aborto.

Messaggio Da ocelot il Sab 15 Dic - 22:28

silvio ha scritto:Personalmente ritengo che se uno non se la senta a
praticare un aborto ne abbia il diritto, anche se medico, ginecologo in
ospedale, l'aborto non è una cosa come un'altra, ognuno ne ha una
percezione diversa, anche se ateo, conosco persone non credenti che non
lo farebbero mai, ci sono una serie di azioni che devono essere
considerate a parte, l'importante è che la struttura ospedaliera
assicuri il servizio, poi se un certo numero di medici non se la sente
per qualsiasi motivo non deve fare scandalo.
Anche decretare la morte di una persona perché non la si vuole transfondere non è una cosa come un'altra eppure il medico anche se tdg non può rifiutarsi di pompare sangue nel morente.
Che la struttura ospedaliera assicuri il servizio diviene una cosa non semplice visto che oltre il 70% dei ginecologi è obiettore.

JACK_JOHN ha scritto:
Rasputin ha scritto:JJ le scelte morali sono private e personali e non dcevono influenzare le scelte altrui.

So che non capirai.

che stupiddagine

hai 50 anni e ancora non hai capito che quasi ogni scelta che facciamo, in bene o in male, influenza gli altri?

anche quella della donna che decide di abortire (avendone pieno diritto)?
avatar
ocelot
-------------
-------------

Maschile Numero di messaggi : 610
SCALA DI DAWKINS :
65 / 7065 / 70

Data d'iscrizione : 23.09.11

Tornare in alto Andare in basso

Re: Obiezione di coscienza e aborto.

Messaggio Da Akka il Sab 15 Dic - 22:58

i medici fanno il giuramento di ippocrate, giurano di perseguire la vita delle persone, l' aborto comporta la morte del feto

va be la questione è la solita, il feto è una persona? io non lo so, molti sembrano non aver problemi a dire di no, ostentando forse troppa sicurezza, io non saprei proprio esprimermi al riguardo, quindi ritengo giusto che un medico non sia costretto a fare una cosa che non è sicuro sia giusta
avatar
Akka
-------------
-------------

Maschile Numero di messaggi : 4118
Età : 117
Località : L' Appennino emiliano
Occupazione/Hobby : Sindacalista/Fioraio
SCALA DI DAWKINS :
69 / 7069 / 70

Data d'iscrizione : 07.01.12

Tornare in alto Andare in basso

Re: Obiezione di coscienza e aborto.

Messaggio Da *Valerio* il Sab 15 Dic - 23:07

Akka ha scritto:i medici fanno il giuramento di ippocrate, giurano di perseguire la vita delle persone, l' aborto comporta la morte del feto

va be la questione è la solita, il feto è una persona? io non lo so, molti sembrano non aver problemi a dire di no, ostentando forse troppa sicurezza, io non saprei proprio esprimermi al riguardo, quindi ritengo giusto che un medico non sia costretto a fare una cosa che non è sicuro sia giusta

Il quale può essere condivisibile.
Ciò che non è tollerabile è assumere solo obiettori e non garantire più le prestazioni.

*Valerio*
-------------
-------------

Maschile Numero di messaggi : 6950
Età : 44
Località : Bologna
Occupazione/Hobby : Pc-barbecue-divano-gnocca
SCALA DI DAWKINS :
69 / 7069 / 70

Data d'iscrizione : 15.11.08

Tornare in alto Andare in basso

Re: Obiezione di coscienza e aborto.

Messaggio Da loonar il Sab 15 Dic - 23:33

Akka ha scritto:i medici fanno il giuramento di ippocrate, giurano di perseguire la vita delle persone, l' aborto comporta la morte del feto

va be la questione è la solita, il feto è una persona? io non lo so, molti sembrano non aver problemi a dire di no, ostentando forse troppa sicurezza, io non saprei proprio esprimermi al riguardo, quindi ritengo giusto che un medico non sia costretto a fare una cosa che non è sicuro sia giusta

Giuramento di Ippocrate
« Consapevole dell'importanza e della solennità dell'atto che compio e dell'impegno che assumo, giuro:
di esercitare la medicina in libertà e indipendenza di giudizio e di comportamento rifuggendo da ogni indebito condizionamento;
di perseguire la difesa della vita, la tutela della salute fisica e psichica dell'uomo e il sollievo della sofferenza, cui ispirerò con responsabilità e costante impegno scientifico, culturale e sociale, ogni mio atto professionale;
di curare ogni paziente con eguale scrupolo e impegno, prescindendo da etnia, religione, nazionalità, condizione sociale e ideologia politica e promuovendo l'eliminazione di ogni forma di discriminazione in campo sanitario;
di non compiere mai atti idonei a provocare deliberatamente la morte di una persona;
di astenermi da ogni accanimento diagnostico e terapeutico;
di promuovere l'alleanza terapeutica con il paziente fondata sulla fiducia e sulla reciproca informazione, nel rispetto e condivisione dei principi a cui si ispira l'arte medica;
di attenermi nella mia attività ai principi etici della solidarietà umana contro i quali, nel rispetto della vita e della persona, non utilizzerò mai le mie conoscenze;
di mettere le mie conoscenze a disposizione del progresso della medicina;
di affidare la mia reputazione professionale esclusivamente alla mia competenza e alle mie doti morali;
di evitare, anche al di fuori dell'esercizio professionale, ogni atto e comportamento che possano ledere il decoro e la dignità della professione;
di rispettare i colleghi anche in caso di contrasto di opinioni;
di rispettare e facilitare il diritto alla libera scelta del medico;
di prestare assistenza d'urgenza a chi ne abbisogni e di mettermi, in caso di pubblica calamità, a disposizione dell'autorità competente;
di osservare il segreto professionale e di tutelare la riservatezza su tutto ciò che mi è confidato, che vedo o che ho veduto, inteso o intuito nell'esercizio della mia professione o in ragione del mio stato;
di prestare, in scienza e coscienza, la mia opera, con diligenza, perizia e prudenza e secondo equità, osservando le norme deontologiche che regolano l'esercizio della medicina e quelle giuridiche che non risultino in contrasto con gli scopi della mia professione. »

Nell'ambito della salute psichica della donna (che il dottore giura di perseguire), rientra anche garantirgli la scelta su quando e come portare avanti, o NO, la SUA gravidanza (non del dottore, del legislatore, del prete o dell'uomo della strada... è bene ricordarlo!).

Poi ci interessa sapere cos'è la persona, al quale il dottore in medicina non deve deliberatamente togliere la vita.
In ambito filosofico si definisce persona un essere dotato, nella concezione moderna almeno potenzialmente, di coscienza di sé e in possesso di una propria identità.
L'embrione e il feto dalla 9^ alla 12^ settimana di gestazione hanno coscienza di sé e una propria identità? Mmmmhhh.... non saprei, sembra che la legge abbia deciso per il no. Per cui il medico abortista non sta contravvenendo al suo giuramento e quello obiettore non sta garantendo appieno il suo.

loonar
----------
----------

Maschile Numero di messaggi : 17394
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 10.03.11

Tornare in alto Andare in basso

Re: Obiezione di coscienza e aborto.

Messaggio Da *Valerio* il Sab 15 Dic - 23:42

Quoto.
Filosoficamente parlando Peter Singer (demonio per i credenti) ti approva, e anche io.

*Valerio*
-------------
-------------

Maschile Numero di messaggi : 6950
Età : 44
Località : Bologna
Occupazione/Hobby : Pc-barbecue-divano-gnocca
SCALA DI DAWKINS :
69 / 7069 / 70

Data d'iscrizione : 15.11.08

Tornare in alto Andare in basso

Re: Obiezione di coscienza e aborto.

Messaggio Da silvio il Dom 16 Dic - 1:12

ocelot ha scritto:
Anche decretare la morte di una persona perché non la si vuole transfondere non è una cosa come un'altra eppure il medico anche se tdg non può rifiutarsi di pompare sangue nel morente.
Che la struttura ospedaliera assicuri il servizio diviene una cosa non semplice visto che oltre il 70% dei ginecologi è obiettore.

Ritengo che siano due cose diverse, nel caso della trasfusione del sangue morire dissanguati per una credenza ingiustificata sia un atto criminale, sul feto ci sono sensibilità differenti, in quanto si può considerare il feto incosciente ma pur sempre una persona cosciente in divenire, quindi può fare senso interrompere il suo sviluppo.
Certo il servizio va mantenuto efficiente e se una donna decide deve averne la possibilità, se è vero che il 70 % dei ginecologi è obiettore (ripeto non credo che siano tutti religiosi) la cosa va corretta con un questionario da compilare prima di entrare in una struttura pubblica.

avatar
silvio
-------------
-------------

Maschile Numero di messaggi : 4411
Età : 57
Località : roma
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 28.11.09

Tornare in alto Andare in basso

Re: Obiezione di coscienza e aborto.

Messaggio Da silvio il Dom 16 Dic - 1:16

Darrow ha scritto:
Poi ci interessa sapere cos'è la persona, al quale il dottore in medicina non deve deliberatamente togliere la vita.
In ambito filosofico si definisce persona un essere dotato, nella concezione moderna almeno potenzialmente, di coscienza di sé e in possesso di una propria identità.
L'embrione e il feto dalla 9^ alla 12^ settimana di gestazione hanno coscienza di sé e una propria identità? Mmmmhhh.... non saprei, sembra che la legge abbia deciso per il no. Per cui il medico abortista non sta contravvenendo al suo giuramento e quello obiettore non sta garantendo appieno il suo.

Un feto sano è una persona in divenire, eliminarlo non gli porta certo dolore, ma per molti medici con cui ho parlato, non religiosi né cattolici, la cosa gli faceva impressione e preferivano non praticare aborti, non so che dire, io stesso avrei grosse difficoltà.
avatar
silvio
-------------
-------------

Maschile Numero di messaggi : 4411
Età : 57
Località : roma
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 28.11.09

Tornare in alto Andare in basso

Re: Obiezione di coscienza e aborto.

Messaggio Da Odis89 il Dom 16 Dic - 8:57

JACK_JOHN ha scritto:Il mio discorso invece era fondamentalmente contro una ridicola idea tanto diffusa qui dentro: che la morale non ha nulla a che fare con il lavoro del medico, che l'etica non può porre dei limiti all'operato del medico.
Mah, a quanto mi risulta e a quanto posso leggere andando a rivedere i post vecchi, nessuno ha mai sostenuto una cosa del genere...

Più in particolare, il post di davide che citavi non stava affermando affatto (e la cosa mi pare anche piuttosto evidente; prego davide di correggermi in caso abbia frainteso) che nella Medicina non dovrebbero entrare morale ed etica, bensì quello che fondamentalmente ho recentemente scritto io: se la tua morale o la tua etica ti impediscono di svolgere alcune delle mansioni di una determinata occupazione, vai a fare altro. Non c'è alcuna chiamata divina od obbligo a fare proprio il ginecologo; così come per qualunque altra figura professionale, se non ce la si sente di svolgerne tutte le mansioni si può scegliere un altro lavoro, o un'altra specialità.

Darrow ha scritto:In ambito filosofico si definisce persona un essere dotato, nella concezione moderna almeno potenzialmente, di coscienza di sé e in possesso di una propria identità.
L'embrione e il feto dalla 9^ alla 12^ settimana di gestazione hanno coscienza di sé e una propria identità? Mmmmhhh.... non saprei
Se non ricordo male, tecnicamente il neonato non ha coscienza di sè fino a qualche mese dopo la nascita.

silvio ha scritto:in quanto si può considerare il feto incosciente ma pur sempre una persona cosciente in divenire,
Una persona con un tumore agli stadi iniziali la si cura per il tumore allo stadio iniziale, non la si sotterra come cadavere in divenire.

Un panino lo si mangia, non lo si getta via come letame in divenire.

Un bulletto a scuola lo si punisce come bulletto, non lo si manda in prigione per molestie come adulto in divenire.

Alla fidanzata regali un mazzo di fiori, non un sacchetto di semi.

Cose e persone si trattano normalmente per ciò che sono al momento, non per ciò che potrebbero diventare in futuro.

silvio ha scritto:se è vero che il 70 % dei ginecologi è obiettore (ripeto non credo che siano tutti religiosi) la cosa va corretta con un questionario da compilare prima di entrare in una struttura pubblica.
Temo non servirebbe: per come è strutturata la legge al momento, se non sbaglio, è possibile rivelarsi ginecologi anche solo dopo l'assunzione.
Comunque sì, un questionario prima dell'assunzione e il licenziamento degli assunti che diventino obiettori dovrebbero garantire il servizio nell'ospedale pubblico... anche se a me sembra un modo indiretto ed un po' ipocrita per vietare nei fatti l'obiezione di coscienza, senza modificarne la legislazione.

silvio ha scritto:Un feto sano è una persona in divenire, eliminarlo non gli porta certo dolore, ma per molti medici con cui ho parlato, non religiosi né cattolici, la cosa gli faceva impressione e preferivano non praticare aborti, non so che dire, io stesso avrei grosse difficoltà.
Resta sempre il fatto che nessuno costringe nessuno a diventare ginecologo... chi abbia problemi a praticare aborti può scegliere un'altra professione in un qualunque momento della sua carriera scolastica.

(Piccola nota: non è esattamente difficile poter assistere a delle interruzioni volontarie di gravidanza, nell'ambito dei tirocini normalmente previsti frequentando la facoltà di medicina)
avatar
Odis89
-------------
-------------

Maschile Numero di messaggi : 727
Occupazione/Hobby : Putrefatto
SCALA DI DAWKINS :
60 / 7060 / 70

Data d'iscrizione : 19.11.11

Tornare in alto Andare in basso

Re: Obiezione di coscienza e aborto.

Messaggio Da Rasputin il Dom 16 Dic - 9:08

silvio ha scritto:
Un feto sano è una persona in divenire, eliminarlo non gli porta certo dolore, ma per molti medici con cui ho parlato, non religiosi né cattolici, la cosa gli faceva impressione e preferivano non praticare aborti, non so che dire, io stesso avrei grosse difficoltà.

Allora vale lo stesso per gli spermatozoi. Ma c'è chi ha brillantemente risolto il problema:

http://rispostecristiane.blogspot.de/2012/10/una-ricetta-per-amore-di-gesu.html

mgreen

_________________
I always have ammo in my back pocket weherever I go (Hickok45)

Vivo solo una volta, ma come vivo io, una volta basta.

Ma cosa credi, che uno si sveglia una mattina e decide di lavorare in un carcere? Quella è gente perversa! (Vanessa Lutz)

avatar
Rasputin
..............
..............

Maschile Numero di messaggi : 50060
Età : 56
Località : Augusta vindelicorum
Occupazione/Hobby : Antinazista non praticante
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 28.10.09

Tornare in alto Andare in basso

Re: Obiezione di coscienza e aborto.

Messaggio Da Fux89 il Dom 16 Dic - 9:22

L'obiezione di coscienza per l'aborto non ha più alcun senso di esistere. L'obiezione di coscienza ha un senso se da una parte c'è un obbligo che contrasta con le proprie convinzioni etiche/morali, obbligo a cui ci si vuole sottrarre in nome di tali convinzioni. Ma fare il medico, di più, fare il ginecologo, cioè svolgere una professione che ha tra i suoi compiti, tra le altre cose, quello di garantire il diritto alla salute e all'autodeterminazione delle donne che vogliono abortire, non è un obbligo, è una scelta. Se si ritiene che i compiti richiesti da una determinata professione siano in contrasto con le proprie convinzioni etiche/morali, non si decide di svolgere tale professione per poi rifiutarsi di effettuare prestazioni da essa richieste: si sceglie un'altra professione.
L'obiezione di coscienza per l'aborto aveva un senso quando è stata introdotta la legge, non ha più alcun senso oggi. Oggi è solo un scusa utilizzata dai fondamentalisti per tentare di minare un diritto ormai acquisito dalle donne, un diritto fondamentale che ha reso un po' più civile questo paese.

Fux89
----------
----------

Maschile Numero di messaggi : 16173
SCALA DI DAWKINS :
0 / 700 / 70

Data d'iscrizione : 20.11.08

Tornare in alto Andare in basso

Re: Obiezione di coscienza e aborto.

Messaggio Da mix il Dom 16 Dic - 9:25

se due professionisti forniscono prestazioni differenti dovrebbero percepire stipendi differenti
si dovrebbe calcolare il maggior onere economico derivante dalla garanzia della prestazione di tutte le prestazioni e decurtare tale cifra dallo stipendio del 70% che non desidera occuparsi di tali prestazioni e riversarlo in quello del 30% di chi fornisce un servizio completo

ho il sospetto che tale metodo sposterebbe automaticamente gli equilibri nelle scelte degli studenti e nel giro di pochi anni risolverebbe in buona parte il problema.
avatar
mix
-------------
-------------

Maschile Numero di messaggi : 6583
Località : .
Occupazione/Hobby : .
SCALA DI DAWKINS :
0 / 700 / 70

Data d'iscrizione : 14.03.12

Tornare in alto Andare in basso

Re: Obiezione di coscienza e aborto.

Messaggio Da ocelot il Dom 16 Dic - 12:54

silvio ha scritto:
ocelot ha scritto:
Anche decretare la morte di una persona perché non la si vuole transfondere non è una cosa come un'altra eppure il medico anche se tdg non può rifiutarsi di pompare sangue nel morente.
Che la struttura ospedaliera assicuri il servizio diviene una cosa non semplice visto che oltre il 70% dei ginecologi è obiettore.
Ritengo che siano due cose diverse, nel caso della trasfusione del sangue morire dissanguati per una credenza ingiustificata sia un atto criminale
Attenzione: non ho parlato di un paziente che rifiuta la trasfusione MA di un MEDICO che si rifiuta di EFFETTUARE una trasfusione.
Se un medico tdg (o anche per sole sue seghe mentali) rifiutasse di transfondere un paziente causerebbe sì la morte di una PERSONA e tutti GIUSTAMENTE lincerebbero quel medico.
sul feto ci sono sensibilità differenti, in quanto si può considerare il feto incosciente ma pur sempre una persona cosciente in divenire, quindi può fare senso interrompere il suo sviluppo.
Certo il servizio va mantenuto efficiente e se una donna decide deve averne la possibilità, se è vero che il 70 % dei ginecologi è obiettore (ripeto non credo che siano tutti religiosi) la cosa va corretta con un questionario da compilare prima di entrare in una struttura pubblica.
Hai ragione, la religione proprio non c'entra nulla. C'entrano gli interessi personali, le prospettive di carriera e cose simili.
Qualche numero
Riguardo al questionario: la scelta di muovere obiezione di coscienza è esprimibile e revocabile in qualunque momento. Lo dice la 194/1978 art 9

Concordo perfettamente con mix circa la riduzione dello stipendio o comunque l'istituzione di limiti per chi si dichiara obiettore.

Comunque noto che quando si discute di queste cose si abbia la percezione da parte degli antiabortisti che per il medico non obiettore sia una passeggiata praticare un aborto, che si diverta quasi.
Non è così. quando si ricorre all'aborto non lo si fa mai per leggerrezza e men che meno lo si fa con gioia. Questo sia per il medico abortista sia per la donna.
avatar
ocelot
-------------
-------------

Maschile Numero di messaggi : 610
SCALA DI DAWKINS :
65 / 7065 / 70

Data d'iscrizione : 23.09.11

Tornare in alto Andare in basso

Re: Obiezione di coscienza e aborto.

Messaggio Da silvio il Dom 16 Dic - 13:08

Rasputin ha scritto:
Allora vale lo stesso per gli spermatozoi. Ma c'è chi ha brillantemente risolto il problema:

ahahahahahah
avatar
silvio
-------------
-------------

Maschile Numero di messaggi : 4411
Età : 57
Località : roma
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 28.11.09

Tornare in alto Andare in basso

Re: Obiezione di coscienza e aborto.

Messaggio Da silvio il Dom 16 Dic - 13:12

Fux89 ha scritto:
L'obiezione di coscienza per l'aborto aveva un senso quando è stata introdotta la legge, non ha più alcun senso oggi. Oggi è solo un scusa utilizzata dai fondamentalisti per tentare di minare un diritto ormai acquisito dalle donne, un diritto fondamentale che ha reso un po' più civile questo paese.

Ripeto conosco persone che nemmeno credono e non lo fanno, vuol dire che ci sono sensibilità diverse in materia, comunque ritengo giusto che chi vuole fare il ginecologo nel servizio pubblico deve dichiarare ufficialmente prima di essere assunto di essere contrario a fare aborti su feti sani, quindi se ciò va in contrasto con il servizio, va a lavorare in altro campo di intervento.
avatar
silvio
-------------
-------------

Maschile Numero di messaggi : 4411
Età : 57
Località : roma
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 28.11.09

Tornare in alto Andare in basso

Re: Obiezione di coscienza e aborto.

Messaggio Da silvio il Dom 16 Dic - 13:16

ocelot ha scritto:
Comunque noto che quando si discute di queste cose si abbia la percezione da parte degli antiabortisti che per il medico non obiettore sia una passeggiata praticare un aborto, che si diverta quasi.
Non è così. quando si ricorre all'aborto non lo si fa mai per leggerezza e men che meno lo si fa con gioia. Questo sia per il medico abortista sia per la donna.

Si concordo non è un gioco per nessuno.
avatar
silvio
-------------
-------------

Maschile Numero di messaggi : 4411
Età : 57
Località : roma
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 28.11.09

Tornare in alto Andare in basso

Re: Obiezione di coscienza e aborto.

Messaggio Da silvio il Dom 16 Dic - 13:26

Vado in OT ma sto sito è uno sballo.

http://rispostecristiane.blogspot.de/2011/10/pornografia-cristiana.html

http://rispostecristiane.blogspot.de/2011/12/ninfomani-cristiane.html
avatar
silvio
-------------
-------------

Maschile Numero di messaggi : 4411
Età : 57
Località : roma
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 28.11.09

Tornare in alto Andare in basso

Pagina 6 di 9 Precedente  1, 2, 3, 4, 5, 6, 7, 8, 9  Seguente

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto

- Argomenti simili

 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum