aborto...chi è la parte debole?

Pagina 10 di 12 Precedente  1, 2, 3 ... 9, 10, 11, 12  Seguente

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

Re: aborto...chi è la parte debole?

Messaggio Da delfi68 il Lun 6 Feb - 12:18

Cioè tu saresti il benefattore di povere moglie costrette ad avere l'amante?
Curiosità: quando l'amante se la fa l'uomo, di chi è la colpa?
A parte questo, mi pare che le due frasi qui sopra stridano un po' l'una con l'altra.

Bè avrei potuto mentire o sprassedere per non importunare qualche complessato..ma ho deciso di dire quella che è la mia esperienza.
Si..le amanti che ho avuto mi hanno sempre descritto dei mariti della minchia, anzi, ti dirò di più..il massimo rancore lo hanno provato proprio perchè costrette a cercarsi un amante..una via d'uscita che le facesse respirare un po di vita. Alle donne non piace farsi l'amante. Ma alle volte è un esigenza, e nemmeno sessuale, ma mentale..
Una donna che alla fine tradisce, odia suo marito proprio perchè costrette a fare ciò..

Vuoi qualche menzogna?..preferisci sentirti dire che sono delle troie di merda?..delle zoccole bastarde?

..mi spiace, io non posso dirlo, per questo c'è gedeone, giurista e compagnia bella..

Quando l'uomo tradisce lo fa per semplice tiratura del cazzo..un uomo è molto più meschino, se la moglie funziona male, la lascia. La donna, stronza! ,resta molto di più a farsi torturare a casa..si fa l'amante, ma spessissimo resta in casa per i figli, perchè quel mentecatto del marito finirebbe nella merda..

Poi alle volte finalmente lo molla, rischiando pure la pelle..

Ripeto, se vuoi sentire altre verità rivolgiti altrove, chiedi ai mariti traditi e mollati, non all'amante. wink..

avatar
delfi68
-------------
-------------

Maschile Numero di messaggi : 11250
SCALA DI DAWKINS :
0 / 700 / 70

Data d'iscrizione : 29.10.09

Tornare in alto Andare in basso

Re: aborto...chi è la parte debole?

Messaggio Da delfi68 il Lun 6 Feb - 12:21

Rasputin ha scritto:
gedeone ha scritto:
Quindi l'aborto non terapeutico è una opzione ultima, ovverosia senza alternative.
Invece, oggi è diventato un diritto di cui si abusa.

Premetto che concordo con quanto non ho citato, invece rispetto a quanto sopra ho una domanda (Due):

- esistono dati statistici a disposizione?

- Cosa intendi per "Abuso"?

Si sul sito dei maschi selvatici..e pure su Azione Padre..e robe del genere..

avatar
delfi68
-------------
-------------

Maschile Numero di messaggi : 11250
SCALA DI DAWKINS :
0 / 700 / 70

Data d'iscrizione : 29.10.09

Tornare in alto Andare in basso

Re: aborto...chi è la parte debole?

Messaggio Da Rasputin il Lun 6 Feb - 12:30

delfi68 ha scritto:
Bè avrei potuto mentire o sprassedere per non importunare qualche complessato..ma ho deciso di dire quella che è la mia esperienza.
Si..le amanti che ho avuto mi hanno sempre descritto dei mariti della minchia, anzi, ti dirò di più..il massimo rancore lo hanno provato proprio perchè costrette a cercarsi un amante..una via d'uscita che le facesse respirare un po di vita. Alle donne non piace farsi l'amante. Ma alle volte è un esigenza, e nemmeno sessuale, ma mentale..
Una donna che alla fine tradisce, odia suo marito proprio perchè costrette a fare ciò..

Vuoi qualche menzogna?..preferisci sentirti dire che sono delle troie di merda?..delle zoccole bastarde?

..mi spiace, io non posso dirlo, per questo c'è gedeone, giurista e compagnia bella..

Quando l'uomo tradisce lo fa per semplice tiratura del cazzo..un uomo è molto più meschino, se la moglie funziona male, la lascia. La donna, stronza! ,resta molto di più a farsi torturare a casa..si fa l'amante, ma spessissimo resta in casa per i figli, perchè quel mentecatto del marito finirebbe nella merda..

Ehm, io la so un po' diversa. Nella maggioranza dei casi la donna (A prescindere da che si faccia l'amante o meno) resta in casa perché ad uscirne chi finirebbe nella merda sarebbe lei.

Lavorare, mantenere i figli per la parte che le spetta, trovarsi casa, ecceccecc...

Ho, ed ho avuto, varie amiche (Solo amiche, ci tengo a specificare) in questo tipo di situazione, e quello che ho sempre detto loro è che non si dovrebbe mai, fin dall'inizio di un rapporto, cedere la propria indipendenza economica.

Il risultato sarebbe che se si rimane insieme lo si fa per scelta, senza il minimo condizionamento.

Quanto alle descrizioni fornite dalle tue amanti, io prima di formulare un giudizio ascolterei anche l'altra campana (Lo so, non è quasi mai possibile ma una sola non basta).

delfi68 ha scritto:Poi alle volte finalmente lo molla, rischiando pure la pelle..

Ripeto, se vuoi sentire altre verità rivolgiti altrove, chiedi ai mariti traditi e mollati, non all'amante. wink..


Non si tratta di verità, in questi come in altri casi ce ne sono tre: quello che dice l'una, quello che dice l'altro, e quello che veramente è successo.

Concludo dicendo che sotto molti aspetti tengo anch'io le donne in considerazione superiore a quella in cui tengo gli uomini; ma si tratta di differenze, non di superiorità o di inferiorità.

_________________
I always have ammo in my back pocket weherever I go (Hickok45)

Vivo solo una volta, ma come vivo io, una volta basta.

Ma cosa credi, che uno si sveglia una mattina e decide di lavorare in un carcere? Quella è gente perversa! (Vanessa Lutz)

avatar
Rasputin
..............
..............

Maschile Numero di messaggi : 49978
Età : 56
Località : Augusta vindelicorum
Occupazione/Hobby : Antinazista non praticante
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 28.10.09

Tornare in alto Andare in basso

Re: aborto...chi è la parte debole?

Messaggio Da Giurista pensatore il Lun 6 Feb - 12:51

delfi68 ha scritto:Vuoi qualche menzogna?..preferisci sentirti dire che sono delle troie di merda?..delle zoccole bastarde?

..mi spiace, io non posso dirlo, per questo c'è gedeone, giurista e compagnia bella..
Ti conferisco il titolo di doctor falsitatis per la tua recidiva disonestà. Io sono per la parità e l'eguale rispetto tra i sessi, ma a questo punto mi vedo costretto a dubitare della tua capacità di lettura ed interpretazione, visto che persisti nel definirmi, o nell'associarmi a, maschilisti che chiamano puttane tutte le donne che non si sottomettono al loro volere. Anzi, a dirla tutta, il maschilismo che tanto deprechi non è diverso dal femminismo che tanto adori, con la collocazione della Madre in ranghi semidivini che nessuno può raggiungere: sono entrambi degli stupidi ed ideologici pregiudizi legati alla presenza o meno di un'appendice tra le gambe, laddove il valore di una persona si misura unicamente dal suo comportamento effettivo. Perciò, a conti fatti, i tuoi paragoni del cazzo applicali a te stesso, ruotati di 180°, e finiscila di seccarmi con le tue insulse, fallaci e false ricostruzioni delle mie opinioni.

delfi68 ha scritto:Quando l'uomo tradisce lo fa per semplice tiratura del cazzo..un uomo è molto più meschino, se la moglie funziona male, la lascia. La donna, stronza! ,resta molto di più a farsi torturare a casa..si fa l'amante, ma spessissimo resta in casa per i figli, perchè quel mentecatto del marito finirebbe nella merda..
Mamma mia, quanti paraocchi. In virtù di quale scienza superiore affermi con tale nettezza ciò che gli "uomini" (3,5 miliardi ca.) e le "donne" (3,5 miliardi ca.) fanno o non fanno? Qualche stereotipo in meno e qualche riscontro sociologico obiettivo in più no, eh?

Giurista pensatore
-------------
-------------

Numero di messaggi : 374
SCALA DI DAWKINS :
0 / 700 / 70

Data d'iscrizione : 22.05.11

Tornare in alto Andare in basso

Re: aborto...chi è la parte debole?

Messaggio Da delfi68 il Lun 6 Feb - 12:54

Ehm, io la so un po' diversa.

Ecco..ognuno di noi ha le sue esperienze in merito..tutto ciò che ne consegue lascia un po il tempo che trova.

Quindi c'è gente che sa studiare le statistiche, i casi, le disgrazie giudiziarie..e ha formulato una legge che tende a proteggere la donna rispetto all'uomo, quindi evidentemente ci sarà un buon motivo.

Eppoi, in un italia prona al vaticano e ai fascisti, se siamo riusciti ad avere una legislazione protettiva verso la donna, forse è perchè le cose, veramente e provatamente stanno in un certo modo, e non è il modo dei gedeoni..

Proviamo a immaginare una legislazione diversa. La donna diventerebbe ostaggio dell'uomo, un utero in condivisione, se non in ceduta proprietà. Sarebbe ricondotta a seguire il marito e all'obbedienza. Come era più o meno prima delle riforme di emancipazione degli ani 60 e 70..


I diritti che hanno oggi, se li sono sudati e guadagnati, contro un esercito di maschilisti ignoranti e fasciovaticani. Adesso qualcuno, fuori dal tempo, dice che quei diritti sono un esagerazione?? ..bene, faccia le sue lotte, rialziamo le barricate, e chi vince comanda..
avatar
delfi68
-------------
-------------

Maschile Numero di messaggi : 11250
SCALA DI DAWKINS :
0 / 700 / 70

Data d'iscrizione : 29.10.09

Tornare in alto Andare in basso

Re: aborto...chi è la parte debole?

Messaggio Da delfi68 il Lun 6 Feb - 13:03

Ti conferisco il titolo di doctor falsitatis per la tua recidiva disonestà.


Capisco che ti infastidica la mia semplicità. Ma la mia semplicità è come un'antivirus avverso i chiaccheroni, tendo ad arrivare in fretta al succo delle questioni senza farmi troppo abbindolare dagli orpelli e dai vezzi..

C'era un tizio che disse: tutto quello che si può dire, lo si può dire in tre parole..
Io delle tue solfe leggo sempre e solo le tre parole che contano..il contorno e la manfrine non mi interessano.

hai esordito appoggiando le tesi di gedeone, per rigirarle in cento polpette e fritture passate in mille salse..ma stringi, stringi, davi ragione a gedeone..ora di che ti incazzi?
Ti incazzi perchè non mi bevo tutte le chiacchere a contorno dei pochi concetti che esprimi?

ecco un esempio..

Anzi, a dirla tutta, il maschilismo che tanto deprechi non è diverso dal femminismo che tanto adori, con la collocazione della Madre in ranghi semidivini che nessuno può raggiungere

Tra un mare di chiacchere e giravolte una cosa chiara l'hai detta..la tua posizione.

Perchè ti arrabbi se uno le contesta?

E ancora..
Mamma mia, quanti paraocchi. In virtù di quale scienza superiore affermi con tale nettezza ciò che gli "uomini" (3,5 miliardi ca.) e le "donne" (3,5 miliardi ca.) fanno o non fanno? Qualche stereotipo in meno e qualche riscontro sociologico obiettivo in più no, eh?
Perchè scrivi della roba del genere quando ho premesso che sto solo narrando la mia verità, la mia esperienza?
Lo vedi che ti sale il sangue agli occhi e non capisci più un cazzo?? ..quale scienza?..quali paraocchi? ..non mi sono seduto in cattedra ma ho dichiarato subito che questa è la tesi che potete sentire da me, a seguito della mia personale esperienza.

Stai sempre e solo insultando..mah..ma è cosi che pensi di fare il giurista?? ..guarda che ti arrestano in aula..
Per fare il chiaccherone, o l'avvocato, bisogna avere il sangue freddo..mica puoi sbroccare appena ti pizzicano il culo..

..ti si scoprono le carte, te lo sputtano in faccia e ti arrabbi..oibò..che tipo..
avatar
delfi68
-------------
-------------

Maschile Numero di messaggi : 11250
SCALA DI DAWKINS :
0 / 700 / 70

Data d'iscrizione : 29.10.09

Tornare in alto Andare in basso

Re: aborto...chi è la parte debole?

Messaggio Da Fux89 il Lun 6 Feb - 13:23


Fux89
----------
----------

Maschile Numero di messaggi : 16173
SCALA DI DAWKINS :
0 / 700 / 70

Data d'iscrizione : 20.11.08

Tornare in alto Andare in basso

Re: aborto...chi è la parte debole?

Messaggio Da sognista il Lun 6 Feb - 14:03

La discussione mi intrippa... Continuo anche io in grandioso OT...

Personalmente non ho mai notato differenze tra uomini e donne.
Tendenze statistiche sì, certo, ma meccanismi mentali identici.

La maggior parte degli esseri umani da 2 anni a circa 80 hanno desideri sessuali.
Tutti gli esseri umani sempre hanno desiderio di amare e essere amati.

L'innamoramento di coppia si fonda sul fragile connubio tra desiderio sessuale e affetto. Però questi desideri seguono funzionamenti diversi: il desiderio sessuale è attratto dalla conquista (anche per le donne), dalla fantasia (anche per le donne), dall'avventura (anche per le donne). Mentre l'affetto aumenta di intensità con la condivisione di vita, diventando affezionamento, e con lo scambio vicendevole, come la gratiduine, la dipendenza, l'empatia... Più ci si ama più ci si ama.
Quindi nel tempo, se c'è affinità e capacità di dare reciproca, si è sempre più uniti, mentre il desiderio sessuale, con il tempo, può esaurire la fantasia e la varietà all'interno della coppia, sempre dipendenndo dalle persone.

Non è COLPA proprio di nessuno, secondo me, se c'è un tradimento. Gli esseri umani sono naturalmente egoisti, siamo costruiti per soddisfare le nostre esigenze... Amare dei figli è un'esigenza NATURALE come scopare!!! Non è una una cosa 'santa' e spirituale, mentre l'altra un deprecabile quanto inevitabile cedimento all'animalità da tollerare perché nasciamo nel 'peccato'... (Credo che molti di voi saranno perfettamente daccordo su questo...)

Ciò che io giudico 'immorale' è l'inganno e la violenza. Ingannare significa in fondo imporre la propria volontà, quindi è una forma più sottile di violenza, di coercizione. Beh, in realtà anche la seduzione è una forma di 'violenza', come la persuasione pubblicitaria, e infatti siamo tutti un po' violenti... Tutti tendiamo a manipolare gli altri per soddisfare le noste esigenze... O quelle di chi amiamo!!!
DIciamo che una TREGUA tra esseri viventi è un patto per cui si abbassa il livello di violenza da ambo le parti:

Io e Gemma abbiamo deciso (e sperimentato) di tollerare avventure extraconiugali in linea di principio, più che altro proprio per mettere le mani avanti e non avere l'ansia che se dovesse capitare 'davvero' ci spezzi, insomma abbiamo volontariamente scopato io con due e lei con due, dopo averne parlato a lungo, aver deciso che non erano soggetti 'pericolosi' e naturalmente senza illudere gli stessi, e tutto andò meravigliosamente bene, rendendoci miracolosamente (il rischio c'è sempre) più uniti di prima, sappiamo di poter dirci tutto e che una scopata non è di per sé pericolosa.

A me è capitato di avere, invece, delle 'tentazioni' extraconiugali, cioé di essere attratto da una donna che però percepivo essere 'pericolosa', cioé che mi attraeva sia sessualmente che nell'animo (una mia amica). Finché ho sentito questo, ho DECISO di non creare le situazioni di rischio per CURARE (Come una piantina) il mio amore con Gemma.

Delfi... Tu parli da seduttore, per questo sei molto cortese con le donne nel tuo stesso discorso che stai facendo qui... Ti è connaturale metterle su un piedistallo, altrimenti che seduttore saresti? Ti poni dalla parte delle tradenti perché ovviamente, se sei l'amante, è più facile considerarti un 'salvatore' di una vittima del marito incapace, freddo, violento... In fondo è il tuo rivale (sconfitto in partenza, ma pur sempre quello a cui tu e la tua amante la fate sotto il naso, quindi se non gli dessi la colpa dovresti provare dispiacere per lui e quindi sentirti in colpa... più facile dargli la colpa!)

Però in molti casi io sto dalla tua parte:
- molte donne trovano in realtà un perfetto e meraviglioso equilibrio coltivando affetto con il marito e concedendosi avventure erotiche. Devono mentire, ma poi 'compensano' il marito di farlo becco. Lo trovo saggio, c'è equilibrio, in fondo è vero: lui non sa quindi non soffre, quindi lei non fa del male proprio a nessuno! Ottimo!
In tal caso, tu... sei POSITIVO alla coppia!!! Dai passione a una donna, permettendole di non sacrificarsi per una relazione di coppia che comunque lei desidera e che la soddisfa su altri piani. Sei funzionale a lei, al marito e alla coppia!!!! Fai del bene... hahaaha!!!!!!

- Altre volte la donna soffre nella coppia ma per tanti motivi, come tu dici, non ha il coraggio di mollare. Ma perché credi che questo non succeda anche agli uomini? Su questo, Giurista pensatore ha ragione: tu prendi dei casi di tendenze statistiche magari diffuse o frequenti e le universalizzi, 'eliminando' le eccezioni... Magari in molte culture le donne sono più EDUCATE a essere 'brave' rispettose, 'servili' e gli uomini invece coraggiosi, razionali... Ma non mi dire che non conosci almeno un amico che si è trovato nello stesso frangente: che era infelice con una donna, tuttavia, per scrupoli, pena, affetto, figli coinvolti, ha tentato di reggere nel rapporto molto oltre a quello che era ciò che avrebbe desiderato a prescindere dalla sua 'coscienza'...
In ogn icaso, se tu seduci (o vieni sedotto!) da una donna in crisi di coppia e indecisa, beh... ovviamente sei un catalizzatore che forza la situazione. Che sia meglio o sia peggio non lo so, in ogni caso sei il prodotto del desiderio della donna, quindi la scelta in realtà è stata la sua. e così la responsabilità. Tu sei uno strumento anche in questo caso, anche se l'esito è incerto.

Diverso è il caso, ma magari non il tuo, di quando un uomo o una donna usano le arti magiche della seduzione per conquistare una persona che NON VUOLE avventure: Iago, nell'Otello, riesce a ditruggere la relazione di Otello con Giocasta (Perchè Otello è un coglione ma va beh) ma io LO GIUDICO MORALMENTE: Iago compie una malvagità, perché usa la menzogna. Quindi il seduttore o la seduttrice che 'forza' la volontà di una persona, sta facendo qualcosa di egoistico, rubando qualcosa. E' un ladro: offre menzogne in cambio di quello che desidera. Non mi piace. Io cerco di non farlo mai.

@ Gedeone: scusa se te lo dico, ma Gedeone, guarda credimi: fare un aborto per una donna è SEMPRE una sofferenza!!!!
Pensare che se ne aubi usandolo come contraccettivo è veramente una MENZOGNA che ti è stata rifilata da un pulpito che ha tentato di convincertene per giustificare l'attacco a questa libertà... Attacco che, se tu ti rendessi conto essere NON GIUSTIFICATO perché l'aborto non è MAI usato come contraccezione, ti porterebbe ad essere molto più critico! Quindi credo che tu sia vittima di un astuto raggiro sociale molto potente e pervasivo.

Fino all'800 le prostitute ricorrevano all'aborto contraccettivo perché non esisteva la pillola e i clienti ovviamente rifiutavano quei primi profilattici rudimentali fatti di budella, o comunque di gomma spessa come una muta subaquea...

Oggi questo non avviene MAI, per il semplice motivo che è un'operazione dolorosa, costosa e non esente da complicazioni.

Diverso il discorso della RU. Ma anche in questo caso: credimi, se una donna ricorre alla RU è INVOLONTARIAMENTE, perché prendere ogni giorno una piccola dose di ormoni è mooooooooolto meno sgradevole che pigliare la RU, che ti fa cagare e vomitare per due giorni, nausea, debolezza, ore perse al P.s... Assurdo: la pillola è molto più comoda!

Quindi credimi: la lotta contro l'aborto non giustifica MAI il rendere più difficile accedere all'aborto... Questo nasce solo da una lotta CONTRO LA LIBERTA' DELLA DONNA.
La lotta all'aborto, la lotta GIUSTA, ETICA, passa SEMPRE attraverso l'educazione alla contraccezione.
Nessuno vuole gli aborti!!! Né i religiosi, né le donne, né gli amanti, né i mariti, nè i contribuenti... E' come un incidente stradale. Ma non lo si combatte... EVITANDO DI SOCCORRERE chi è vittima di un incidente, ma EDUCANDO A GUIDARE LA SESSUALITA'.

Oh lè! ... oggi ho pontificato haahahahahaha!!!!
avatar
sognista
-------------
-------------

Maschile Numero di messaggi : 218
Età : 46
Località : Gran Canaria
Occupazione/Hobby : web designer
SCALA DI DAWKINS :
60 / 7060 / 70

Data d'iscrizione : 08.05.10

http://www.yuriradaelli.it

Tornare in alto Andare in basso

Re: aborto...chi è la parte debole?

Messaggio Da davide il Lun 6 Feb - 14:40

Vedi Rasp? A me non costa darti dei verdi quando penso che li meriti wink..

Sempre mio anche il rosso per delfi.

davide
-------------
-------------

Maschile Numero di messaggi : 11205
SCALA DI DAWKINS :
0 / 700 / 70

Data d'iscrizione : 14.11.08

Tornare in alto Andare in basso

Re: aborto...chi è la parte debole?

Messaggio Da Giurista pensatore il Lun 6 Feb - 14:45

delfi68 ha scritto:Capisco che ti infastidica la mia semplicità. Ma la mia semplicità è come un'antivirus avverso i chiaccheroni, tendo ad arrivare in fretta al succo delle questioni senza farmi troppo abbindolare dagli orpelli e dai vezzi..
La tua semplicità non mi frega niente. Mi infastidisce la falsità sistematica con cui ricostruisci il mio pensiero, infarcendolo di omini di paglia ad ogni punto e a capo. Se sei capace di intendere e di riportare onestamente la mia posizione, sono più che lieto di dibattere con te, se invece devi sovvertirla per farmi apparire un maschilista schifoso, facendo allusioni, paragoni o commenti che non stanno né in cielo né in terra, allora sei un fanatico che demonizza l'avversario e non puoi lamentarti se l'avversario s'incazza e ti manda a quel paese.

delfi68 ha scritto:C'era un tizio che disse: tutto quello che si può dire, lo si può dire in tre parole..
Io delle tue solfe leggo sempre e solo le tre parole che contano..il contorno e la manfrine non mi interessano.
Mi piace quest'apologia della giustizia sommaria, che pretende di ridurre la complessità e le sfumature della realtà all'alternativa: o con me, o contro di me. Ti faccio notare che questo approccio massimalista non è diverso da quello dei fanatici religiosi: o con Dio, o col diavolo, o sì sì, o no no. Mi spiace, la mia testa non funziona a codici binari.

delfi68 ha scritto:hai esordito appoggiando le tesi di gedeone, per rigirarle in cento polpette e fritture passate in mille salse..ma stringi, stringi, davi ragione a gedeone..ora di che ti incazzi?
Ti incazzi perchè non mi bevo tutte le chiacchere a contorno dei pochi concetti che esprimi?
Cosa farnetichi? Io non ho mai difeso le tesi di Gedeone. Ho sempre detto, e lo ripeto, che uomini e donne si giudicano dai fatti, non dal sesso, e che la tua tesi che i padri sono ineluttabilmente inferiori alle Madri è ridicola, qualunquista e stereotipata. Cosa non ti è chiaro di questo discorso? Limpido, franco e diretto, come piace a te.

delfi68 ha scritto:
Anzi, a dirla tutta, il maschilismo che tanto deprechi non è diverso dal femminismo che tanto adori, con la collocazione della Madre in ranghi semidivini che nessuno può raggiungere

Tra un mare di chiacchere e giravolte una cosa chiara l'hai detta..la tua posizione.
La mia posizione è che i fanatismi sessisti sono sbagliati sia che parteggi per l'uomo, sia che parteggi per la donna. Ripeto, dire che la Madre è una specie di divinità inarrivabile per i padri, per quanto amorevoli, significa giudicare in base alla presenza o meno di un cazzo tra le gambe ed è stupido tanto quanto affermare che il ruolo della donna, per diritto naturale, è di stare a casa ad accudire i figli, mentre il maschio lavora. Conosci il principio di eguaglianza? Ecco, quella è la mia posizione. Il resto sono sofismi inventati da Delfi68 per infangarmi e mettermi in bocca idee mai espresse né pensate.

delfi68 ha scritto:Perchè ti arrabbi se uno le contesta?
Perché contesti posizioni da me mai sostenute, girandole come ti fa comodo per farmi apparire chissà qualche maschio immondo di periferia che tratta le donne come puttane. Qua le cose sono due: o proprio non ci arrivi, o sei in malafede, visto che te lo sto ripetendo per l'ennesima volta.

delfi68 ha scritto:E ancora..
Mamma mia, quanti paraocchi. In virtù di quale scienza superiore affermi con tale nettezza ciò che gli "uomini" (3,5 miliardi ca.) e le "donne" (3,5 miliardi ca.) fanno o non fanno? Qualche stereotipo in meno e qualche riscontro sociologico obiettivo in più no, eh?
Perchè scrivi della roba del genere quando ho premesso che sto solo narrando la mia verità, la mia esperienza?
Lo vedi che ti sale il sangue agli occhi e non capisci più un cazzo?? ..quale scienza?..quali paraocchi? ..non mi sono seduto in cattedra ma ho dichiarato subito che questa è la tesi che potete sentire da me, a seguito della mia personale esperienza.

Stai sempre e solo insultando..mah..ma è cosi che pensi di fare il giurista?? ..guarda che ti arrestano in aula..
Per fare il chiaccherone, o l'avvocato, bisogna avere il sangue freddo..mica puoi sbroccare appena ti pizzicano il culo..è
Interessante. Io, solo perché oso mettere in discussione le tue partizioni manichee tra buoni e cattivi, tra maschi che tradiscono per tirata di cazzo e povere donne bistrattate che sopportano sempre, che è solo qualunquismo sessista, sto insultandoti, mentre tu hai tutto il diritto di dipingermi come una specie di mostro medievale che usa le donne come bambole gonfiabili. A questo punto, la tua malafede è palese. Non c'entra niente la pizzicata di culo, c'entrano le calunnie e le volutamente false ricostruzioni del mio pensiero. Senza contare che non sta a te insegnarmi la mia professione, ché non sei né mio padre, né il mio capufficio né una persona rivestita della benché minima autorità per fare insinuazioni sulla qualità del mio lavoro, che oltretutto non conosci affatto. Insomma, arroganza da tutti i pori. Quando la pianterai, sarà cosa buona e giusta.

Giurista pensatore
-------------
-------------

Numero di messaggi : 374
SCALA DI DAWKINS :
0 / 700 / 70

Data d'iscrizione : 22.05.11

Tornare in alto Andare in basso

Re: aborto...chi è la parte debole?

Messaggio Da delfi68 il Lun 6 Feb - 14:46

no problem Davide..quando uno è di parte è di parte..non c'è che dire.. ok
Non mancherò di ricambiarti la cortesia alla primissima occasione..


Ultima modifica di delfi68 il Lun 6 Feb - 14:59, modificato 1 volta
avatar
delfi68
-------------
-------------

Maschile Numero di messaggi : 11250
SCALA DI DAWKINS :
0 / 700 / 70

Data d'iscrizione : 29.10.09

Tornare in alto Andare in basso

Re: aborto...chi è la parte debole?

Messaggio Da delfi68 il Lun 6 Feb - 14:54

..no giurista..io ho espresso una mia visione, tu ne hai un'altra e poi mi hai fatto bersaglio di una selva di insulti da richiamo ufficiale..

Ma si sa, delfi ha le spalle larghe..sia che lo insultano velatamente o sfacciatamente ha sempre ragione l'altro.

Quando mi insultano velatamente, sono io che non so stare al gioco dialettico.
Quando mi insultano apertamente fa parte dei giochi..

Insomma si delinea pure qui la sottotraccia dei radical chic che si divertono a tenere i delfi come scimiette al circo..

Appena spunta l'intellettuale occhialuto, che spara si minchiate, ma viene riconosciuto come elemento interno al gruppo tutto va bene..i rossi si danno a delfi.

Se avessi insultato io, quel farlocco che si atteggia ad avvocato del foro, con dizioni da pico de paperis, assolutamente ridicole in un contesto come questo, scommetto avrei già subito il richiamo ufficale..

Davide ma li leggi i post oppure hai già deciso?? ..io ho innescato si una contesa dibattimentale, ma insulti a viso aperto, gratuiti e inutili chi li ha lanciati? ..se l'avessi fatto io cosa sarebbe accaduto??

oj oj..mi sa tanto che qui siamo caduti dalla padella alla brace..
avatar
delfi68
-------------
-------------

Maschile Numero di messaggi : 11250
SCALA DI DAWKINS :
0 / 700 / 70

Data d'iscrizione : 29.10.09

Tornare in alto Andare in basso

Re: aborto...chi è la parte debole?

Messaggio Da delfi68 il Lun 6 Feb - 14:58

Ultima nota.

Giurista..sospendo ogni dibattito con te, sennò qui finisce come con elena di la(perchè è chiaro che sarai il nuovo prossimo moderatore di questo forum)..poi mi rompo il cazzo di prendere insulti e comincio a scassare i piatti e poi gli tocca bannarmi, per poi trovarsi un'altro fantoccio tra i proletari e comunisti con cui fregiarsi di normalità..

Una storia già vista..
avatar
delfi68
-------------
-------------

Maschile Numero di messaggi : 11250
SCALA DI DAWKINS :
0 / 700 / 70

Data d'iscrizione : 29.10.09

Tornare in alto Andare in basso

Re: aborto...chi è la parte debole?

Messaggio Da Fux89 il Lun 6 Feb - 15:45

Delfi, mi pare che tu stia un po' esagerando. A me non sembra di aver visto alcun insulto meritevole di sanzione da parte di Giurista nei tuoi confronti. È anche possibile che mi sia sfuggito, nel qual caso non hai che da indicare (in privato) il post e la frase incriminati a me o a uno dei colleghi, o, ancora meglio, utilizzare l'apposito pulsante di segnalazione, il cui funzionamento è spiegato qui.

Ora, per favore, cerchiamo di abbassare i toni.

Fux89
----------
----------

Maschile Numero di messaggi : 16173
SCALA DI DAWKINS :
0 / 700 / 70

Data d'iscrizione : 20.11.08

Tornare in alto Andare in basso

Re: aborto...chi è la parte debole?

Messaggio Da delfi68 il Lun 6 Feb - 16:14

da qui in poi è stata una sequela..

http://atei.forumitalian.com/t868p160-abortochi-e-la-parte-debole#112556

Ma sono vecchio di forum per non capire al volo le dinamiche di certe prese di posizione..

Meglio se prendo il largo per un po va... wink..
avatar
delfi68
-------------
-------------

Maschile Numero di messaggi : 11250
SCALA DI DAWKINS :
0 / 700 / 70

Data d'iscrizione : 29.10.09

Tornare in alto Andare in basso

Re: aborto...chi è la parte debole?

Messaggio Da Giurista pensatore il Lun 6 Feb - 16:35

delfi68 ha scritto:..no giurista..io ho espresso una mia visione, tu ne hai un'altra e poi mi hai fatto bersaglio di una selva di insulti da richiamo ufficiale..
Ricostruzione errata. Tu hai esposto la tua visione, io ho replicato e tu mi hai bersagliato di illazioni calunniose del tipo "Ahh..ecco che salta fuori il maschio naturale numero 2...", "Una figura, quella che descrivo, che innervosisce sopratutto chi vi si riconosce" o "Purtroppo alcuni iniziano a scartare l'ipotesi di dio, ma non ha rinunciare ai ruoli sessisti, io maschio, tu jane, tu cita..certo che l'eleganza e la padronanza linguistica dei giuristi pensatori rende più complessa la cosa, ma chi vuol capire capisce lo stesso, anche da dietro la cortina fumogena degli arzigogoli dialettici..". A quel punto ti ho mandato a fanculo, perché il mio onore e la mia immagine non sono a disposizione del primo Delfi che passa ed il rispetto, prima di pretenderlo, devi darlo. Mi hai insultato immotivatamente per primo ed io ho reagito, perfettamente in linea con l'art. 599 c.p., secondo il quale i fatti di ingiuria e diffamazione non sono punibili se commessi nello stato d'ira derivante da un fatto ingiusto altrui e subito dopo di esso. Sicuramente dirai: "Che cazzo c'entra ora il codice penale?". C'entra eccome. L'educazione, la cortesia e la buona creanza, per quanto auspicabili, non sono obbligatorie e non posso pretenderle, mentre il diritto penale vale dappertutto, nei forum come al bar, ed io posso avvalermi, per ritorsione verso le tue calunnie diffamatorie, dei mezzi di difesa che la legge mi offre. L'alternativa era uno screenshot del tuo post e una conseguente querela dinanzi al giudice di pace, ma ho sufficiente buonsenso per non sovraccaricare la giustizia italiana per reati bagatellari commessi su un forum, specialmente quando la legge mi permette di tutelarmi da solo con una risposta piccata. In sintesi, hai poco da lamentarti. Rispetta e sarai rispettato, insulta e sarai mandato a quel paese in malo modo.

delfi68 ha scritto:Ma si sa, delfi ha le spalle larghe..sia che lo insultano velatamente o sfacciatamente ha sempre ragione l'altro.

Quando mi insultano velatamente, sono io che non so stare al gioco dialettico.
Quando mi insultano apertamente fa parte dei giochi..

Insomma si delinea pure qui la sottotraccia dei radical chic che si divertono a tenere i delfi come scimiette al circo..
Quali radical chic? Quali scimmiette al circo? Di cosa blateri?

delfi68 ha scritto:Appena spunta l'intellettuale occhialuto, che spara si minchiate, ma viene riconosciuto come elemento interno al gruppo tutto va bene..i rossi si danno a delfi.

Se avessi insultato io, quel farlocco che si atteggia ad avvocato del foro, con dizioni da pico de paperis, assolutamente ridicole in un contesto come questo, scommetto avrei già subito il richiamo ufficale..
I tuoi complessi di inferiorità verso il forum non m'interessano, però è davvero deprecabile che tu continui ad ingiuriarmi deliberatamente. Per tua norma e regola, io non sono un farlocco che si atteggia a principe del foro, sono una persona umana che, come tutti, esercita la libertà di espressione nei modi e cogli stili che ritiene più efficaci e più congeniali. Se non ti sta bene, il dottore non ti ha ordinato di leggere per forza i miei messaggi, perciò gira pure al largo, nessuno te lo impedisce. Se, però, accetti di confrontarti con me, non puoi pretendere che le tue regole stilistiche siano il vangelo universale ed insultarmi quando oso non obbedire prontamente ai rimproveri di Sua Maestà Delfi68 circa il linguaggio da usare qui dentro. Scendi dal trono infiocchettato, bello mio, ed impara il rispetto del prossimo, della sua libertà e delle regole della civile convivenza. Contesta il merito, non aggredire l'interlocutore.

delfi68 ha scritto:Davide ma li leggi i post oppure hai già deciso?? ..io ho innescato si una contesa dibattimentale, ma insulti a viso aperto, gratuiti e inutili chi li ha lanciati? ..se l'avessi fatto io cosa sarebbe accaduto??

oj oj..mi sa tanto che qui siamo caduti dalla padella alla brace..
Tu li hai lanciati, e si è trattato di insinuazioni squallide. Tu non conosci il mio carattere, la mia vita sentimentale, i miei trascorsi personali e professionali, non sai nulla di me, eppure ti ergi ad inquisitore medievale che ha già pronta la sentenza d'eresia contro il maschilista di merda Giurista pensatore, solo perché quell'infido plebeo Giurista pensatore ha osato dissentire dalla tua Madre semidivina. Con queste premesse, era inevitabile che ti mandassi al diavolo: non sono Gesù, io, e non porgo altre guance agli insolenti pertinaci e recidivi, mettitelo bene in testa.

Detto questo, visto che mi reputi un maschilista putrido d'altri tempi, sarò lieto di fare a meno di conversare con te. La mia vita continuerà egualmente serena e tu sarai libero dal presunto maschio rozzo e zotico che ti angoscia.

Giurista pensatore
-------------
-------------

Numero di messaggi : 374
SCALA DI DAWKINS :
0 / 700 / 70

Data d'iscrizione : 22.05.11

Tornare in alto Andare in basso

Re: aborto...chi è la parte debole?

Messaggio Da delfi68 il Lun 6 Feb - 16:44

Insomma i tuoi sono argomenti, i miei attacchi personali..

mah..

Io stavo discutendo con Gedeone, tu ti sei intromesso dichiarando la tua posizione, io ne ho preso atto è ti ho introdotto nella discussione. Alchè sei partito ad insultare!!

Insomma le tue sono idee, sebbene contestavano la mia personalissima visione delle cose, io ho contestato la tua di visione, ovviamente coinvolgendo te, come tu hai coinvolto me..e tu sei partito con insulti e promesse di bastonatura..

Insomma la regola è: in un caso o nell'altro delfi ha torto. Se contesto l'idea espressa e fa una considerazione sull'espressore, COSA CHE SI FA SEMPRE, delfi ha torto..perchè? perchè è cosi.

Ma voglio vedere fossi stato ad averti dato del minchione, cazzarone e ti avessi prospettato una bastonatura..

ma va..va..

Guarda che comunque non mi scandalizo..alla fine quando un intellettuale e un popolano finiscono a pesci in faccia, non è certo, in questi ambienti, il popolano ad ottenere giustizia..

Io so già come va a finire sta storia se andiamo avanti..



Ultima modifica di delfi68 il Lun 6 Feb - 16:54, modificato 1 volta
avatar
delfi68
-------------
-------------

Maschile Numero di messaggi : 11250
SCALA DI DAWKINS :
0 / 700 / 70

Data d'iscrizione : 29.10.09

Tornare in alto Andare in basso

Re: aborto...chi è la parte debole?

Messaggio Da delfi68 il Lun 6 Feb - 16:51

però è davvero deprecabile che tu continui ad ingiuriarmi deliberatamente.

Ancora!!!! ..sono dieci post che mi chiami bugiardo, mentitore, menzognero e via dicendo..mi hai pure dato una laurea da falsario..

Mavaffanculo..hai esposto i tuoi pensieri, io ho detto la mia, cioè che mi sembrano espressione di un maschilista (a torto o a ragione) e ancora continui a insultare.

Come se uno inneggia ai lager nazisti e io gli do del nazista..quello si incazza e dice che la butto sul personale e si offende se gli do del nazista!!

oohh.. ma a che gioco giochiamo?? se uno si espone in un modo non può pure pretendere che uno non lo chiami con il suo nome!

..mi sono sbagliato?..si? ..e allora perchè non hai contestato le mie obiezioni?? ..sulla frase di gedeone hai glissato, sull'appunto alla frase estrapolata dal tuo post pure..
Hai esposto concetti e modi da misogino, io ti do del misogino, e tu invece di dimostrarmi che non è vero ti incazzi perchè t'ho chiamato misogino.

Poi la moderazione ti da pure ragione..machecazz..maddai..

Alla fine sempre la solita storia, qui in rete sembra che nessuno sia grado di fare il moderatore senza perdere l'equilibrio e l'obiettività..cane con cane, gatto con gatto e via cosi..

Se uno esprime idee naziste e uno gli do nel nazista cosa fate?? sanzionate me perchè non si può chiamare uno con il suo nome??
avatar
delfi68
-------------
-------------

Maschile Numero di messaggi : 11250
SCALA DI DAWKINS :
0 / 700 / 70

Data d'iscrizione : 29.10.09

Tornare in alto Andare in basso

Re: aborto...chi è la parte debole?

Messaggio Da delfi68 il Lun 6 Feb - 17:00

si è trattato di insinuazioni squallide. Tu non conosci il mio carattere, la mia vita sentimentale, i miei trascorsi personali e professionali,


E' squallido che hai quotato questa frase:

Sei una donna, e come tutte le donne, perdipiù bella, certamente apprezzi i complimenti di un uomo

Io ho solo argomentato che questa è una frase da maschilista e misogino, che crede che le donne siano l'oggetto d'azione dell'uomo..tutto li, e chi si rifà a una ideologia del genere è un misogino.

Ti vergogni di questa mia analisi?? ..ti sei sentito svergognato?? che cosa posso farci, sei tu ad aver quotato la frase di gedeone, e non me ne hai mai dato conto di fronte alle mie contestazioni...

hai frainteso tu, oppure io?? può essere, ma resta il fatto che sei esploso come una bomba riempiendo i post di insulti e iniziative di bastonatura..il primo te l'ho fatto passare con ironia, poi però basta..
Alla fine però sono intervenuti i moderatori a darti pure ragione, (evidentemente promettere e auspicare le botte a un utente è una prassi lecita qui dentro..) cosa vuoi di più?? ..che ti pago pure l'onorario, visto che giochi a fare l'avvocato? ..che ti faccio un pompino..non so dimmi tu??
avatar
delfi68
-------------
-------------

Maschile Numero di messaggi : 11250
SCALA DI DAWKINS :
0 / 700 / 70

Data d'iscrizione : 29.10.09

Tornare in alto Andare in basso

Re: aborto...chi è la parte debole?

Messaggio Da loonar il Lun 6 Feb - 17:17

Non ho letto tutto il thread, da quest'ultimo post non ho capito bene che piega ha preso.
Ma riguardo questa frase:
Sei una donna, e come tutte le donne, perdipiù bella, certamente apprezzi i complimenti di un uomo

Io penso che i complimenti li apprezzino sia gli uomini che le donne. Mi piace fare apprezzamenti positivi alle donne e non mi sento per nulla misogino.

loonar
----------
----------

Maschile Numero di messaggi : 17394
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 10.03.11

Tornare in alto Andare in basso

Re: aborto...chi è la parte debole?

Messaggio Da delfi68 il Lun 6 Feb - 17:26

..si, siamo d'accordo, sempre che non sia una frase assoluta, ossia una donna in quanto tale accetta i complimenti di un uomo.

Mi piace fare apprezzamenti positivi alle donne e non mi sento per nulla misogino.
Ma lo saresti se ritieni che la donna che li riceve, IN QUANTO DONNA, ha solo e certamente piacere a ricevere il complimento, poichè tu sei uomo.

Ci sono donne che non se ne fregano un cazzo dei complimenti in generale, e li odiano se fatti da "certi" uomini. Il sorisino di circostanza non significa sempre aver apprezzato..alcune dentro di se pensano "mavaffanculo.." perchè non sei il suo tipo, oppure perchè la situazione è sbagliata, c'ha i cazzi suoi o altre mille ragioni..

Non è il semplice essere donna, e bella, che mette automaticamente in moto il meccanismo Uomo-complimento-donna-ammiccamento ebete...

Ci sono donne che non apprezzano! Ci sono donne che non apprezzano da certi uomini, ci sono donne anche non belle, ma che potrebbero avere molto più valore sociale e familiare di una bella..eccetera eccetera..

Insomma, la frase sucitata, in un contesto di discussione del genere è una frase inaccettabile.
Al bar è una cosa, detta di fretta pure..ma all'interno di una discussione che esamina le dinamiche sessiste no. Ci sono delle finezze da analizzare e che caratterizzano chi si fregia di una simile frase in un simile contesto..
avatar
delfi68
-------------
-------------

Maschile Numero di messaggi : 11250
SCALA DI DAWKINS :
0 / 700 / 70

Data d'iscrizione : 29.10.09

Tornare in alto Andare in basso

Re: aborto...chi è la parte debole?

Messaggio Da delfi68 il Lun 6 Feb - 17:36

ma sopratutto darrow il punto non è se fa piacere a te..a me pure sembra carino un complimento. Il punto è dare per scontato che alla donna faccia piacere in quanto donna! Ossia la donna come una gallina che risponde a un ruolo: accettare e aver piacere del complimento dell'uomo, a prescindere.
avatar
delfi68
-------------
-------------

Maschile Numero di messaggi : 11250
SCALA DI DAWKINS :
0 / 700 / 70

Data d'iscrizione : 29.10.09

Tornare in alto Andare in basso

Re: aborto...chi è la parte debole?

Messaggio Da loonar il Lun 6 Feb - 17:41

Fare complimenti ad una donna (o ad un uomo) non sempre mira al rapporto sessuale.
Fare complimenti è cortesia, come dire buongiorno o arrivederci, se poi mi dici "'ngiorno" fra i denti mentri mi stai mandando a fanculo sono problemi tuoi.
Quando faccio complimenti o saluto per strada gente sconosciuta non mi faccio troppe paranoie su che fine faranno* quei complimenti o quei saluti. Penso che sia un modo più civile di stare in società, infatti finora mai nessuno ha avuto da ridire per miei complimenti o saluti, mentre la cosa capita se mando a cagare o se dico "che faccia da culo che hai!".

Che ci siano donne (e uomini) che non sopportano complimenti è normale, possibile e legittimo, ma questo non vuol dire che io devo fare attenzione a farne, non mi risulta infatti che fare complimenti sia offensivo. Se la cosa è fastidiosa per qualcuno essendo rara la cosa sta a chi si ritiene offeso nel ricevere complimenti rendere pubblica questa sua idiosincrasia e non pretendere che tutti siano così sensibili da dover notare questa "allergia".

*nel senso che non mi aspetto che un mio saluto o un mio complimento debbano far risplendere di gioia chicchessia, è solo un gesto civile, se accetti ok, se no vaffa!

loonar
----------
----------

Maschile Numero di messaggi : 17394
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 10.03.11

Tornare in alto Andare in basso

Re: aborto...chi è la parte debole?

Messaggio Da delfi68 il Lun 6 Feb - 17:53

ooohhh..

eccazzo, tutto il casino con giurista e gedeone è la loro volontà, VOLONTA' a non ammettere questa semplice circostanza!

Che ci siano donne (e uomini) che non sopportano complimenti è normale, possibile e legittimo, ma questo non vuol dire che io devo fare attenzione a farne, non mi risulta infatti che fare complimenti sia offensivo.

Frase perfetta..

L'orrore sta solo nel piglio di certi che ritengono invece che la donna, IN QUANTO DONNA, abbia comunque e naturalmente piacere a ricevere un complimento da un uomo..

cazzo..ma sono io che non riesco a farmi capire, o che cosa.. pianto2

è solo un gesto civile, se accetti ok, se no vaffa!

Va bene anche questa!!! ..perchè metti all'ordine del giorno che la donna può pure non accettarli!
avatar
delfi68
-------------
-------------

Maschile Numero di messaggi : 11250
SCALA DI DAWKINS :
0 / 700 / 70

Data d'iscrizione : 29.10.09

Tornare in alto Andare in basso

Re: aborto...chi è la parte debole?

Messaggio Da loonar il Lun 6 Feb - 18:07

Cioè il thread finora si è sviluppato sulla presunta incapacità della donna di rifiutare complimenti? ehhhhhhh??

loonar
----------
----------

Maschile Numero di messaggi : 17394
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 10.03.11

Tornare in alto Andare in basso

Pagina 10 di 12 Precedente  1, 2, 3 ... 9, 10, 11, 12  Seguente

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto

- Argomenti simili

 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum